Epatite A - che cos'è, segni e trattamento

L'epatite A, nota anche come malattia di Botkin, è una malattia virale delle cellule del fegato, manifestata da ittero e intossicazione. A differenza di altre forme di epatite, l'epatite A non contribuisce alla cronologia dei processi di danno alle cellule del fegato e molto raramente causa la morte delle persone. È possibile sconfiggere i sintomi della malattia dopo 2 settimane e occorreranno inoltre circa uno o due mesi per normalizzare la struttura e la funzione del fegato dopo una malattia.

Tra la popolazione non esiste un gruppo specifico di persone che sarebbero soggette alla malattia sopra il resto, assolutamente tutti, a parità di condizioni sono a rischio della malattia: bambini, uomini, donne di diverso stato sociale ed età. Inoltre, i bambini di età compresa tra 1 anno e 10 anni presentano un transfert particolarmente lieve dei sintomi della malattia e gli anziani e i bambini piccoli del primo anno di vita soffrono di una forma complicata.

Cos'è?

L'epatite A è un virus RNA, appartiene alla famiglia dei Picornovirida, il genere Enterovirus. Le sue dimensioni sono 27-30 nm. Il virus non ha shell. La battitura è stata effettuata nel 1973. Successivamente, vengono identificati altri quattro genotipi di virus umano e tre genotipi di scimmia.

È stabilito che, indipendentemente dai genotipi, tutti i virus di tipo A hanno proprietà antigeniche, immunogeniche e protettive simili. Cioè, un singolo sierotipo, un virus, è determinato dagli stessi set standard di reagenti, può essere prevenuto dagli stessi vaccini.

Sono note le seguenti forme di epatite A virale:

  • icteric;
  • con ittero cancellato;
  • anitterico.

Modulo subclinico assegnato separatamente (inapparantnaya), che viene diagnosticato solo sulla base dei risultati dei test di laboratorio.

Il decorso della malattia può essere acuto, protratto, subacuto e cronico (estremamente raro). L'epatite infettiva acuta può essere lieve, moderata e grave a seconda della gravità delle manifestazioni cliniche.

Come viene trasmessa l'epatite A?

La fonte dell'infezione sono le persone malate nelle fasi del decorso subclinico e le manifestazioni iniziali della malattia, comprese quelle con una forma anterteriosa. Dopo la colorazione della sclera e della pelle, la contagiosità è significativamente ridotta. Nella terza settimana di patogenesi, un virus pericoloso viene rilasciato solo nel 5% dei pazienti.

Il periodo infettivo, tenendo conto del periodo di incubazione, dura circa un mese, meno spesso fino a un mese e mezzo.

Provate fonti di diffusione dei virus, in ordine decrescente:

  1. Semina il cibo. Questa modalità di trasmissione è di grande importanza epidemica. Tuttavia, stabilire il tipo di cibo pericoloso è quasi impossibile a causa del lungo periodo di incubazione.
  2. Contatto diretto con il paziente È caratteristico per le persone con abilità igieniche non sviluppate e le persone professionalmente con loro in contatto. Questo è il caso della trasmissione dell'agente patogeno in età prescolare e gruppi scolastici, collegi per persone con disabilità.
  3. Escrementi, urina, scarico dal rinofaringe. Questa modalità di trasmissione è chiamata fecale-orale. I principali fattori comprovati di trasmissione del virus dell'epatite A includono il contatto diretto tra i sani e gli ammalati. Il virus può anche essere trasmesso con cibo, acqua, goccioline trasportate dall'aria (alcuni autori escludono), durante il contatto sessuale, con iniezioni endovenose non sterili, attraverso mosche - portatori meccanici del virus.

Nel frattempo, i prodotti che sono più spesso i fattori di trasmissione del virus sono identificati:

  1. Bacche da giardino in forma fresca e congelata (dopo scongelamento), specialmente se sui letti, accanto alle piante di bacche, si trovano molluschi, lumache che possono accumulare il virus, se le creste sono annaffiate con fertilizzanti da escrementi umani.
  2. Prodotti preparati senza trattamento termico o consumati dopo lo stoccaggio (insalate, vinaigrette, piatti freddi, frutta secca e bacche, in particolare dal Kazakistan e dall'Asia centrale);
  3. Aerosol. Ipoteticamente possibile nei gruppi di bambini con la stratificazione di focolai di malattie respiratorie in gruppi con bassa resistenza. Il virus viene trasmesso da tosse, starnuti con scarico dal rinofaringe di una persona malata.
  4. Acqua. È tipico delle aree con infrastrutture municipali non sviluppate, scarsa organizzazione dell'approvvigionamento idrico, scarico di acque reflue e acque reflue. Aumenta significativamente il rischio di infezione durante incidenti e disastri naturali.
  5. Parenterale. La trasmissione del virus durante trasfusioni di sangue, iniezioni endovenose di soluzioni non è esclusa, specialmente in un ambiente che preclude l'osservanza della sterilità (tossicodipendenti).
  6. Trasmissibile (trasmissione del virus attraverso le mosche). I ricercatori non escludono la possibilità di infezione attraverso le mosche, ma la prevalenza di questo fattore non è stata studiata.
  7. Sessuale. La letteratura indica come possibile fattore di trasmissione negli omosessuali, senza decidere la relazione causale tra omosessualità ed epatite A.

Fasi di sviluppo

Esistono diverse opzioni per il decorso dell'epatite A. La malattia può presentarsi con un quadro clinico tipico e asintomatico. Nel caso dei sintomi manifesti (che si manifestano con sintomi luminosi) nello sviluppo della malattia ci sono diverse fasi.

In quali condizioni l'epatite A è più comune?

L'epatite A è una delle più comuni malattie infiammatorie del fegato di origine virale. Questa malattia è considerata innocua, ma in assenza di un trattamento adeguato, porta alla necrosi delle cellule del fegato. Pertanto, è importante sapere come viene trasmesso e chi è a rischio di prevenire l'infezione.

L'effetto del virus e lo sviluppo della patologia

La prevalenza del virus che causa l'epatite A o la malattia di Botkin è dovuta al suo alto tasso di sopravvivenza nell'ambiente. A temperatura ambiente, può esistere fino a un mese, in uno stato congelato, il virus rimane vitale per un massimo di cinque anni.

Quando l'epatite patogena entra nel corpo, attraverso i vasi sanguigni viene trasportata nel tessuto epatico. Legandosi alle proteine, infetta le cellule dell'organo, causando l'interruzione delle loro funzioni:

  • aumenta la produzione di fattori di necrosi tumorale (provocano infiammazione);
  • rallenta la formazione di acidi grassi;
  • aumento dei trigliceridi.
Segni di epatite A

Più a lungo l'infezione è nel corpo, più l'RNA virale nelle cellule del fegato. La sua sintesi continua fino a quando gli epatociti danneggiati muoiono o vengono distrutti dal sistema immunitario. Dopo di ciò, l'agente eziologico dell'epatite A viene incorporato nelle cellule sane e così via. Se il trattamento non viene effettuato, il tessuto epatico si estingue.

Il quadro clinico della malattia può essere diverso. A seconda della gravità dei segni della patologia, si distinguono le sue forme tipiche e asintomatiche. Nel primo caso, si distinguono 4 fasi nello sviluppo della malattia (Tabella 1).

Tabella 1 - Fasi di sviluppo dell'epatite A

L'epatite A non si trasforma in una forma cronica, è ben curabile. Ma con un decorso grave e rapido della malattia, l'infiammazione del muscolo cardiaco, la comparsa di disfunzioni delle vie biliari e lo sviluppo di insufficienza renale sono possibili. Questo aumenta il rischio di morte.

Trasmissione di infezioni

L'epatite A è più comune nei paesi con un clima caldo e un basso livello di sviluppo socio-economico. Considerare i principali modi di diffondere le infezioni e quanto sono tipici per l'epatite A:

  • Airborne. Non ci sono casi registrati di infezione da epatite A con goccioline trasportate dall'aria. Inoltre, non ci sono prove che l'agente eziologico della malattia sia in grado di localizzarsi sulla membrana mucosa del tratto respiratorio superiore. Pertanto, il rischio di penetrazione del virus attraverso l'aria è assente.

Fecal-orale: acqua e cibo come fonte di infezione. Il consumo di acqua e cibo infetti è la principale via di infezione dal virus dell'epatite A. Insieme alle feci secrete da una persona malata, l'agente eziologico della malattia di Botkin entra nei laghi, nei fiumi e in altri corpi idrici. Se c'è un malfunzionamento nel sistema di trattamento delle acque reflue, risulta essere nella rete idrica cittadina.

È possibile essere infettati da un virus quando si mangia verdura e frutta lavati con acqua infetta, frutti di mare trattati male (pesce, cozze, vongole) o alimenti preparati da pazienti con epatite. I focolai della malattia che trasmettono attraverso l'acqua sono più caratteristici delle aree con struttura comunale non sviluppata, scarsa organizzazione dell'approvvigionamento idrico.

Il numero di casi aumenta in autunno e primavera, durante le piogge e le inondazioni.

Parenterale. L'epatite è trasmessa attraverso il sangue? L'infezione con il virus dell'epatite A in questo modo è possibile quando i prodotti sanguigni vengono trasfusi. Ma ciò accade se viene prelevato dal paziente durante il periodo prodromico della malattia e immediatamente trasfuso, o se i preparati del plasma sono fatti di tale sangue. Ma dal momento che tutti coloro che vogliono diventare donatori sono sottoposti a un test preliminare, la probabilità di infezione è minima.

Anche il rischio di trasmissione dell'epatite da parte del metodo parenterale è basso tra i tossicodipendenti: il virus è instabile nel sangue. I casi di infezione attraverso iniezioni sono rari. La diffusione dell'infezione tra i tossicodipendenti è più spesso associata alla non conformità con le regole della sterilità e dell'igiene personale (attraverso le mani non lavate).

  • Sessuale. Il virus non si trova nei fluidi biologici. Ma la probabilità di contrarre l'epatite con intimità intima non è esclusa. C'è un'opinione secondo cui l'infezione è possibile durante il rapporto anale.
  • Trasmissibile. I ricercatori non escludono la possibilità di trasmissione del patogeno dell'epatite da parte degli insetti. In condizioni di scarsa igiene, le mosche possono trasferire il virus all'acqua o al cibo. Ma il loro ruolo come fattore di trasmissione non è completamente compreso.
  • Contagio dell'epatite

    La principale fonte di infezione è un paziente con epatite. Può essere infettato alla fine dell'incubazione e durante l'intero periodo prodromico. La replicazione attiva e l'isolamento del virus dura da 2 a 3 settimane. Dopo l'inizio dei sintomi dell'ittero, la quantità di RNA virale nel corpo diminuisce: una persona diventa non infettiva.

    I pazienti con tali forme di epatite conducono uno stile di vita abituale (andare al lavoro, frequentare asili, scuole e altri luoghi affollati), rimanendo una fonte nascosta di infezione.

    Problemi con la digestione (stitichezza, diarrea, flatulenza), debolezza generale e bassa temperatura corporea possono indicare la presenza di epatite A. asintomatica Se compaiono questi sintomi, è necessario contattare un istituto medico.

    I fattori che aumentano la probabilità che il virus dell'epatite A entri nel corpo includono:

    • viaggi in paesi con un'alta incidenza di infezione senza precedente vaccinazione;
    • cattive condizioni igieniche;
    • trascuratezza dell'igiene personale;
    • mancanza di acqua pulita;
    • assunzione di droghe ricreative;
    • l'uso di verdure e frutta non lavate, prodotti che non hanno subito trattamenti termici.

    Sia gli adulti che i bambini soffrono di epatite A. Ma il rischio della malattia è molto più alto nelle persone di questi gruppi:

    • utilizzando un condotto non pulito ;;
    • impegnati nella pulizia fogna;
    • popolazione dei paesi in via di sviluppo;
    • parenti di un paziente con epatite che vivono nella stessa stanza con lui;
    • bambini piccoli;
    • turisti;
    • infermieri, medici di reparti infettivi, rifugi e convitti per bambini, case di cura;
    • orientamento sessuale non tradizionale (uomini);
    • tossicodipendenti;
    • praticare il sesso anale.

    Le persone non vaccinate e precedentemente non infette sono maggiormente a rischio. È importante sapere che il virus non può ri-infettare il fegato: ci sono anticorpi nel sangue per tutta la vita.

    Diagnosi e prevenzione della malattia

    Per escludere l'infezione in caso di sospetto, è necessario sottoporsi ad un esame. La diagnosi della malattia inizia con la raccolta della storia e dei reclami, l'ispezione. Dopo questo, vengono nominati i seguenti esami del sangue:

    Se nel corso dello studio vengono rilevati nel sangue anticorpi del virus dell'epatite A di classe G, significa che la persona ha avuto la malattia di Botkin prima o è stata vaccinata. Ha l'immunità alla malattia. Se non vengono rilevate immunoglobuline, esiste il rischio di infezione.

    Se c'è un paziente con epatite A in famiglia, tutti i suoi membri dovrebbero essere sottoposti a screening per gli anticorpi del virus e, se necessario, ottenere un vaccino. Il contatto con il paziente non è vietato, ma i bambini piccoli sono meglio isolati dalla fonte dell'infezione.

    Per evitare che il virus entri nel corpo, si raccomanda di rispettare le regole di base dell'igiene personale: lavarsi le mani prima di mangiare e preparare il cibo, dopo aver preso cura di un neonato, usando il bagno o il bagno. L'importanza della prevenzione è indicata dalle recensioni dei pazienti:

    La prevenzione generale dell'insorgenza della malattia di Botkin consiste nell'escludere i fattori che contribuiscono all'infezione virale. È necessario:

    1. Rifiuta di innaffiare le piante con acqua stagnante.
    2. Nuota solo in corpi idrici appositamente progettati.
    3. Lavare il cibo in acqua bollita.
    4. Preparare correttamente i frutti di mare (il trattamento termico dovrebbe durare almeno 10 minuti).
    5. Utilizzare solo acqua di qualità per bere.

    Uno dei modi migliori per prevenire la malattia Botkin è la vaccinazione tempestiva.

    Quasi il 100% delle persone dopo l'introduzione di una singola dose del farmaco durante il mese ha formato anticorpi contro il virus. L'effetto dura per diversi anni. Per garantire una protezione più lunga (5-8 anni), si consiglia una doppia somministrazione del vaccino.

    Tutti possono avere l'epatite A. Ma se si rispettano le principali misure preventive, è possibile vaccinare in tempo, eliminare completamente o ridurre significativamente il rischio di contrarre il virus, migliorare la propria salute e quindi aumentare la resistenza del corpo al virus.

    Come viene trasmessa l'epatite A

    L'epatite A si riferisce a malattie infettive che si verificano con danni al fegato e l'insorgenza della sindrome dell'ittero. L'agente causale che porta allo sviluppo di questa patologia è un virus appartenente agli enterovirus e caratterizzato da resistenza nell'ambiente esterno. La sua natura virale fu scoperta nel 1973. Negli anni successivi, sono stati identificati altri virus che portano allo sviluppo dell'epatite: B, C, ecc. Esiste un parere che con lo sviluppo della scienza e della medicina sarà disponibile la diagnostica di laboratorio e altri agenti causali dell'epatite.

    Quali sono le fonti della malattia?

    La fonte della malattia è una persona malata. Ci sono opere di alcuni autori americani, dove ci sono casi di infezione da scimpanzé e altre specie di scimmie. Tuttavia, in ampi ambienti medici questa informazione non è stata diffusa.

    L'infezione con il virus dell'epatite A si verifica più spesso per via alimentare o fecale-orale. Per comprendere meglio il meccanismo di trasmissione dell'infezione, è necessario toccare le caratteristiche dell'agente patogeno.

    Tra tutti gli enterovirus patogeni, il virus dell'epatite A è il più resistente nell'ambiente.

    Può durare per settimane a temperatura ambiente, per mesi a -20 gradi e per 5 minuti durante l'ebollizione. Anche la clorurazione dell'acqua nella rete idrica urbana lo uccide solo dopo mezz'ora. Tale resistenza del patogeno provoca un'ampia diffusione della malattia in tutto il mondo.

    Meccanismi di infezione e vie di trasmissione

    L'epatite A non è per niente ha il nome "malattia delle mani sporche". Se le norme igienico-sanitarie non vengono osservate, il virus entra nel corpo con cibo o acqua. Nei casi in cui si verifica un malfunzionamento nel sistema di trattamento delle acque reflue e l'agente patogeno entra nell'approvvigionamento idrico della città, non si può evitare un focolaio di incidenza.

    Essendo molto resistente all'azione del succo gastrico, penetra facilmente nel flusso sanguigno, creando la viremia, e quindi dal flusso sanguigno penetra nel fegato, dove si verifica il suo effetto tossico sugli epatociti e sulle cellule del fegato.

    Con una situazione sanitaria ed epidemiologica molto sfavorevole, il virus dell'epatite A può anche essere trasmesso tramite il metodo del contatto familiare quando si prende cura di un paziente infetto in un ospedale o in un ambiente domestico. In un modo simile si verifica e l'infezione dal paziente durante le relazioni omosessuali.

    Vi sono casi di infezione da virus dell'epatite A per via parenterale quando si iniettano prodotti sanguigni. Le persone dedite che riutilizzano un ago infetto possono essere infettate allo stesso modo.

    Quindi, le vie di trasmissione per l'epatite A sono le seguenti:

    • fecale-orale,
    • iniezione,
    • contatto e famiglia.

    Dubbi e preoccupazioni sul fatto che l'epatite A possa essere trasmessa dall'infezione da goccioline sono infondate. Non ci sono casi registrati di infezione in questo modo.

    E sebbene in alcuni paesi ci siano stati focolai di epatite A virale, procedendo secondo il tipo di epidemia, anche in questo caso la causa era l'acqua inquinata.

    Sulla base di come viene trasmessa l'epatite A, c'è una certa stagionalità nella complicazione della situazione epidemiologica. L'incidenza di picco si osserva nella stagione calda. In un certo senso, questo aumento è dovuto all'aumento del numero di mercati spontanei e non autorizzati in cui vengono vendute merci che non sono state sottoposte a controllo sanitario.

    Inoltre, in estate, il volume di frutta e verdura consumata raggiunge il massimo, spesso senza elaborazione preliminare.

    Chi è a rischio?

    Pertanto, il gruppo di rischio nei casi con epatite A è:

    • persone che ritornano da aree epidemicamente sfavorevoli
    • tossicodipendenti
    • omosessuali,
    • personale medico,
    • persone che sono in stretto contatto con parenti malati.

    Nei casi con un fatto noto di infezione (per esempio, l'uso di acqua per bere dopo aver attraversato la condotta fognaria) per un breve periodo, l'introduzione di immunoglobulina è possibile con uno scopo preventivo. Ciò contribuirà a prevenire lo sviluppo della malattia. Ma questo farmaco può essere efficace solo due settimane dopo l'infezione. Successivamente, il meccanismo di sviluppo dell'infezione sarà già avviato.

    Fasi dello sviluppo della malattia

    L'epatite A attraversa diverse fasi del suo sviluppo:

    1. prodromico;
    2. L'altezza della malattia o itterica;
    3. Reconvalescenza o recupero.

    I sintomi dell'epatite A differiscono in momenti diversi. Il periodo di incubazione, cioè l'intervallo di tempo tra l'infezione e i primi sintomi, dura circa 40 giorni, a volte abbreviati a 15.

    Lo stadio prodromico può presentarsi in diverse forme:

    • simil-influenzale,
    • dispeptici,
    • asthenovegetative.

    La forma simile all'influenza è caratterizzata dalla presenza di manifestazioni catarrali, febbre, malessere generale, dolore muscolare. La forma dispeptica è caratterizzata da una mancanza di appetito, dalla presenza di nausea, vomito, sapore amaro in bocca, dolore nella regione epigastrica e giusto ipocondrio.

    La forma astenovegetativa è caratterizzata da sintomi di malessere, prestazioni ridotte, irritabilità, sonno povero. Molto spesso si deve affrontare una forma mista di sviluppo dello stadio prodromico. La sua durata va da due a dieci giorni.

    È sostituito dallo stadio itterico, caratterizzato principalmente da un cambiamento nel colore dell'urina, che assume l'aspetto della birra. Diventa lo stesso buio e schiumoso. Inoltre, ikterichnost (ittero) della sclera e della pelle, spesso accompagnata da prurito.

    Spesso c'è una decolorazione delle feci. Durante questo periodo, i sintomi simil-influenzali scompaiono e i sintomi dispeptici aumentano. La durata di questa fase va dai 15 ai 30 giorni.

    Dopo questo periodo, le manifestazioni cliniche sono ridotte e inizia il processo di recupero, che richiede 3-6 mesi. Durante questo periodo viene mantenuto un aumento del fegato e vengono modificati anche i dati degli esami di laboratorio.

    Tuttavia, nel tempo, questi indicatori sono normalizzati e si verifica il recupero completo.

    I pazienti formano una forte immunità e non si notano casi di malattie ricorrenti.

    Misure preventive

    Quindi, sulla base di come viene trasmessa la malattia, possiamo concludere sulle misure della sua prevenzione. Includono quanto segue:

    • l'organizzazione dell'approvvigionamento idrico alla popolazione adatta per bere,
    • disinfezione delle acque reflue,
    • lavarsi le mani regolarmente dopo aver usato il bagno e prima di preparare il cibo,
    • usare solo acqua purificata o bollita per bere,
    • lavare frutta e verdura prima di mangiare,
    • nuotare solo in serbatoi destinati a questo.

    Come viene trasmessa e trattata l'epatite A

    Molti hanno una domanda: qual è la malattia delle mani sporche, o ittero, o epatite A, come viene trasmessa, qual è il trattamento e come prevenire l'infezione? Non c'è nulla di sorprendente e difficile nel processo di acquisizione di questa malattia, basta semplicemente mangiare cibo o bere acqua con questa infezione per avviare il meccanismo di infezione rapida. L'epatite A dà gravi complicazioni che possono portare alla morte di un paziente.

    L'epatite A è un'infezione batterica acuta causata dal virus dell'epatite A (HAV). È responsabile per i processi di infiammazione e danni alle cellule del fegato.

    Globalmente, circa 1,2-1,4 milioni di casi di malattia sono registrati ogni anno, il 20% dei pazienti richiede il ricovero in ospedale assoluto. La mortalità è bassa ed è 0,6-2,1%.

    Fonte di entrata nel corpo

    Come si può ottenere l'epatite? Nel 95% dei casi, l'infezione si verifica attraverso il consumo:

    • prodotti, per esempio, lavati in acqua infetta - verdure, frutta, pesce, frutti di mare;
    • acqua contaminata da feci infette

    In rari casi, l'infezione da HAV può essere trasmessa:

    • attraverso il sesso non protetto;
    • a stretto contatto con persone infette (una persona può essere infettata dall'epatite A entro 7 giorni dopo l'insorgenza dei sintomi della malattia), pur rimanendo costantemente con un portatore del virus;
    • sono possibili anche altri percorsi di trasmissione che si verificano quando l'integrità del tessuto viene violata (attraverso il sangue).

    L'epatite A viene spesso trasmessa dai bambini agli adulti. A loro volta, l'infezione è accompagnata da gravi sintomi. Nei bambini piccoli, la pelle itterica non è osservata con la malattia. Più del 40% dei pazienti di età superiore ai 40 anni richiede il ricovero in ospedale. Nel 10-20% dei pazienti dopo il recupero, si osserva una recidiva della malattia.

    Come viene trasmessa l'epatite A in altri modi? La categoria di persone più vulnerabili alle infezioni da epatite A sono i dipendenti delle organizzazioni di gestione delle acque reflue. Inoltre, le persone che lavorano nel settore sanitario, negli asili nido, negli asili e nell'esercito, sono a rischio. La probabilità di contrarre un'infezione di origine virale aumenta durante una visita in paesi in cui la malattia è ancora comune. In particolare, si tratta di paesi dell'Europa orientale, della regione mediterranea e della Russia.

    L'insorgenza di sintomi

    Il meccanismo di trasmissione e manifestazione del virus nel corpo umano dura da 15 a 50 giorni (circa 30 giorni in media). Dopo questo tempo, compaiono i sintomi della malattia, anche se a volte dopo la trasmissione dell'epatite, la malattia appare asintomatica. Questo può accadere nel 90% dei bambini fino al quinto anno di vita. Se il virus viene trasmesso agli adulti, i sintomi della malattia di solito aumentano.

    6-7 giorni prima dell'inizio della forma completa della malattia, possono manifestarsi i primi sintomi: influenza, nausea, diarrea. Quindi, il sintomo più caratteristico e visibile della malattia - ittero (determinato dalla tinta gialla della pelle e del bianco degli occhi), che può essere accompagnato da un ingrossamento del fegato. Questo perché il corpo aumenta la produzione di pigmento giallo - la bilirubina. L'ittero scompare tra circa un mese.

    Inoltre, appare:

    • sentirsi male e debole;
    • febbre;
    • mancanza di appetito;
    • nausea e vomito
    • dolore all'addome, muscoli e articolazioni;
    • prurito della pelle;
    • colore scuro delle urine.

    Le manifestazioni acute della malattia di solito scompaiono in pochi giorni.

    Vaccinazione come protezione contro il virus

    L'unico modo efficace per prevenire l'epatite A è la vaccinazione. Dopo un ciclo completo di vaccinazione, si formano anticorpi nel corpo che possono proteggere dal virus. Sono necessarie due dosi di vaccino per proteggere contro l'epatite a vita, utilizzate secondo lo schema di 6 - 12 mesi.

    Dovresti essere consapevole che, in accordo con il programma di vaccinazione dell'epatite A in corso, si raccomanda l'immunizzazione:

    • persone che vivono in paesi con alto e medio rilevamento di questa malattia;
    • persone impegnate nella produzione e distribuzione di alimenti, nello smaltimento di rifiuti e impurità liquide, nonché nella riparazione e manutenzione di dispositivi progettati a tale scopo;
    • bambini in età prescolare, età scolare e giovani che non hanno sofferto di epatite A.

    Diagnosi della malattia e metodi di trattamento

    In caso di sospetta epatite, viene eseguito un esame del sangue per il virus dell'epatite A. Se si è verificata un'infezione, si osserva un'aumentata attività degli enzimi alanina nel plasma sanguigno, si osserva un aumento della concentrazione di bilirubina. La diagnosi finale e la clinica dell'epatite A sono fatte sulla base dei risultati di uno studio sierologico, che viene effettuato per determinare gli anticorpi.

    Questa malattia si risolve da sola, per un massimo di 6 mesi. Non esiste un farmaco progettato per eliminare il virus nel corpo. Si raccomanda al paziente di limitare l'attività fisica, un'alimentazione corretta e l'idratazione. In caso di aumentato prurito, al paziente può essere somministrata colestiramina.

    Le complicazioni dell'epatite A sono molto pericolose e possono portare alla morte. Questi includono ittero colestatico, aplasia del midollo osseo, anemia acuta, epatite emolitica.

    Inoltre, ci possono essere ricadute (nel 10-20% dei casi). L'infezione (VAG) non porta allo sviluppo di epatite cronica, cirrosi e cancro del fegato primario.

    Dieta e terapia infusionale

    Un'adeguata dieta per adulti dovrebbe contenere una dose giornaliera di nutrienti di 2000 kcal (70% di carboidrati digeribili, 10-20% di grassi e 10% di proteine) con una graduale espansione in accordo con la tolleranza individuale. È possibile tornare a una dieta normale dopo sei mesi. In caso di sintomi: vomito grave e disidratazione del corpo, alimentazione attraverso un tubo o somministrazione parenterale è necessario. L'alcol è meglio escludere dalla dieta durante il periodo di trattamento.

    Durante le manifestazioni acute della malattia, i farmaci che metabolizzano il fegato o causano colestasi dovrebbero essere evitati.

    È necessario aderire alle misure preventive:

    • seguire le regole dell'igiene durante la cottura;
    • utilizzare il cibo dopo il trattamento termico (bollito, cotto, fritto);
    • evitare carne arrostita male, carne di crostacei, non comprare cibo sulle bancarelle;
    • bere solo acqua in bottiglia o acqua bollita (soprattutto durante il soggiorno all'estero);
    • proteggere il cibo dagli insetti.

    È piuttosto difficile neutralizzare la fonte di infezione durante il periodo di attivazione del virus. È necessario identificare la malattia in uno stadio precoce della malattia.

    Per prevenire la diffusione dell'infezione, è necessario seguire le regole di igiene nella produzione e preparazione dei prodotti alimentari, nonché utilizzare acqua sana e pulita.

    L'immunità aumentata è necessaria affinchè il corpo sostenga l'infezione. L'immunità si rafforza somministrando la gamma globulina umana ai bambini fino a 14 anni in caso di contatto con pazienti con epatite A o vaccinazioni profilattiche contro questo virus.

    Trasmissione, sintomi e diagnosi dell'epatite virale A

    La malattia di Botkin o l'epatite A è una malattia del fegato di eziologia virale. La malattia è caratterizzata non solo da un processo infiammatorio attivo nei tessuti dell'organo, ma anche dalla necrosi delle principali cellule epatiche - gli epatociti.

    Questa infezione appartiene al gruppo intestinale, ma rispetto ad altre patologie e lesioni del fegato, l'epatite A presenta alcune peculiarità, anche in termini di diffusione e trasmissione del patogeno.

    Modi per trasmettere l'epatite A

    Una caratteristica importante del virus dell'epatite A è che si adatta perfettamente a quasi tutte le condizioni ed è in grado di tollerare facilmente molti tipi di influenza. Ecco perché ci sono molti modi per trasmettere l'epatite virale A.

    In normali condizioni ambientali a temperatura ambiente, il virus rimane vitale per diverse settimane.

    Nel frigorifero, ad esempio, sul cibo, il virus dell'epatite A può esistere in uno stato attivo per molti mesi, e se il prodotto è congelato e la temperatura nel congelatore non supera i 20 gradi, il virus può persistere per molti anni.

    Nel processo di ebollizione, il virus dell'epatite A muore solo dopo 5 minuti e altri metodi di inattivazione, che vengono spesso utilizzati in varie fabbriche nella produzione di prodotti, il virus dell'epatite A nella maggior parte dei casi soffre senza molti danni. Successivamente, daremo un'occhiata più da vicino a quale sia l'epatite A, quali sintomi ha la malattia, come viene trasmessa, quanto è elevata l'infettività e quanto è lungo il periodo di incubazione.

    Infezione del canale navigabile

    L'infezione da epatite A si verifica più spesso con l'acqua. Un'enorme quantità di virus viene espulsa insieme alle feci di una persona malata e, se la disinfezione delle secrezioni viene effettuata in modo improprio o di scarsa qualità, il virus può entrare nei corpi naturali dell'acqua insieme alle acque reflue. Allo stesso tempo, il virus dell'epatite A si sente bene non solo in acqua fresca, ma anche in acqua salata.

    È attraverso l'acqua che l'epatite A viene trasmessa più spesso. Il consumo di acqua non clorurata, di bassa qualità e non bollita è considerato un modo di infezione da epatite A. È per questo motivo che la prevalenza del virus è così elevata in molti paesi sottosviluppati in cui non esiste un approvvigionamento idrico centrale e sistemi di fognatura normali.

    È possibile ottenere un virus attraverso il cibo, come verdure e frutta, se sono stati lavati con acqua con la presenza di un virus attivo e consumati crudi.

    Percorso di infezione alimentare

    Se il virus entra nei serbatoi, può accumularsi in quantità considerevole nei corpi di molluschi e pesci. La maggior parte dei molluschi e dei vari abitanti dei mari dal corpo morbido allo scopo di nutrirsi attraversano grandi quantità di acqua attraverso di loro, filtrandoli, in conseguenza del quale accumulano il virus dell'epatite A in una forma concentrata. Allo stesso modo c'è un'infezione dei pesci.

    Non è consigliabile mangiare pesce e frutti di mare in forma cruda o mal preparata. Se i prodotti non subiscono un trattamento termico completo, il loro consumo aumenta significativamente le possibilità di infezione.

    È pericoloso fidarsi delle persone che sono state infettate dall'epatite A. Se una persona malata non rispetta le precauzioni nel processo di cottura ed è negligente per quanto riguarda le norme di igiene personale, allora si può essere infettati da un virus quando si mangiano cibi cotti.

    Le più pericolose sono le pietanze preparate con alimenti termicamente non trasformati che sono stati congelati e scongelati prima della cottura a temperatura ambiente normale. Una caratteristica del corso di questa malattia può essere chiamata il fatto che nel periodo iniziale di sviluppo dell'epatite A non si può praticamente creare manifestazioni.

    L'epatite A può anche manifestarsi in forma anterterica, obliterata, quando le manifestazioni esterne sono praticamente assenti. Tali caratteristiche dello sviluppo della malattia complicano notevolmente la diagnosi tempestiva della malattia e l'isolamento del paziente.

    Infezione tramite contatti

    Puoi contrarre l'epatite A virale attraverso lo stretto contatto con una persona infetta, soprattutto se vengono violate le norme igieniche.

    Se durante la cura del paziente ha bisogno di cambiare i pannolini, il pericolo di infezione aumenta drammaticamente. Di regola, prima di tutto, i familiari del paziente e il personale medico della clinica infettiva sono esposti al metodo di contatto di infezione.

    Via parenterale di infezione

    Teoricamente, un altro modo di trasmettere l'epatite virale A è il sangue, ad esempio, attraverso la trasfusione di materiali donatori, nel caso in cui il donatore sia infetto, ma la malattia non si è ancora sviluppata. Il rischio di infezione da tale sangue aumenta significativamente se sono stati preparati vari preparati da esso, che sono stati successivamente congelati per la conservazione.

    In passato, era questa via di infezione che ha portato all'emergere di epidemie su larga scala di epatite A e all'infezione di persone con emofilia, ricevendo insieme al plasma iniettato e al fattore di coagulazione.

    Per quanto riguarda i tossicodipendenti che utilizzano un singolo ago, i medici non sono stati in grado di determinare in modo affidabile la possibilità di trasmissione del virus. Ci sono casi di infezione da tossicodipendenti nella pratica medica, ma secondo i medici, l'infezione molto probabilmente è avvenuta per contatto.

    Infezione a trasmissione sessuale

    Con un normale atto eterosessuale, l'infezione da virus è quasi impossibile, poiché né il lubrificante vaginale né lo spermatozoo contengono virus dell'epatite A. Tuttavia, durante i rapporti sessuali con una persona malata, il rischio di trasmissione del virus da parte del metodo fecale-orale aumenta significativamente.

    Ci sono molte controversie sulla possibilità di infezione attraverso i baci, dal momento che una piccola quantità del virus dell'epatite A è contenuta nella saliva di una persona malata, ma tuttavia questa via di trasmissione della malattia non ha trovato alcuna conferma oggettiva. Ma in ogni caso, baciare una persona malata non vale la pena.

    Altre rotte di trasmissione

    Nella pratica medica sono stati registrati casi isolati di trasmissione della malattia al bambino da una madre malata, ma la possibilità di infezione durante il parto non è stata dimostrata. Molto probabilmente, la malattia è stata trasmessa ai bambini dopo che sono nati nel solito modo di contatto e non è stata osservata l'igiene necessaria o il bambino è stato infettato nel periodo di sviluppo prenatale.

    Epatite A periodo di incubazione

    Per le persone che li circondano, una persona malata è contagiosa nella forma anterteriosa della malattia, così come nella fase subclinica della trasmissione del virus. I pazienti nei quali la malattia è nelle fasi iniziali, cioè durante l'incubazione del virus e nella prima fase del suo sviluppo, quando l'ittero non si è ancora manifestato, sono contagiosi.

    In medicina, ci sono casi di sviluppo più rapido della malattia, quando il periodo di incubazione era solo di circa 2 settimane, così come lo sviluppo più lento con un periodo di incubazione di circa 50 giorni.

    Durante il periodo di incubazione, il virus che è entrato nel corpo si moltiplica e si diffonde attraverso il flusso sanguigno attraverso il corpo umano, accumulandosi simultaneamente nei tessuti e negli organi. Durante questo periodo, una persona infetta si sente normale, non notando alcun sintomo, disturbi e altre manifestazioni. Una persona si sente completamente sana e vigorosa, ma allo stesso tempo è contagiosa con gli altri e diventa una fonte di infezione per i suoi cari.

    Gruppi di rischio

    Alcuni gruppi di persone sono particolarmente a rischio di infezione da virus dell'epatite A.

    A rischio includono:

    • Persone che vivono in aree ad alta prevalenza del virus;
    • Cliniche di operatori medici, principalmente infettive;
    • Le persone che vanno in gita in regioni caratterizzate da una situazione epidemica povera rispetto all'epatite A, in particolare, nei paesi del Sud-Est e dell'Asia centrale, in Africa, così come in alcune regioni dell'America Latina;
    • Epatite: familiari, amici e colleghi;
    • Uomini che hanno un orientamento sessuale non tradizionale (omosessuali);
    • Persone che hanno uno stretto contatto con una persona infetta, familiare o sessuale;
    • Dipendenti che assumono droghe in qualsiasi forma.

    Tutte le persone nella categoria ad alto rischio per l'infezione da epatite A dovrebbero essere regolarmente testate per la presenza del virus, così come le vaccinazioni programmate tempestivamente.

    vaccinazione

    La medicina moderna ha sviluppato molte varianti del vaccino contro l'epatite A, ognuna delle quali è una particella patogena in una forma inattivata, ma mantenendo le sue proprietà immunitarie di base.

    Praticamente ciascuno dei vaccini viene somministrato due volte ad un intervallo di circa 1 anno, mentre gli anticorpi protettivi nel corpo umano compaiono entro pochi giorni dopo la somministrazione, persistendo per circa 10 anni.

    Vi è molta polemica sulla necessità di tale vaccinazione, mentre alcune persone sostengono che la somministrazione di droghe non è necessaria, perché la malattia ha un carattere benigno ed è quasi sempre completamente guarita in un brevissimo periodo di tempo, e l'epatite A forma raramente forme croniche..

    I residenti delle regioni a bassa e media epidemia contro l'epatite A hanno la massima efficacia dall'introduzione del vaccino già nei bambini Nei paesi in cui l'epidemia di questo virus ha indicatori minimi, le vaccinazioni possono essere praticate già in età adulta, specialmente nelle persone appartenenti a gruppi alto rischio.

    Nei paesi in cui l'epidemiologia di questo virus ha tassi elevati, l'uso del vaccino è solitamente limitato, poiché la maggior parte della popolazione adulta ha un'immunità sufficientemente forte, che appariva naturalmente.

    Prevenzione dell'epatite A

    Le misure preventive contro eventuali malattie sono quasi sempre volte a prevenire l'infezione e interrompere la trasmissione del patogeno.

    Poiché l'epatite A è in molti casi trasmessa secondo il meccanismo fecale-orale, le principali misure preventive possono essere chiamate:

    • Creare e mantenere condizioni ottimali favorevoli per la vita delle persone e l'attuazione delle loro attività professionali;
    • Elaborazione accurata di tutti i prodotti prima del loro utilizzo e preparazione dei piatti, nonché controllo completo della qualità e sicurezza nelle fasi di approvvigionamento dei prodotti, loro lavorazione, ulteriore stoccaggio e vendita;
    • Miglioramento sanitario completo e di alta qualità di tutti gli insediamenti, costruzione di reti di approvvigionamento idrico con monitoraggio regolare dello stato delle acque, costruzione di sistemi fognari con sistemi di pulizia completi;
    • Aumento della cultura generale sanitaria in tutte le regioni;
    • Condurre vaccinazioni di routine.

    Sintomi e diagnosi dell'epatite A

    I sintomi dell'epatite A di solito dipendono da determinate circostanze e quindi possono manifestarsi in modi diversi. I fattori che influenzano il quadro clinico includono: l'età di una persona infetta, lo stato della sua immunità e la gravità dell'attacco virale.

    I sintomi classici lievi e le manifestazioni dell'epatite A includono:

    • Aumento della sudorazione;
    • Letargia e debolezza costanti;
    • Sintomi di interruzione del sistema digerente, patologia intestinale o intossicazione alimentare, espressa nella comparsa di diarrea e vomito, mentre i segni di danno epatico non sono sempre presenti;
    • Un leggero aumento della temperatura corporea, per lo più fino a 37 gradi, a volte un po 'più alto;
    • Feci incolori con significativo oscuramento delle urine;
    • Circa una settimana dopo essere stati infettati dal virus, compaiono segni di ittero.

    Se la malattia è in forma acuta, la sua diagnosi non è difficile e non richiede una ricerca specifica, dal momento che il medico ha solo bisogno di un esame esterno del paziente e una valutazione del quadro clinico. In questo caso, lo studio è condotto in ospedale. Il più difficile da identificare una malattia che si verifica in una forma latente, non avendo un quadro clinico brillante.

    I principali metodi diagnostici per l'epatite A includono:

    • Condurre studi clinici;
    • Conduzione di esami di laboratorio (urine, sangue e feci);
    • Condurre studi strumentali.

    Test di laboratorio condotti e speciali che possono essere suddivisi in specifici e non specifici. Specifici sono in genere volti a determinare il tipo di patogeno o la rilevazione delle sue tracce, così come la rilevazione di anticorpi esistenti. Utilizzando test non specifici, i medici determinano la presenza di marker di danno epatico.

    Infezione da epatite A.

    Ci sono molti virus che sono piuttosto infettivi e pericolosi per l'uomo. L'epatite A si riferisce specificamente a tali patologie, perché è resistente al trattamento e ha molti modi di trasmissione, quindi il rischio di infezione è alto.

    L'infezione da epatite A si verifica più spesso attraverso l'acqua o il cibo, quindi chiunque può sperimentare una tale malattia.

    Per evitare lo sviluppo di patologie, dovrebbe essere vaccinato in modo tempestivo.

    Cos'è l'epatite A

    L'epatite virale è una grave patologia del fegato, causata da un agente virale entrato nel corpo.

    La malattia provoca infiammazione fulminante dei tessuti del fegato e necrosi degli epatociti - le sue cellule.

    La malattia è considerata infettiva e appartiene alla categoria intestinale. Se confrontato con altre patologie simili, l'epatite A differisce da loro nella distribuzione e nel metodo di trasmissione del virus.

    Come viene trasmessa l'epatite A

    La forma considerata di epatite colpisce il fegato e provoca la comparsa di un tono della pelle ittero.

    L'agente eziologico dell'epatite A è considerato un virus che è un enterovirus ed è abbastanza stabile in condizioni ambientali.

    Le principali fonti della malattia

    La principale fonte di trasmissione della patologia è una persona infetta. Alcuni scienziati americani sostengono che ci sono stati casi in cui una persona è stata infettata dall'epatite A dalle scimmie.

    Ma questa informazione non è stata confermata ufficialmente. L'epatite virale spesso si diffonde in modo alimentare o fecale-orale.

    Per capire esattamente come viene trasmessa l'infezione, è necessario studiarne le caratteristiche principali.

    Nella lista degli enterovirus di natura patogena, l'epatite A è considerata una delle più persistenti nell'ambiente.

    Questo suggerisce che può essere conservato al chiuso per diverse settimane e può essere conservato a freddo per mesi a -20 gradi.

    Inoltre, il virus è resistente alla bollitura - "vivo" per 5 minuti di ebollizione e "morendo" solo dopo mezz'ora di essere in acqua clorata.

    Queste proprietà spiegano la patologia diffusa in tutto il mondo e la massiccia infezione da epatite.

    Metodi di infezione e meccanismo di trasmissione dell'epatite A

    La malattia di Botkin viene spesso definita "malattia della mano sporca". Se una persona non osserva l'igiene personale e mangia cibo non lavato, c'è il rischio di trasmissione del virus attraverso cibo o acqua.

    Spesso questo accade quando il sistema del sistema di pulizia della città fallisce e il virus si diffonde attraverso il sistema centrale di approvvigionamento idrico.

    A causa del fatto che l'infezione è resistente all'influenza negativa del succo gastrico su di esso, il virus entra rapidamente nel flusso sanguigno e provoca la viremia.

    Insieme al sangue, la patologia penetra nel fegato e influenza negativamente le cellule del fegato - gli epatociti.

    Durante una cattiva situazione sanitaria ed epidemiologica, il virus si diffonde attraverso il contatto e i mezzi quotidiani.

    Qui stiamo parlando di infettare una persona che si prende cura di un malato a casa o in ospedale. Allo stesso modo, puoi essere infettato da un contatto omosessuale.

    L'opzione di trasmettere l'epatite A con il metodo parenterale, quando il sangue viene iniettato nel corpo per iniezione, non è escluso.

    È così che i tossicodipendenti vengono infettati, che usano più volte siringhe usa e getta.

    Quindi, ci sono i seguenti modi di trasmissione della patologia in questione:

    1. Metodo di infezione da contatto domestico: il virus si diffonde attraverso oggetti infetti che circondano una persona.
    2. Fecal-orale: il virus si attiva durante la diffusione di batteri nocivi attraverso l'intestino.
    3. La via alimentare dell'infezione è la penetrazione degli agenti del virus nel cibo.
    4. Acqua - infezione si verifica quando organismi nocivi entrano nel sistema fognario.
    5. Il percorso parenterale di trasmissione è piuttosto controverso, ma non dovrebbe essere escluso.

    Non preoccuparti che l'epatite A possa essere trasmessa da goccioline trasportate dall'aria. Tali casi di infezione non sono stati diagnosticati.

    Se c'erano epidemie di epatite A nel mondo, erano associate esclusivamente alla via d'acqua del virus.

    Tenendo conto di come il virus può essere trasmesso, gli esperti indicano una possibile stagionalità nell'iniezione della soglia epidemiologica.

    Molto spesso, la patologia si fa sentire in estate, quando le merci vengono vendute nei mercati che non sono testate dal controllo sanitario.

    Quanto dura il periodo di incubazione per l'epatite A?

    Il periodo di latenza della malattia può variare da 1 a 2 mesi dal momento dell'infezione e non dipende dal metodo di penetrazione nel corpo.

    I primi sintomi sono sempre gli stessi e compaiono dopo un certo tempo. Durante l'intero periodo di incubazione, il virus si moltiplica nel corpo e influisce negativamente sul fegato umano, che non sospetta nemmeno che sia malato.

    Ciò suggerisce che le persone che sono state in contatto con pazienti malati devono sottoporsi a una diagnosi tempestiva e superare tutti i test necessari.

    Infatti, solo con l'aiuto dei medici è possibile rilevare l'epatite A.

    Chi è a rischio

    Esiste un elenco preciso di persone che hanno maggiori probabilità di essere infettate dal virus dell'epatite A.

    Vale la pena considerare questo punto in modo più dettagliato:

    1. Persone che vivono in condizioni in cui il virus è particolarmente diffuso.
    2. Dipendenti di istituzioni mediche, in particolare il profilo infettivo.
    3. Persone che visitano spesso regioni in cui vi è una scarsa situazione epidemiologica: Asia sud-orientale e centrale, Africa e alcune regioni dell'America Latina.
    4. L'ambiente immediato del paziente con epatite A.
    5. Ragazzi con orientamento sessuale.
    6. Persone che sono in contatto sessuale o domestico con una persona infetta.
    7. Dipendenti che usano droghe.

    Si raccomanda a tutte queste categorie di persone di sottoporsi periodicamente ad una visita medica, confermando o rifiutando la presenza del virus.

    Inoltre, dovranno effettuare la vaccinazione di routine in modo tempestivo.

    Come si presenta l'epatite A.

    I sintomi iniziali sono simili a ARVI o influenza. Quando il periodo di incubazione termina, il paziente con epatite nota i sintomi insoliti della malattia - questo è lo stadio prodromico.

    1. L'aumento della temperatura corporea.
    2. Nausea con vomito.
    3. Disagio e dolore alla gola.
    4. Rifiuto di mangiare
    5. Molto stanco
    6. Dolore alle articolazioni dei muscoli.
    7. Dolore addominale Problemi con il tratto gastrointestinale.
    8. Emicrania.
    9. Allergy.
    10. Le persone che fumano, cominciano a sentire il gusto insolito del tabacco.

    7-10 giorni dopo i sintomi iniziali, la patologia diventa più attiva. In questa fase, il fegato del paziente è già affetto da epatite virale.

    I seguenti fenomeni indicano questo:

    1. Occhi e pelle ingialliti.
    2. Masse fecali alleggerite
    3. Oscuramento delle urine.
    4. Crescita addominale in volume.
    5. Dolore al fegato
    6. Si verifica un aumento del fegato.

    In questa fase, la persona si sente debole, vomito e nausea. Questi sintomi sono associati al fatto che un organo filtrante è danneggiato, a causa del quale la bilirubina non viene escreta dal corpo.

    Diverse persone hanno diversi sintomi di epatite A. A volte l'ittero non appare affatto e talvolta i pazienti provano tutti questi sintomi.

    Diagnosi della malattia

    La forma acuta della patologia viene diagnosticata abbastanza facilmente e rapidamente. Spesso non sono richiesti ulteriori studi, in quanto uno specialista esperto è in grado di identificare visivamente il problema in esame.

    È più difficile diagnosticare una malattia che si trova nel periodo di incubazione o procede con sintomi nascosti.

    Esistono diverse opzioni principali per la diagnosi della malattia. Sono:

    1. Studi clinici
    2. Prendendo sangue, urina e feci.
    3. Diagnostica strumentale.

    Inoltre, i medici prescrivono test di laboratorio specifici e non specifici. La prima opzione aiuta a identificare l'agente patogeno, a identificare la sua traccia e rilevare gli anticorpi.

    La seconda versione del test è in grado di identificare il grado di danno epatico.

    Come trattare l'epatite A

    È solo un epatologo o un infermiere infettivo che è in grado di fare una diagnosi accurata e prescrivere il trattamento dell'epatite a un paziente. Per questi scopi, una persona viene posta in un ospedale infettivo.

    Nel corso della terapia, un medico può usare diversi farmaci che aiuteranno a proteggere il fegato dagli effetti negativi della sua patologia.

    A disposizione della medicina moderna c'è un trattamento sintomatico che utilizza determinati gruppi di farmaci che eliminano lo spasmo degli organi addominali. Questi includono papaverina o vikasol.

    Se la patologia è passata in una fase protratta, i medici raccomandano l'uso di farmaci steroidei: prednisone o triamsynolone. In questo caso, il meccanismo di infezione non è importante.

    Qualsiasi forma di patologia esacerbata richiede il rispetto del riposo a letto e una dieta terapeutica. Il paziente deve bere almeno 4 litri di acqua, perché non dovrebbe iniziare la disidratazione.

    I medici raccomandano di monitorare il livello del bilancio idrico-alcalino. Per fare questo, vengono somministrati farmaci speciali impostando i contagocce con glucosio.

    Se le condizioni del paziente migliorano costantemente e l'analisi mostra che la persona si sta riprendendo, può essere dimessa a casa.

    Entro poche settimane, una persona dovrebbe essere periodicamente osservata da uno specialista, non superlavoro e seguire una dieta terapeutica speciale.

    Inoltre, il supporto morale delle persone è importante. La cosa più importante è sapere come viene trasmessa l'epatite.

    Trattamento dell'epatite A con l'aiuto della medicina tradizionale

    Gli stessi medici raccomandano di combinare la terapia farmacologica con le ricette delle persone. Ma, prima di auto-trattamento a casa, si dovrebbe assolutamente consultare un epatologo, altrimenti questo può portare alla comparsa di pericolose complicazioni e persino alla morte del paziente.

    Attualmente, la medicina tradizionale ha un gran numero di ricette che sono comunemente usate nel trattamento dell'epatite A.

    Sono basati su erbe e ingredienti naturali che sono autorizzati a mangiare. Vale la pena considerarli in modo più dettagliato:

    1. Succo di cavolo Ogni giorno, 2-3 ore prima di un pasto, è necessario bere 250 millilitri di succo di crauti.
    2. Bacche di ciliegie È necessario prendere una manciata di ciliegie essiccate, versare 100 ml di acqua e far bollire per 15 minuti. Si consiglia di bere brodo 30 minuti prima dei pasti 3-4 volte al giorno. Eseguire la procedura specificata per 10 giorni e consultare un medico.
    3. Foglie di nocciola Asciugare le foglie, schiacciare bene, versare un bicchiere di vino secco e lasciare fermentare per 12 ore. Bere 50 grammi 4-5 volte al giorno. Per essere trattati in questo modo è consentito non più di 14 giorni.
    4. Blackberry. 2 cucchiai di foglie di mora tritate versare 100 ml di acqua bollente, insistere per circa 60 minuti, filtrare e bere 50 ml più volte al giorno.
    5. Immortelle. 100 grammi di immortelle secche vengono fatti bollire in 2 litri di acqua, infusi per 1 ora e filtrati. Accetta fino alla scomparsa dei sintomi della patologia 3 volte al giorno.
    6. Prendete la cannuccia di avena, fate bollire in 1 litro d'acqua, filtrate e lasciate riposare fino a quando non si raffredda. Prendi un decotto di 250 millilitri 4 volte al giorno prima di ogni pasto.

    Vale la pena ricordare che la medicina a base di erbe non dovrebbe diventare un'alternativa al trattamento medico.

    Entrambi i metodi devono essere combinati per ottenere l'effetto desiderato.

    Prevenzione dell'epatite A

    Una persona che è stata infettata dalla malattia in questione dovrebbe fare attenzione a non diffondere ulteriormente la patologia, infettando le persone intorno a loro.

    Per questo, sia lui che gli altri dovranno attenersi a determinate regole di comportamento.

    Come evitare la diffusione dell'epatite A in un istituto medico

    Sulla porta del reparto in cui si trova il paziente con epatite A, deve essere presente un segnale di avvertimento speciale per indicare che è necessario indossare guanti e indumenti speciali prima di entrare ed eseguire qualsiasi manipolazione.

    Misure per prevenire l'epatite A a casa

    Quando una persona ritorna a casa da un ospedale, deve rispettare le seguenti condizioni:

    1. Lavarsi bene le mani dopo aver usato il bagno.
    2. Lavarsi le mani quando si contatta cibo e oggetti per la casa.
    3. Conduci un piatto separato.
    4. Non condividere il tuo pasto con altri membri della famiglia.
    5. Utilizzare articoli separati per l'igiene personale.

    Se segui questi suggerimenti, anche l'epatite cronica non provoca l'infezione dei propri cari.

    Come comportarsi dopo il contatto con una persona infetta

    Con qualsiasi contatto fisico con un paziente con epatite, aumenta la probabilità di infettare altri, quindi una persona in buona salute ha bisogno di contattare immediatamente specialisti che aiuteranno a prevenire l'ulteriore diffusione della patologia.

    L'introduzione di immunoglobulina non protegge completamente contro il virus, ma aiuterà a spostarlo molto più facilmente, perché è possibile e la trasmissione sessuale dell'infezione.

    Vaccinazione dell'epatite A

    La medicina moderna è in servizio con molti tipi di vaccini che proteggono l'organismo dalla malattia in questione.

    Tutti hanno una caratteristica comune: sono particelle del virus stesso, che sono in una forma inattiva, ma mantengono le loro caratteristiche dell'opportunità.

    Per non ammalarti di epatite, devi essere vaccinato due volte, con una pausa di 12 mesi. Vale la pena considerare che gli anticorpi iniziano a funzionare quasi istantaneamente, un paio di giorni dopo l'iniezione del vaccino.

    E rimangono nel corpo per almeno 10 anni. Sebbene l'efficacia di una tale vaccinazione sia una grande domanda, è auspicabile che tutte le persone che sono in qualche modo in contatto con la fonte di infezione lo subiscano.


    Altri Articoli Su Fegato

    Colecistite

    Quali sono i sintomi della colecistite e della pancreatite? Queste differenze sono abbastanza difficili da notare, ma sono estremamente importanti.

    Autore: Alexey Shevchenko il 27 gennaio 2017 12:00 Categoria: Problemi di sopravvivenza
    Colecistite

    Dieta dopo la rimozione della cistifellea

    La rimozione della cistifellea (colecistectomia) viene eseguita per una serie di ragioni, ma la ragione principale è la presenza di calcoli nella cistifellea. Dopo l'operazione, il problema è risolto: non c'è cistifellea e non ci sono pietre, ma la dieta per questi pazienti deve essere seguita per tutta la vita.