Sindrome di Gilbert e gravidanza: cosa fare ed è pericoloso per un bambino?

La sindrome di Gilbert è una patologia non pericolosa caratterizzata da un elevato contenuto prolungato di bilirubina nel sangue e trasmessa a livello genetico. I sintomi di questo difetto possono passare inosservati a lungo e spesso vengono rilevati solo durante una visita medica.

Ma come si manifesta la Sindrome di Gilbert nelle donne in gravidanza quando il corpo sperimenta uno stress intenso associato a cambiamenti ormonali e allo sviluppo fetale? In che modo questa malattia influirà sulla salute della madre e del bambino?

C'è un pericolo durante la gravidanza?

La malattia di Gilbert non è una controindicazione alla concezione di un bambino. Una donna incinta può scoprire la sua malattia durante un esame obbligatorio, che viene effettuato al momento della registrazione con una consulenza.

Puoi sospettare una malattia per i seguenti motivi:

  1. Capogiri e irritabilità.
  2. Ripartizione.
  3. Diminuzione dell'appetito
  4. Problemi di sonno
  5. Ingiallimento della pelle e del bianco degli occhi.
  6. La sensazione di pesantezza e dolore sotto il bordo destro.

Pasti irregolari, stress frequente, aumento dello sforzo fisico possono provocare una esacerbazione della malattia e i sintomi diventeranno più pronunciati:

  1. L'aspetto di un sapore amaro sgradevole.
  2. Ci sono periodi di nausea.
  3. Disturbi digestivi che si manifestano come diarrea o stitichezza.
  4. Il dolore nel lato destro aumenta.

In che modo questa sindrome influenza la gravidanza e il bambino?

La sindrome di Gilbert non viene diagnosticata sulla base di sintomi e un singolo esame del sangue. Per confermare la patologia, nonché per rilevare le malattie associate, viene effettuato un esame completo, che include:

  • Raccolta di dati sulla sintomatologia, precedenti malattie, sulla salute dei parenti più prossimi.
  • Emocromo completo e biochimica, con lo studio del livello degli enzimi epatici.
  • Analisi genetica del DNA.
  • Test degli anticorpi
  • Determinazione del tasso di coagulazione del sangue.
  • Analisi delle feci e delle urine.
  • Prova per la concentrazione di bilirubina dopo due giorni di digiuno.

Se la sindrome di Gilbert è confermata e non sono state identificate malattie gravi, la patologia ereditaria non influirà sulla gravidanza e sulla salute della madre e del bambino.

È trasmesso geneticamente?

La malattia di Gilbert è una malattia genetica ed è ereditaria. La manifestazione più comune dei sintomi osservata negli uomini.

Preparazione speciale a base di sostanze naturali.

Prezzo del farmaco

Recensioni di trattamento

I primi risultati si fanno sentire dopo una settimana di somministrazione.

Leggi di più sul farmaco

Solo 1 volta al giorno, 3 gocce

Istruzioni per l'uso

Succede che i sintomi della patologia non si manifestano da molti anni e persone apparentemente sane possono essere malate o essere portatrici di un gene mutato recessivo.

  • I bambini con Sindrome di Gilbert nasceranno da genitori che sono entrambi malati.
  • Se i genitori sono portatori, allora il 50% delle probabilità che i bambini siano portatori e il 25% di ciascuno di loro sono malati o sani.
  • Un genitore è malato e l'altro corriere ha una probabilità del 50% di avere un figlio con una malattia.
  • Il genitore è sano, un altro portatore - un bambino sano e un corriere possono nascere con una probabilità di 50 a 50.

Quando si pianifica una gravidanza, vale la pena visitare la genetica per sottoporsi a un test del DNA e ottenere una consulenza qualificata. Dopo aver esaminato i test, lo specialista spiegherà qual è la probabilità di avere un bambino sano.

Sintomatologia del neonato con la sindrome di Gilbert, su cosa dovresti prestare attenzione

Nei bambini piccoli, la malattia di Gilbert non si manifesta. I sintomi della malattia possono apparire prima con l'inizio della pubertà.

In un bambino appena nato, il fegato non è ancora in grado di legare la bilirubina, quindi la concentrazione di pigmento nel sangue aumenta e un paio di giorni dopo la nascita, la pelle e il bianco degli occhi del bambino diventano giallastri. L'urina e l'urina sono di colore normale. Questo è chiamato ittero fisiologico. La sindrome di Gilbert nei neonati si manifesta allo stesso modo. Due settimane dopo, il giallo scompare.

L'aspetto del giallo subito dopo la nascita, l'aumento dell'ingiallimento della pelle dopo un periodo di ittero fisiologico in combinazione con l'oscuramento delle urine e feci leggere indica un malfunzionamento del fegato e delle vie biliari. In questo caso, al bambino viene assegnato un esame completo per la diagnosi.

Trattamento delle donne incinte in ospedale

La sindrome di Gilbert durante la gravidanza non richiede un trattamento speciale, inoltre, l'uso di droghe può danneggiare il bambino. I sintomi minori sono facilmente eliminati con un'alimentazione corretta e cambiamenti nello stile di vita.

In caso di aggravamento della malattia, il medico può nominare:

  • Antiemetici per eliminare la nausea.
  • Enzimi che ripristinano la digestione.
  • Epatoprotettori per la riparazione del tessuto epatico.
  • Farmaci coleretici.
  • Barbiturici, riducendo il livello di bilirubina.
  • Farmaci che migliorano l'attività del sistema biliare.
  • Fototerapia. Impatto sulla luce blu bilirubina, al fine di distruggerlo.

Ignorare le raccomandazioni del medico, l'inosservanza della dieta o l'intossicazione del corpo in seguito all'autoterapia possono causare la formazione di epatite e calcoli nei dotti biliari, che possono essere accompagnati da un attacco di colica biliare.

Tali pazienti vengono trattati in regime di degenza e vengono prescritti terapia dopo aver valutato la gravità della condizione della donna incinta e valutato attentamente tutti i rischi e le conseguenze. Nei casi più gravi, viene presa la decisione di interrompere la gravidanza per salvare la vita del paziente.

Ulteriori informazioni su come trattare la malattia:

Trattamento di rimedi popolari

Per mantenere il fegato e le vie biliari, puoi ricorrere alle ricette della medicina tradizionale. Nonostante la naturalezza e la disponibilità, è necessario prendere tali fondi solo in combinazione con farmaci prescritti e dopo aver consultato un medico.

Ricette ben collaudate:

  • Il rafano grattugiato viene infuso per 24 ore in acqua bollente e preso un quarto di bicchiere prima dei pasti. Corso di ricevimento - una settimana.
  • Spoon l'orzo con un bicchiere di acqua fresca e lasciare per 12 ore. Bevi a piccoli sorsi durante il giorno.
  • Preparare due cucchiai di immortelle secche in un litro d'acqua a metà del volume. Prendi mezza tazza tre volte al giorno.

Brodi dai frutti di crespino, fiori di camomilla, cardo mariano, stigmi di mais hanno un effetto efficace. Sono preparati nel solito modo e sono presi durante il giorno come tè.

Il ricevimento di tali decotti dovrebbe essere limitato se si trovano pietre nei dotti biliari.

Raccomandazioni del dottore

Affinché la gravidanza proceda in modo fluido e senza complicazioni, la gestante deve trattare responsabilmente la prevenzione di esacerbazione della malattia:

  1. Registrati in una consultazione nelle prime fasi della gravidanza. Riferire al medico che la sindrome di Gilbert è stata diagnosticata o che i suoi sintomi sono stati notati.
  2. Seguire il programma di visite dal medico per tutto il periodo della gestazione.
  3. Segua rigorosamente tutte le raccomandazioni del medico.
  4. Guarda la tua dieta. Deve essere equilibrato e benefico per il feto in crescita. Evitare l'eccesso di cibo e le lunghe pause tra un pasto e l'altro.
  5. Dovrebbe abbandonare i piatti fritti, grassi e speziati. Limitare le spezie, gli agrumi e i dolci.
  6. La base della dieta dovrebbe essere cereali, latticini, carne magra e pesce. Ogni giorno, il menu dovrebbe essere presente verdure, erbe e frutta fresca.
  7. Bevendo 1,5 litri di acqua ogni giorno, è possibile mantenere il corretto equilibrio idrico ed evitare l'edema.
  8. Elimina l'esercizio intenso. Ma le passeggiate lente e l'educazione fisica per le donne incinte dovrebbero essere regolari.
  9. Abbandona le cattive abitudini. La nicotina e l'alcol provocheranno un'esacerbazione e influenzeranno negativamente lo sviluppo del feto.
  10. Evita i raffreddori e le malattie virali. Evitare il contatto con sostanze tossiche.
  11. Non auto-medicare, alcuni farmaci distruggono il fegato e possono essere tossici per il bambino. Per eventuali disturbi, consultare un medico.

Cosa cercare?

Quando si pianifica una gravidanza, è necessario essere esaminati e assicurarsi che non ci siano malattie gravi, il cui trattamento sarà difficile nel periodo di trasporto del bambino. La patologia rilevata deve essere trattata in anticipo.

È consigliabile proteggersi da eccessivo stress psico-emotivo. Sullo sfondo dello stress, si può verificare un peggioramento della sindrome.

Per le donne con la malattia di Gilbert, è consigliabile visitare con il marito un genetista che calcolerà la probabilità che un bambino erediti un disturbo genetico e spieghi tutti i rischi e le conseguenze.

Dato che la Sindrome di Gilbert non rappresenta una minaccia per la vita, una donna può concepire, avere un figlio e sperimentare la gioia della maternità.

1IVF.info/RU

La sindrome di Gilbert (ittero familiare non emolitico, iperbilirubinemia costituzionale) è una malattia ereditaria di un fegato benigno. La patologia provoca un aumento del livello di bilirubina (pigmento della bile) nel plasma sanguigno. Il suo accumulo nella pelle contribuisce alla manifestazione dell'ittero.

È raro, circa il 5% della popolazione (per gli uomini 10 volte più spesso che per le donne). L'iperbilirubinemia si verifica in una delle 1.500 donne in gravidanza. La popolazione africana è più suscettibile alla malattia - circa il 36%, e il meno comune tra gli europei è fino al 5% dei casi.

motivi

L'ittero familiare emolitico è causato da un gene difettoso che un bambino eredita da uno dei genitori. I primi segni si fanno sentire prima dell'inizio dell'adolescenza e sono presenti nella vita di una persona. La sindrome di Gilbert è una malattia latente che è quasi asintomatica.

I seguenti fattori possono provocare una esacerbazione della malattia:

  • malattie infettive (ARVI, influenza, salmonellosi, varicella, HIV, ecc.);
  • un intervento chirurgico;
  • alcuni farmaci;
  • sforzo fisico e / o nervoso;
  • digiuno e disidratazione;
  • consumo frequente di cibi grassi, alcool, caffeina.

L'iperbilirubinemia non influisce sulla capacità di concepire o avere figli. La gravidanza, al contrario, riduce il livello del pigmento biliare nel corpo di una donna.

sintomi

Esistono 2 tipi di ittero non emolitico - congenito (manifestato dai primi giorni di vita, a causa della mancanza di glucuroniltransferasi) e acquisito (lo sviluppo dei sintomi si verifica dopo l'effetto sul corpo dell'epatite virale).

Nel 50% dei pazienti, il sintomo principale che indica una malattia è una tonalità itterica delle mucose, della sclera e della pelle. Non è espresso costantemente, ma è variabile. Con un piccolo salto nel livello di bilirubina, i sintomi della malattia possono essere completamente assenti.

Un significativo aumento dell'enzima, un effetto tossico sul sistema nervoso centrale e sul tratto gastrointestinale, che causa:

  • disturbo del sonno;
  • stanchezza;
  • sudorazione;
  • vertigini;
  • diminuzione dell'appetito;
  • amarezza in bocca;
  • eruttazione, bruciore di stomaco, nausea dopo aver mangiato;
  • problemi intestinali (flatulenza, dispepsia);
  • dolore nell'ipocondrio destro.

Se il paziente non segue una dieta speciale, si verifica una esacerbazione della patologia, che può portare alla colelitiasi e all'epatite cronica. Alti livelli di bilirubina nel sangue influenzano negativamente anche le cellule cerebrali, il che contribuisce a uno stato depressivo.

diagnostica

Una donna che è stata registrata per la gravidanza e ha la sindrome di Gilbert può trasmettere il gene anormale al suo bambino, quindi è importante riportare le sue condizioni al medico. Se i sintomi della malattia non compaiono, è necessario parlare della presenza di iperbilirubinemia nei parenti più prossimi.

Per diagnosticare in anticipo la patologia, il medico deve prendere l'anamnesi e condurre i seguenti studi:

  • esami del sangue generali e biochimici;
  • ecografia del fegato e della cistifellea;
  • analisi delle urine;
  • palpazione dell'addome.

Se durante l'esame c'erano sospetti sulla presenza di tumori maligni al fegato, per la donna incinta è prescritta una sottile biopsia con puntura d'ago.

trattamento

La sindrome di Gilbert durante la gravidanza non richiede un trattamento speciale, poiché non influisce negativamente sul feto.

Quando si esacerba la malattia raccomandata:

  • ridurre lo sforzo fisico;
  • Non esporre alla luce diretta del sole;
  • mangiare bene;
  • rinunciare a cattive abitudini.

È necessario visitare regolarmente il medico e fare un esame del sangue per la bilirubina. Se c'è un aumento del livello dell'enzima, alla donna vengono prescritti farmaci epatoprotettivi e coleretici, fitoterapia. Dopo il parto, la madre deve seguire una dieta prescritta da uno specialista. È anche desiderabile rilassare di più, evitare lo stress e assumere vitamine.

L'effetto della sindrome di Gilbert sulla gravidanza

La sindrome di Gilbert è caratterizzata da un decorso benigno e in rari casi porta a complicanze. Al centro del suo sviluppo c'è una carenza dell'enzima epatico, responsabile dell'utilizzo della bilirubina. Esistono due tipi di pigmento, diretto e indiretto. In patologia, viene registrato un aumento di quest'ultima forma, che ha un effetto tossico sulle cellule nervose.

La malattia ha un'origine ereditaria. Viene trasmesso se i genitori hanno un gene mutato e si notano segni clinici di ittero. Un fattore provocatorio che precede l'insorgenza dei sintomi può essere grave stress, farmaci, errori alimentari, malattie infettive (influenza, avvelenamento) o ipotermia.

Caratteristiche del corso in donne in gravidanza

Il periodo di gestazione per una donna è un momento speciale, caratterizzato non solo da piacevoli emozioni sul futuro della maternità, ma anche da certe difficoltà. Il corpo è sotto stress da un embrione in rapido sviluppo, che può essere accompagnato da una disfunzione dell'apparato digerente.

La sindrome di Gilbert in gravidanza non è patologia potenzialmente letale, ma è necessario conoscerne i segni clinici e le caratteristiche diagnostiche.

Sulla base dell'assegnazione dei trimestri ci sono le caratteristiche dello sviluppo del feto e dei cambiamenti nel corpo della donna.

1 termine

Questo periodo comprende le prime dodici settimane, durante le quali vengono deposti gli organi interni dell'embrione. Già all'inizio del secondo mese, il cuore inizia a battere, il cordone ombelicale si sta rapidamente sviluppando, attraverso il quale il feto riceve ossigeno e nutrimento dalla madre.

Il rischio di aborto spontaneo è massimo in questo momento. Una donna può essere disturbata dalla tossiemia, dalla tenerezza del seno e dagli sbalzi d'umore.

Se i segni di ittero compaiono nel primo trimestre, è necessario consultare urgentemente un medico. Di solito si osserva la subtertericità del triangolo naso-labiale, delle zone ascellari e delle palme. Raramente, quando il colore giallo si diffonde su tutta la superficie della pelle.

La trasmissione del gene mutato responsabile dello sviluppo della malattia di Gilbert si verifica esattamente nel primo trimestre.

2 termine

Da 13 a 27 settimane c'è un rapido sviluppo degli organi interni. Entro la fine del periodo, il feto raggiunge un chilogrammo di peso e 35 centimetri di altezza. Oltre al giallo della pelle, una donna può essere disturbata dalla pesantezza dell'ipocondrio (a destra). Questo indica un carico sul fegato, che richiede un intervento medico.

Dato il rapido aumento dell'utero, la donna nota la frequente minzione e dolori nella regione lombare. Con un aumento di ittero, compaiono disturbi dispeptici come nausea, amarezza, eruttazione e flatulenza. Allo stesso tempo, non vi è alcun impatto negativo sul feto.

3 termine

Per quanto riguarda le ultime 12 settimane, sono caratterizzati da un rapido aumento di peso da parte del feto. Gli organi interni completano la formazione e si preparano per il funzionamento indipendente senza il supporto della madre.

La gravidanza viene raramente interrotta e la sindrome di Gilbert si presenta in forma lieve. In connessione con l'aumento dell'embrione e dell'utero, la pressione sul fegato aumenta, motivo per cui inizia a ferire nel giusto ipocondrio. La donna è preoccupata per il malessere pronunciato, il sottotitolo (ingiallimento) della pelle e i disturbi dispeptici.

Inoltre, l'utero alza leggermente il diaframma, limitandone il movimento. Di conseguenza, diventa difficile per la donna incinta respirare e la mancanza di respiro appare.

Impatto sul feto

La malattia di Gilbert non influisce negativamente sul feto e sulla gravidanza nel suo complesso. Se una donna ha segni di sindrome itterica sullo sfondo di epatite, cirrosi o colelitiasi, è necessaria la terapia farmacologica. In questo caso aumenta il rischio di danni tossici al sistema nervoso del feto da parte della bilirubina, che arriva in grandi quantità nel suo flusso sanguigno.

Un'attenzione particolare è rivolta ai pazienti con malattie epatiche concomitanti. Possono causare aborti spontanei, patologie della placenta o morte fetale dell'embrione. Le donne incinte richiedono un esame regolare e l'osservazione dinamica di un ostetrico.

sintomi

L'ittero nelle donne in gravidanza non è più comune di uno su 1500 nascite. Spesso si sviluppa sullo sfondo di malattie del fegato e solo in rari casi a causa dell'emolisi dei globuli rossi.

L'assenza di ittero pronunciato della pelle a causa di cambiamenti nella composizione ormonale del sangue di una donna. Il fatto è che con un aumento degli estrogeni aumenta il lavoro dell'enzima epatico, che accelera l'utilizzo della bilirubina e ne riduce il livello.

  • mucose gialle e pelle;
  • malessere generale;
  • insonnia;
  • disattenzione;
  • irritabilità;
  • disturbi dispeptici (diminuzione dell'appetito, amarezza, eruttazione, flatulenza e nausea);
  • pesantezza nell'area del giusto ipocondrio, che aumenta dopo aver mangiato spezie calde o piatti grassi.

Se vengono seguite raccomandazioni mediche, la sindrome di Gilbert non influisce sulla gravidanza e sull'embrione.

Se compaiono sintomi sospetti, deve essere fatta una diagnosi differenziale con condizioni patologiche come ittero emolitico ed epatite. A tal fine, è necessario escludere una lesione infettiva del fegato, la presenza di pietre (pietre) nella vescica e nelle vie biliari.

diagnostica

Non tutte le manipolazioni diagnostiche possono essere utilizzate durante la gravidanza. Questo vale per la biopsia e altre tecniche invasive. Dopo aver visitato un medico, viene condotta un'indagine sui reclami, le caratteristiche dell'aspetto e la progressione dei sintomi clinici della patologia. Particolare attenzione dovrebbe essere rivolta al colore delle urine, delle feci e alla presenza di prurito.

Inoltre, è necessario conoscere le comorbidità, gli errori nella dieta, l'assunzione di farmaci o l'intimità non protetta alla vigilia del deterioramento. Pertanto, è esclusa la probabilità di infezione da epatite infettiva e danno medicinale al fegato. Inoltre, il medico dovrebbe sapere se i sintomi simili sono stati osservati prima nella donna incinta e nei suoi parenti stretti.

Il prossimo è l'esame del paziente. Di particolare importanza è il colore della sclera e della pelle. La palpazione (palpazione) dell'addome nel secondo e terzo trimestre è difficile, tuttavia, il dolore può essere rilevato anche senza una forte pressione sulla zona destra dell'ipocondrio.

Diagnosi di laboratorio

Sospettando la malattia del fegato, il medico prescrive un esame di laboratorio. Può includere:

  1. analisi del sangue clinico generale, in cui è possibile osservare un aumento di emoglobina e reticolociti nella malattia di Gilbert;
  2. biochimica necessaria per determinare il livello di bilirubina totale, le sue frazioni, proteine, fosfatasi alcalina e transaminasi (enzimi della ghiandola). Il prelievo di sangue avviene da una vena a stomaco vuoto (preferibilmente al mattino). Con la malattia, la forma indiretta di bilirubina aumenta a 50 μmol / l con un livello relativamente normale di altri indicatori. Nell'epatite aumentano la transaminasi e la fosfatasi e diminuiscono le proteine;
  3. coagulogramma per valutare lo stato del sistema di coagulazione. Le deviazioni in Gilbert non sono osservate;
  4. ricerca genetica - per identificare il gene mutato, che porta all'inibizione dell'enzima epatico e dell'iperbilirubinemia;
  5. analisi dell'epatite virale.

Metodi strumentali

Data l'interessante posizione della donna, oltre all'ecografia, altre tecniche sono utilizzate solo come ultima risorsa. Con l'aiuto degli ultrasuoni nella prima metà della gravidanza, è possibile visualizzare il fegato, stimarne le dimensioni, la struttura e la densità.

Per quanto riguarda il terzo trimestre, lo studio è difficile. Sia la flatulenza che l'utero allargato impediscono questo. Per escludere la cirrosi e l'epatite, l'elastografia viene spesso prescritta, tuttavia durante la gravidanza tale diagnostica è anche limitata nell'uso.

La biopsia è severamente vietata a causa dell'alto rischio di complicanze.

Campioni specifici

Nella diagnosi della sindrome di Gilbert una parte importante sono test specifici che consentono di confermare o escludere la patologia. Questo può essere un test di digiuno, quando il paziente è limitato a un contenuto calorico giornaliero di cibo fino a 400 kcal. Dopo due giorni, il livello di bilirubina nel sangue viene stimato. Se aumenta, è un segno indiretto della malattia.

Per quanto riguarda i test antidroga (rifampicina, acido nicotinico o fenobarbital), il loro uso durante la gravidanza rimane un argomento controverso. L'introduzione di droghe nel sangue di una donna può avere un effetto negativo sull'embrione. Nella diagnostica di Gilbert, i test di laboratorio, in particolare la biochimica e la PCR, sono considerati i metodi preferiti.

Di seguito una tabella con varianti di test specifici.

Sindrom.guru

Sindrom.guru

Il fegato è una delle ghiandole più grandi del corpo umano, svolge molte funzioni, tra cui è possibile distinguere la filtrazione del sangue, la partecipazione al metabolismo, ecc. Sfortunatamente, è suscettibile a vari tipi di malattie e soffre anche di un'alimentazione squilibrata, abuso di cibi grassi e alcol. e altre cattive abitudini. Una delle patologie del fegato è la sindrome di Gilbert. Dall'articolo imparerai come si manifesta il disturbo, se la sindrome di Gilbert e la gravidanza sono compatibili, così come i metodi diagnostici per rilevare questa malattia e il suo trattamento.

Descrizione della sindrome di Gilbert

La sindrome di Gilbert appartiene alle malattie croniche di natura ereditaria che colpiscono il fegato. Attraverso le vene, il sangue entra nel fegato, dove viene pulito dalle tossine e da altre sostanze nocive mediante filtrazione. A causa di un'anomalia genetica, la bilirubina indiretta si accumula nel corpo, il che viola la norma fisiologica. Una sostanza di questo tipo appare dopo il processo di scomposizione dei globuli rossi. Ha un effetto tossico, in particolare, sul sistema nervoso centrale e in generale sul corpo. Nel normale funzionamento del fegato, questa sostanza si lega, diventa non tossica ed è naturalmente eliminata dal corpo.

La sindrome di Gilbert appartiene a malattie ereditarie croniche che colpiscono il fegato.

Le manifestazioni caratteristiche della patologia includono:

  • ittero che colpisce l'epidermide e le mucose;
  • infiammazione della cistifellea;
  • eccessivo allargamento della milza, fegato.

Un altro nome per la malattia è l'iperbilirubinemia benigna. Dal nome deriva che la malattia non ha un effetto negativo su altri organi, quindi la prognosi in presenza di questa sindrome è favorevole. La morte può verificarsi solo quando si verificano complicazioni.

Evento della malattia

La sindrome di Gilbert si verifica a causa di alterazioni anomale che si verificano a livello genetico, a seguito della quale la malattia viene ereditata dal tipo diretto, cioè dai genitori ai figli. Questi cambiamenti riguardano un enzima speciale - glucuroniltransferasi, attraverso il quale la bilirubina indiretta viene cambiata e diventa una sostanza non tossica che non danneggia il corpo. Quando l'attività di questo enzima diminuisce, la bilirubina si accumula nel sangue, causando la manifestazione della malattia.

La sindrome di Gilbert si verifica a causa di alterazioni anomale che si verificano a livello genetico

In un bambino, la probabilità di ottenere la sindrome di Gilbert è del 50%, a condizione che uno dei genitori abbia la malattia. La sindrome di Gilbert nei bambini si verifica più spesso tra i 5 e i 15 anni.

Come appare durante la gravidanza?

La sindrome di Gilbert e la gravidanza sono il principale problema di preoccupazione per i futuri genitori. Non ci sono minacce alla vita della futura mamma, ma allo stesso tempo appartiene al gruppo di aumentato rischio di manifestazione di questa patologia. Ciò è dovuto a forti cambiamenti nei livelli ormonali, che portano a fluttuazioni delle emozioni, a seguito delle quali la donna incinta diventa più suscettibile alle manifestazioni stressanti. Va anche tenuto presente che il corpo durante la gravidanza cede a grandi carichi su tutti i sistemi nel processo di sviluppo fetale.

Se una futura mamma mostra segni di malattia, è meglio consultare un medico per un consiglio, soprattutto se i sintomi compaiono durante il primo trimestre (12 settimane). Quando l'iperbilirubinemia appare o peggiora, c'è un'alta probabilità di danni al SNC dell'embrione a causa di una maggiore quantità di bilirubina tossica nel sangue.

Se ci sono segni di malattia nella donna incinta, è meglio consultare un medico per un consiglio

Le donne in gravidanza con la presenza di malattie epatiche concomitanti richiedono esami regolari particolarmente attenti. L'osservazione di un medico può impedire un esito così negativo della gravidanza come un aborto spontaneo e lo sviluppo di altri processi patologici nella madre e nel bambino.

Cause di esacerbazione della condizione patologica

La presenza della sindrome di Gilbert non significa che il paziente soffrirà di segni sintomatici per tutta la vita. Ma ci sono un certo numero di punti che possono innescare l'attivazione di una condizione patologica. Questi includono:

  1. Inosservanza della dieta. Anche mangiare cibi non salutari ricchi di grassi è influenzato negativamente dall'eccesso di cibo o dal digiuno.
  2. Abuso di alcool, fumo.
  3. Eccessiva attività fisica nel processo di lavoro, sport.
  4. L'impatto dello stress sul corpo.
  5. Malattie infettive di natura virale, così come l'attivazione di malattie croniche.
  6. Infortunio o chirurgia.
  7. Surriscaldamento, ipotermia, abuso di esposizione al sole.
  8. Ricezione di farmaci di alcune categorie, vale a dire:

L'osservazione di un medico può impedire un esito così negativo della gravidanza come un aborto spontaneo.

  • steroidi anabolizzanti;
  • glucocorticoidi;
  • farmaci antibatterici;
  • farmaci anti-infiammatori non steroidei.

Tutto quanto sopra può tradurre l'iperbilirubinemia dal periodo di remissione allo stadio acuto. Evitando gli effetti dei fattori precedentemente citati sul corpo, una persona con la presenza della sindrome vivrà una vita senza manifestazioni sintomatiche.

Manifestazioni sintomatiche della malattia

Fondamentalmente, la malattia passa in uno stato latente. L'ittero è il sintomo principale, che è evidente dopo l'attivazione del processo patologico. Il resto è molto debole o assente. Oltre alla presenza di pigmentazione gialla sulle mucose e sulla pelle, i sintomi generali includono i seguenti segni:

L'ittero è il sintomo principale, che è evidente dopo l'attivazione del processo patologico

  • debolezza generale, stanchezza;
  • sonno ansioso, irrequieto, che a volte scorre in uno stato di insonnia;
  • l'appetito può diminuire o scomparire del tutto;
  • sapore amaro in bocca;
  • attacchi di bruciore di stomaco molesti;
  • sentirsi nausea, a volte - rigurgito;
  • sgabelli disturbati, ovvero: frequenti attacchi di diarrea o stitichezza;
  • pesantezza allo stomaco, gonfiore;
  • mal di testa, a volte vertigini;
  • dolore sordo, fastidioso, localizzato nella parte destra nella regione delle costole;
  • ipertrofia del fegato.

Non tutti i segni sono sempre presenti. Dipende dalle caratteristiche individuali dell'organismo, dall'età, dalla presenza di altre malattie e da altre cose che determinano le caratteristiche dei sintomi.

Pesantezza allo stomaco, gonfiore

Tecniche di rilevamento della patologia diagnostica

Per l'identificazione dell'iperbilirubinemia tra malattie simili, vengono utilizzati test di laboratorio, strumentali e altri metodi diagnostici. Nella prima fase della diagnosi, il medico effettua un esame del paziente, chiarisce la presenza di parenti con questa patologia e attira anche l'attenzione su precedenti malattie.

Test di laboratorio

La patologia viene diagnosticata utilizzando tali test di laboratorio:

  • analisi del sangue generale, biochimica;
  • per l'epatite virale nel sangue;
  • coagulazione del sangue;
  • identificare un'anomalia genetica;
  • analisi delle urine;
  • analisi delle feci per la presenza di stercobilina.

Il metodo viene utilizzato per identificare le malattie associate alla patologia.

Metodi diagnostici

Strumentali e altri metodi diagnostici vengono effettuati direttamente sul fegato. Questi includono:

  • Stati Uniti. Il metodo viene utilizzato per identificare le malattie associate alla patologia, ma non è un modo per confermare la sindrome di Gilbert;
  • CT o RM. I metodi sono usati per confermare la diagnosi, così come per raccogliere informazioni più dettagliate sullo stato del fegato;
  • Biopsia. Un campione di fegato aiuta a eliminare altri processi patologici e a fare una diagnosi definitiva;
  • Elastografia. Il metodo è simile a un test di biopsia;

Spesso il medico genetico è responsabile della determinazione della presenza di un'anomalia genetica per identificare l'iperbilirubinemia.

Un campione di fegato aiuta a eliminare altri processi patologici e a fare una diagnosi definitiva.

Trattamento della sindrome di Gilbert

La sindrome di Gilbert, i cui sintomi si sviluppano abbastanza rapidamente, non è completamente guarita. Con l'aiuto di metodi come il trattamento farmacologico, la fisioterapia, l'uso di ricette di medicina tradizionale, i segni sintomatici vengono rimossi o alleviati. Alle prime manifestazioni di questa malattia, è necessario consultare un medico. Si consiglia al paziente di seguire una dieta abbastanza rigorosa e di mantenere uno stile di vita sano e moderatamente attivo per prevenire complicanze. È anche importante notare che un approccio integrato al trattamento fornisce risultati più efficaci.

Trattamento farmacologico

I farmaci di varie categorie mirano a combattere le manifestazioni sintomatiche, sono utilizzati per ridurre il livello di bilirubina indiretta nel sangue, per proteggere dai danni alle cellule e ai tessuti del fegato, per prevenire l'insorgere di malattie associate. Esempi di farmaci usati:

Le droghe di varie categorie mirano a combattere manifestazioni sintomatiche.

  1. Farmaci antiepilettici come "Fenobarbital".
  2. Enzimi - Panzinorm, Mezim.
  3. Epatoprotettori - Essentiale, Kars.
  4. Preparazioni di azione coleretica - "Hofitol", "Rivanol".
  5. Sorbenti - Enterosgel, Laktofiltrum.
  6. Vitamine, il più spesso gruppi B o preparazioni con un complesso di vitamine.

Nei casi gravi della malattia vengono utilizzate trasfusioni di sangue o viene prescritto un ciclo di iniezioni di albumina.

fisioterapia

L'obiettivo della fisioterapia è prevenire danni all'organismo a seguito dello sviluppo di processi patologici. La terapia può essere effettuata con metodi e metodi diversi. La fototerapia, che trasforma la bilirubina indiretta in facilmente solubile e, di conseguenza, la sostanza che viene rapidamente eliminata dal corpo, è particolarmente spesso utilizzata.

La terapia può essere effettuata con metodi e metodi diversi.

Quando la fototerapia a una distanza di mezzo metro dalla pelle imposta una lampada blu. La procedura, della durata massima di un quarto d'ora, consiste in un tipo di irradiazione con onde lunghe 450 nm. Hanno un effetto distruttivo sulle molecole della bilirubina, localizzate nei tessuti dell'area irradiata.

È importante ricordare che le procedure con l'uso di alte temperature possono influire negativamente sulle condizioni del paziente e talvolta diventare una sorta di catalizzatore per le complicazioni.

dieta

Le persone che soffrono di iperbilirubinemia sono prescritte per seguire una dieta di tipo 5. La dieta dovrebbe essere seguita per tutta la vita. Il menu di questa dieta contiene i seguenti prodotti e piatti:

  • tè deboli;
  • decotti alle erbe;
  • composte fatte in casa;
  • pane di frumento;

La dieta dovrebbe essere mantenuta per tutta la vita

  • latticini a basso contenuto di grassi: formaggi a pasta dura, fiocchi di latte, panna acida, kefir;
  • primi piatti in brodo vegetale;
  • carne magra come carne di manzo, pollo e pesce;
  • cereali;
  • frutta non acida;
  • verdure di tutti i tipi.

Per rimuovere le sostanze tossiche dal corpo è necessario bere molta acqua pulita e non gassata.

È severamente vietato mangiare cibi fritti, affumicati, speziati, grassi, troppo salati. Alcuni cibi e piatti che non possono essere consumati:

  • caffè;
  • bevande sature di gas;
  • alcol;
  • prodotti da forno freschi;
  • latticini grassi;
  • uova;
  • carne grassa, pesce;
  • grasso;

Per rimuovere le sostanze tossiche dal corpo è necessario bere molta acqua pulita e non gassata.

  • cibo in scatola;
  • spezie, spezie, salse;
  • spinaci;
  • acetosa.

È una violazione della dieta che contribuisce al passaggio della sindrome di Gilbert allo stadio attivo con la manifestazione dei sintomi.

Aiuta la medicina tradizionale

Spesso le persone ricorrono all'uso delle ricette della medicina tradizionale. Sono usati come terapia aggiuntiva per prevenire il ripetersi della malattia.

Un effetto positivo sul fegato e sul corpo come un insieme di tisane, decotti. Fondamentalmente selezionare una composizione di erbe con proprietà diuretiche o coleretiche. Queste erbe includono rosa selvatica, crespino, calendula, immortelle. Cardo mariano è anche considerato una delle piante più efficaci che influisce favorevolmente sul fegato. Per fare un decotto, devi seguire le proporzioni indicate nelle istruzioni per ogni singolo tipo di erbe.

Un effetto positivo sul fegato e sul corpo come un insieme di tisane, decotti

A volte ricorrere all'aiuto di tinture fatte in casa sull'alcol. Le tinture alcoliche sono fatte dalle foglie di nocciolo, assenzio e altri ingredienti. Tali mezzi insistono in un posto buio e fresco.

Ci sono altre ricette, tra cui:

  • succo di foglie e gambi di bardana. La pianta è ben lavata dalla contaminazione e accuratamente schiacciata per ottenere il succo. La miscela viene filtrata e quindi presa dopo aver assunto 15 ml nel corso di una settimana;
  • bere dal succo con l'aggiunta di miele. Per preparare un drink, prendi mezzo litro di succo di miele e barbabietola, 200 ml di succo nero di ravanello e carota con l'aggiunta di 50 ml di succo di aloe. La bevanda viene conservata in frigorifero e prende 50 ml due volte al giorno.

Il trattamento con le ricette popolari appartiene piuttosto alle misure di prevenzione della manifestazione della malattia e aiuta a prolungare il periodo di remissione.

Le tinture alcoliche sono fatte con foglie di nocciola, assenzio e altri ingredienti.

Misure preventive per prevenire l'esacerbazione della malattia

Poiché la malattia è genetica, le misure preventive mirano a eliminare l'influenza dei fattori che provocano la transizione dell'iperbilirubinemia allo stato attivo, cioè il periodo di esacerbazione. Per evitare questo stadio della malattia, è sufficiente seguire le seguenti linee guida:

  • segui la tua dieta Il cibo dovrebbe essere ricco di vitamine e minerali;
  • condurre uno stile di vita moderatamente attivo. Per eseguire uno sforzo fisico leggero, cammina all'aria aperta;
  • non abusare di alcool e fumo;
  • prevenire l'ipotermia e il surriscaldamento del corpo;
  • eliminare lo sforzo fisico pesante;
  • evitare situazioni stressanti.

Sottolineiamo che la sindrome di Gilbert ha una prognosi favorevole. Alcuni sintomi possono essere lievi o completamente assenti e il trattamento può essere necessario solo se la malattia si manifesta. Non dovresti neanche preoccuparti quando pianifichi una gravidanza, perché il nascituro può nascere completamente sano.

La sindrome di Gilbert durante la gravidanza

La sindrome di Gilbert è chiamata una delle forme di epatite pigmentaria, una malattia epatica ereditaria. La malattia è benigna, cioè non influenza negativamente la funzionalità e l'integrità di altri organi e sistemi.

La principale caratteristica della malattia è l'accumulo di bilirubina libera nel sangue. Liberi, è una bilirubina diretta, una sostanza molto tossica che si forma durante la scomposizione dei globuli rossi.

L'enzima ha un colore giallo, quindi con una grande quantità di ittero ricorrente o bilirubina libera si verifica.

motivi

La sindrome di Gilbert è ereditaria, ma non interferisce con l'ideazione e il trasporto di un bambino. Inoltre, la gravidanza e i cambiamenti concomitanti nel corpo femminile aiutano a ridurre il livello di bilirubina nel sangue della futura gestante.

L'unica causa della malattia è una mutazione genetica che viene ereditata. L'anomalia del gene porta ad una diminuzione dell'assorbimento della bilirubina, un aumento del livello della sua forma libera e deposizione nei tessuti. Con un leggero aumento della quantità di bilirubina libera, i sintomi della sindrome di Gilbert possono essere assenti.

Tuttavia, vari fattori possono contribuire a migliorare il quadro clinico durante la gravidanza:

  • scarsa nutrizione
  • esercizio eccessivo
  • stress psico-emotivo
  • malattie infettive contro lo sfondo di un'immunità indebolita,
  • cambiamenti ormonali,
  • fumo, assunzione di caffeina,
  • prendendo alcuni farmaci.

sintomi

L'iperbilirubinemia è una malattia ereditaria trasmessa a tutti i membri della famiglia. Spesso la sindrome di Gilbert si manifesta senza un quadro clinico chiaro. Tuttavia, all'aumentare della quantità di bilirubina libera, apparirà l'ittero. Può essere ricorrente o cronico.

Le ricadute sono possibili dopo l'epatite, sullo sfondo dello stress psico-emotivo e durante l'assunzione di alcuni farmaci. Durante la recidiva, il quadro clinico di una malattia genetica è più pronunciato:

  • pelle gialla, occhi mucosi e bocca,
  • l'apparizione di formazioni benigne piatte per secoli,
  • aumento della sudorazione
  • dolore nell'addome e specialmente nell'ipocondrio destro,
  • problemi con il tratto digestivo (perdita di appetito, feci anormali, vomito, flatulenza).

Diagnosi della sindrome di Gilbert durante la gravidanza

Per fare una diagnosi accurata, sono necessarie diverse procedure:

  • raccogliere e studiare la storia durante la comunicazione con il paziente,
  • palpazione della cavità addominale
  • analisi del sangue (generale e biochimica),
  • raccolta delle urine per analisi generale e chimica,
  • esame ecografico degli organi addominali (principalmente fegato e cistifellea),
  • la biopsia con ago sottile in donne in gravidanza viene eseguita in casi di emergenza con sospetta malattia epatica maligna.

complicazioni

Nella sindrome di Gilbert, la prognosi per la futura madre e il suo bambino è la più favorevole. L'unica possibile conseguenza è il trasferimento di DNA anormale al bambino.

Una esacerbazione della malattia minaccia una donna incinta con una manifestazione di ittero, malessere generale e aumento del dolore addominale. Inoltre, sono i cambiamenti ormonali durante la gravidanza che spesso contribuiscono a ridurre il livello di bilirubina.

trattamento

Cosa puoi fare

Al momento della registrazione, una donna incinta dovrebbe riferire la sua diagnosi al ginecologo. Se non ti è stata diagnosticata questa malattia, dì al tuo medico di ittero tra i tuoi parenti stretti.

Quando l'iperbilirubinemia deve limitare l'attività fisica, seguire una dieta, per proteggersi da situazioni stressanti.

Il fumo, l'alcol, l'uso non autorizzato di qualsiasi farmaco nella sindrome di Gilbert in donne in gravidanza è controindicato.

Non dovresti impegnarti nell'auto-trattamento in qualsiasi momento, e durante la gravidanza, tanto più. Solo gli specialisti possono valutare lo stato femminile, soppesare tutti i possibili rischi per la salute e la vita della madre e del bambino.

Visita regolarmente il ginecologo e specialisti specializzati per monitorare continuamente il livello di bilirubina nel sangue e il suo effetto sul tuo corpo.

Cosa fa il dottore

La malattia è benigna, quindi durante la gravidanza non è indicato un trattamento speciale.

È importante esaminare regolarmente il paziente, per condurre le necessarie procedure diagnostiche.

Durante l'esacerbazione della malattia, il medico può prescrivere un numero di farmaci che contribuiscono alla spaccatura e alla rimozione precoce della bilirubina dal corpo femminile.

prevenzione

Le seguenti misure saranno la migliore prevenzione di esacerbazione della sindrome nella futura gestante:

  • monitoraggio medico costante della salute delle donne,
  • aderenza ad una dieta speciale (tabella dietetica numero 5),
  • corsi periodici di farmaci coleretici (solo su prescrizione del medico),
  • prendendo le vitamine appropriate
  • smettere di fumare e alcol
  • evitare altri fattori provocatori.

Gravidanza con la sindrome di Gilbert

La sindrome di Gilbert (ittero familiare non emolitico) è una delle forme più comuni di malattia epatica ereditaria - epatite pigmentaria. La malattia è di natura familiare ed è caratterizzata da un decorso benigno. Nel sangue di questi pazienti si accumula la bilirubina diretta, che si deposita nella pelle, conferendole una tonalità itterica.

Si verifica nella popolazione europea dall'1% al 5% dei casi, fino al 3% tra gli asiatici e fino al 36% nella popolazione africana.

La malattia inizia a manifestarsi negli adolescenti e nei giovani. Gli uomini si ammalano 8-10 volte più spesso.

Un po 'di bilirubina

La vita dei globuli rossi è breve e dura solo 3 mesi. L'1% dei globuli rossi si disintegra giornalmente. Questo produce fino a 300 mg di bilirubina libera, un composto abbastanza tossico. Si chiama diretto o libero. Ha un colore giallastro. Non solubile in acqua

Nel fegato, la bilirubina diretta si lega all'acido glucuronico e si trasforma in indiretta o associata, che viene escreta nella bile nel tratto intestinale. Questa forma di bilirubina è meno tossica. In totale, la bilirubina diretta e indiretta dà la bilirubina totale.

Se ci sono problemi nella transizione della bilirubina diretta in bilirubina indiretta, la quantità di bilirubina diretta nel sangue aumenta e comincia ad accumularsi nella pelle, causando la loro colorazione itterica.

Cosa succede nella sindrome di Gilbert

Figura 3 Sindrome di Gilbert: a - paziente - partecipante al concorso di bellezza; b - ultrasuoni: nessun cambiamento; in - macrodrug di un fegato con accumulazione di lipofuscin.

3 Sindrome di Gilbert: a - paziente - partecipante a un concorso di bellezza; b - ultrasuoni: nessun cambiamento; in - macrodrug di un fegato con accumulazione di lipofuscin.

Nei pazienti con sindrome di Gilbert, il livello di attività e la quantità dell'enzima uridina fosfato glucuronil transferasi (UDHPT), con cui la bilirubina libera è legata all'acido glucuronico, è ridotta. Riducendo la quantità di enzima è annotato a 10 - il 30% della norma.

Inoltre, i pazienti hanno un'anormale permeabilità delle membrane cellulari delle cellule epatiche e un difetto nella proteina di trasporto intracellulare.

Il livello di bilirubina totale nella sindrome di Gilbert aumenta principalmente a 30 μmol / l, raramente a 50 μmol / l. Durante lo sforzo fisico - fino a 100 μmol / l, con grave sforzo fisico - fino a 140 μmol / l.

  • La bilirubina diritta, accumulata nella pelle, conferisce una tonalità itterica. Ittero che appare, quindi scompare, quindi aumenta. Spesso non sembra affatto ed è una constatazione di laboratorio.
  • Un'anomalia della permeabilità delle membrane cellulari delle cellule epatiche porta alla degenerazione degli epatociti. Di conseguenza, il pigmento lipofuscinico si accumula in essi, dando al fegato un colore giallastro. Nel corso del tempo si sviluppa epatite del fegato.
  • La bilirubina indiretta non è solubile in acqua, ma è ben solubile nei grassi. Danneggia gli organi e le strutture che ne contengono una quantità maggiore (fosfolipidi delle membrane cellulari). Questo spiega la sua neurotossicità.

Cause di aumento dei sintomi della malattia

  • bere alcolici
  • interventi chirurgici
  • digiuno prolungato
  • ingestione di cibi grassi
  • malattie infettive
  • sollecitazioni,
  • attività fisica
  • la disidratazione,
  • farmaci,
  • shock termico e ipotermia.

Il ruolo del fenobarbitale nella sindrome di Gilbert

L'attività dell'enzima UDPHT aumenta con l'assunzione di fenobarbital, che si manifesta con la normalizzazione del livello di bilirubina nel sangue. Tuttavia, l'assunzione di fenobarbital ha un effetto sedativo e stimola il metabolismo degli ormoni steroidei.

I sintomi della malattia di Gilbert

I sintomi nella sindrome di Gilbert sono dovuti all'effetto tossico della bilirubina diretta.

  • L'ittero è il primo e il più importante sintomo
  • Disturbi della diarrea (si verificano nel 50% dei casi)
  • Disturbi di Asthenovegetative
  • Depressione (si sviluppa con un decorso persistente della malattia)
  • Pigmentazione della pelle sotto l'influenza della luce (raramente si sviluppa).

Diagnosi della malattia

  1. Lo studio della storia familiare della linea femminile.
  2. Diagnostica del DNA

Trattamento per la sindrome di Gilbert

Non è richiesto un trattamento speciale per la malattia di Gilbert.

Durante i periodi di esacerbazione:

  • regolare lo stile di vita;
  • passare alla dieta numero 5;
  • rifiuto totale dell'alcool;
  • prendendo epatoprotettori;
  • ricevere fenobarbital.

Si raccomanda di evitare:

  • fattori provocatori;
  • prendendo alcuni farmaci.

Ai primi segni di deterioramento della salute, consultare immediatamente un medico e sottoporsi ad un esame adeguato.

Quali farmaci dovrebbero essere evitati nei pazienti con sindrome di Gilbert

L'assunzione di tutti i seguenti farmaci aumenta il rischio di sviluppare insufficienza epatica acuta nei pazienti. Dovrebbero essere noti ai pazienti affetti dalla sindrome di Gilbert e dovrebbero essere evitati per tutta la loro vita:

  • Mangiare funghi del genere Amanita, tra cui A. phalloides e A. Vema
  • tetracicline
  • salicilati
  • Paracetamolo (l'effetto tossico si manifesta mentre si assumono 4 - 8 g di droga e alcool)
  • Amiodarone (un farmaco per il trattamento delle aritmie)
  • Farmaci anticonvulsivanti
  • Farmaco antimalarico Amodiahin
  • Cianammide (usata nel trattamento dell'alcolismo)
  • Assunzione accidentale di solfato ferroso in una grande dose (veleno per topi)
  • Soluzione del fluler (soluzione all'1% di triossido di arsenico). Usato per trattare la psoriasi.
  • Vitamina A in una dose di 25.000 IU / giorno se assunta per 6 anni o 50.000 IU / giorno se assunta per 2 anni. Con l'abuso di alcol durante questo periodo, l'intossicazione aumenta in modo significativo.
  • Retinoidi (derivati ​​di vitamina A. Ampiamente usato in dermatologia)
  • Metotrexato (citostatico)
  • Irradiazione del fegato

Qual è la sindrome pericolosa di Gilbert

1. Una grande quantità di bilirubina nel sangue aumenta la manifestazione di ittero.

2. Si sviluppa la distrofia delle cellule epatiche, che porta allo sviluppo dell'epatosi.

3. Un gran numero di bilirubina diretta con esposizione prolungata alle cellule cerebrali ha un effetto neurotossico che si manifesta sotto forma di depressione.

Gravidanza e sidro Gilbert

La sindrome di Gilbert è una malattia familiare che colpisce tutti gli aspetti della vita.

L'ittero nelle donne in gravidanza è una manifestazione di malattie di diversa natura.

Per 1500 nascite in donne in gravidanza, c'è 1 ittero. Molto spesso si tratta di ittero, causato da patologia epatica. Ittero meno comune causato dall'ostruzione dei dotti biliari e dell'emolisi dei globuli rossi.

Nella sindrome di Gilbert nelle donne in gravidanza, il livello di bilirubina è ridotto a causa della stimolazione dell'enzima UHBHT con gli ormoni estrogeni. Pertanto, l'ittero nelle donne in gravidanza è estremamente raro.

La donna incinta è obbligata a informare l'ostetrico-ginecologo della sua malattia.

Se l'ittero è apparso in una donna incinta con la sindrome di Gilbert, il medico è obbligato a fare una diagnosi differenziale con epatite cronica inattiva e una forma cancellata di ittero emolitico.

Manifestazioni della sindrome di Gilbert durante la gravidanza

  • giallo della pelle e della sclera;
  • sintomi generali di intossicazione (debolezza, malessere, stanchezza);
  • dolore e pesantezza nell'ipocondrio destro.

Con la sindrome di Gilbert, la donna e il feto non soffriranno!

Trattamento durante la gravidanza

Il trattamento durante la gravidanza viene effettuato solo sotto la supervisione di un medico e include l'assunzione di farmaci coleretici, epatoprotettori e vitamine. Per prevenire l'insorgenza dei sintomi della malattia, è necessario evitare tutti i fattori che causano l'ittero.


Altri Articoli Su Fegato

Dieta

Insufficienza epatica

L'insufficienza epatica è anche chiamata insufficienza epatica in fase di scompenso. Questa è una patologia grave, che è caratterizzata dalla violazione di tutte le funzioni dell'organo che sono sorte sullo sfondo di un certo numero di malattie.
Dieta

Campioni epatici: interpretazione di indicatori, la norma

I test del fegato sono enzimi biochimici che aiutano a ricreare il quadro reale dell'entità del danno epatico. I test epatici possono essere assegnati a pazienti con evidenti segni di danno epatico e senza sintomi tipici.