Epatite cronica

Le malattie epatiche infiammatorie sono tra le patologie più comuni del sistema epatobiliare. L'epatite può avere origine infettiva o non infettiva, si verifica in forme acute o croniche. In alcuni casi, la malattia non si manifesta clinicamente, quindi un lungo periodo può progredire inosservato dal paziente. La diagnosi viene effettuata sulla base di dati di ispezione, test strumentali e di laboratorio e, se necessario, una biopsia epatica.

Definizione e meccanismo di sviluppo dell'epatite

L'epatite cronica è l'infiammazione del fegato senza interrompere la sua struttura anatomica. Questa forma viene diagnosticata se la malattia dura per 6 mesi o più. Nel suo corso possono alternarsi periodi di esacerbazione e remissione, spesso associati allo stile di vita del paziente. Questa è una patologia comune che si verifica in 50-60 persone per 100 mila della popolazione, principalmente uomini. Nel 70% dei casi, l'epatite si presenta in forma cronica, indipendentemente dalla sua causa. Anche se le prime manifestazioni sono causate da avvelenamento acuto o da altri fattori, nel tempo, il processo potrebbe diventare cronico.

Nutrizione scorretta, agenti infettivi, disordini metabolici ed endocrini esercitano un carico maggiore sulle cellule epatiche strutturali (epatociti). Si infiammano, a causa della quale non sono in grado di svolgere le loro funzioni in un volume sufficiente. Ciò si riflette nel lavoro di tutti i sistemi di organi, dal momento che il fegato svolge un ruolo importante. È il filtro principale che purifica il sangue dai veleni e dalle tossine e partecipa anche al metabolismo di proteine, grassi, carboidrati, vitamine e altre sostanze. Inoltre, le sue cellule producono la bile, necessaria per la digestione dei grassi nell'intestino tenue. I sintomi dell'epatite cronica sono dovuti sia al danno diretto al fegato sia alla sua insufficienza.

Possibili cause

L'infiammazione del fegato può avere un'eziologia diversa. In primo luogo, i tipi infettivi (virali) e non infettivi sono isolati. I primi sono trasmessi con sangue e altri fluidi biologici del corpo, nella vita di tutti i giorni la malattia non rappresenta un pericolo per gli altri. L'infezione più comune si verifica con l'uso riutilizzabile di aghi per iniezione, strumenti chirurgici o manicure scarsamente disinfettati. Esiste anche un alto rischio di trasmissione del virus durante l'iniezione di sangue del donatore e durante la procedura di emodialisi. Maggiori informazioni sull'epatite virale, caratteristiche della loro manifestazione e trattamento possono essere trovate nelle sezioni pertinenti: "Epatite C cronica", "Epatite B cronica".

La malattia può anche essere innescata da agenti non infettivi. Le sue cause possono essere:

  • uso regolare di alcol;
  • dieta malsana con una predominanza di cibi grassi nella dieta;
  • avvelenamento con metalli pesanti e altre sostanze tossiche, inclusi punture di insetti e animali;
  • uso a lungo termine di alcuni farmaci e altro ancora.

sintomi

Nelle fasi iniziali, la malattia può essere asintomatica. Questo dovrebbe essere preso particolarmente in considerazione durante la diagnosi dell'epatite virale cronica. Con la sconfitta delle singole cellule epatiche, vengono attivati ​​meccanismi compensatori, che consentono di preservare le sue funzioni nelle fasi iniziali. Anche il dolore e il disagio sono assenti, poiché gli epatociti non hanno alcun recettore. Si verificano solo quando il fegato si infiamma e aumenta di volume e la sua capsula diventa tesa.

I segni caratteristici dell'epatite cronica possono essere:

Fai questo test e scopri se hai problemi al fegato.

  • dolore nell'ipocondrio destro, nell'area della proiezione del fegato;
  • disturbi digestivi (nausea, vomito, disturbi intestinali, perdita di peso);
  • l'ittero è un segno di stagnazione della bile;
  • prurito - spesso si verifica contemporaneamente con ittero o un po 'prima;
  • dimensioni del fegato ingrandite - il corpo rappresenta i bordi dell'arco costale;
  • segni extraepatici - la comparsa di vene varicose, piccoli ematomi sottocutanei a causa di una diminuzione della forza delle pareti dei capillari.

La malattia progredisce gradualmente, nelle prime fasi può procedere senza manifestazioni cliniche. Se l'epatite è contagiosa, può essere trasmessa già nella fase dell'infezione virale. In futuro, vi è una lenta distruzione degli elementi strutturali del corpo. Senza un trattamento tempestivo, vi è il rischio di sviluppare cirrosi - una malattia pericolosa in cui il parenchima dell'organo viene sostituito da cicatrici del tessuto connettivo. Termine, quanti vivono con la cirrosi, raramente supera i 5-10 anni.

Tipi e classificazione

La prima classificazione è basata su dati eziologici. Secondo lei, l'epatite virale isolata (A, B, C, D), tossica, autoimmune e criptogenetica (con causa inspiegabile). Anche l'epatite viene solitamente classificata sulla base di dati di biopsia. Particolarmente importante è la presenza di segni di fibrosi - la formazione di tessuto connettivo cicatriziale:

  • 0 gradi - nessuna fibrosi;
  • Grado 1 - una piccola quantità di tessuto fibroso attorno agli epatociti e ai dotti biliari;
  • Fase 2 - il tessuto connettivo cresce gradualmente e forma partizioni (setti);
  • Grado 3 - fibrosi pronunciata;
  • Fase 4 - tessuto connettivo, in espansione, viola la struttura del fegato.

Classificazione delle attività

L'epatite virale può manifestarsi senza manifestazioni cliniche o peggiorare significativamente le condizioni del paziente e rappresentare una minaccia per la sua vita. Per determinare il grado di pericolo, è necessario esaminare esami del sangue, condurre un'ecografia degli organi addominali e ottenere dati da ulteriori metodi diagnostici. L'epatite cronica attiva è la variante più grave di tutte le possibili, è caratterizzata da una significativa interruzione del tratto epatobiliare.

Con attività minima

L'epatite cronica con un grado minimo di attività è l'opzione più sicura. Si manifesta solo con disturbi digestivi minori (nausea, vomito, perdita di appetito), il prurito si verifica raramente come reazione allergica ad un aumento della quantità di tossine nel corpo. Nel sangue, viene determinato un leggero aumento dell'attività degli enzimi epatici ALT e AST (1,5-2 volte) e la concentrazione di bilirubina rimane entro il range normale. Potrebbe esserci un aumento della quantità di proteine ​​del sangue totale - fino a 9 g / l.

Attività bassa

L'epatite cronica attiva con un basso grado di attività non ha praticamente manifestazioni cliniche. Il paziente può essere disturbato da dolore addominale ricorrente, nausea, perdita di peso. Stabilire un danno epatico può basarsi solo su esami del sangue di laboratorio. L'analisi biochimica indica un aumento di ALT e AST di 2-2,5 volte e si può osservare anche un aumento della quantità di proteine ​​totali.

Con un moderato grado di attività

CAG con un moderato grado di attività è la forma più comune della malattia. I sintomi del danno epatico diventano più pronunciati, i pazienti si lamentano di un dolore doloroso costante nell'ipocondrio destro. Si osserva anche un aumento delle dimensioni del fegato e della milza. Gli esami del sangue biochimici mostrano un significativo aumento del livello degli enzimi epatici (5-10 volte). Il livello di proteine ​​totali e di proteine ​​immunogloblin aumenta.

attivo

L'epatite cronica con un alto grado di attività si manifesta con un complesso di sintomi caratteristici. Il paziente è disturbato da frequenti dolori nell'ipocondrio destro, il fegato cresce e rappresenta i bordi dell'arco costale. È duro e doloroso alla palpazione e la milza è ingrandita e infiammata. Lo stato di salute peggiora bruscamente, nella maggior parte dei casi ci sono segni di ittero. Nel sangue, i livelli elevati di enzimi epatici sono diagnosticati più di 10 volte, così come un aumento della concentrazione di bilirubina, proteine ​​totali e immunoglobuline.

Con colestasi

La forma più pericolosa di epatite cronica si verifica con il fenomeno della stagnazione della bile. A causa dell'infiammazione dell'organo, i dotti biliari si sovrappongono, a causa della quale il fluido non ha percorsi di deflusso. Le condizioni del paziente sono soddisfacenti, l'ingrossamento del fegato è insignificante. Se non si cura la malattia e si normalizza il passaggio della bile, c'è il pericolo di sviluppare una cirrosi biliare. Il conteggio del sangue peggiora drammaticamente, il principale aumento dei livelli di bilirubina.

Metodi diagnostici

I motivi del sospetto di epatite cronica sono il dolore nel giusto ipocondrio, il deterioramento della salute e altri sintomi caratteristici della malattia. Durante l'esame è importante non solo confermare la diagnosi, ma anche determinare la causa e lo stadio dell'infiammazione del fegato. I seguenti studi saranno i più informativi:

  • esame del sangue biochimico - con l'epatite, l'attività degli enzimi ALT e AST, fosfatasi alcalina, aumento della bilirubina, aumenta il numero di globuline, mentre diminuisce il livello di albumina;
  • esami del sangue immunologici per identificare e identificare un agente patogeno virale - ELISA, PCR;
  • Ultrasuoni degli organi addominali - infiammazione e aumento del volume del fegato (negli ultimi stadi insieme alla milza), l'intensità della sua capsula;
  • CT, RM - i metodi di esame più accurati, con i quali è possibile ottenere un'immagine tridimensionale completa del corpo in diverse proiezioni;
  • la biopsia epatica è una procedura dolorosa, che viene eseguita in caso di emergenza.

Regime di trattamento

Il trattamento dell'epatite cronica è diverso a seconda della causa e della gravità della malattia. Alla prima manifestazione di sintomi, è necessario limitare lo sforzo fisico, normalizzare la nutrizione e sostenere il lavoro del fegato con preparazioni speciali. Indipendentemente dalla causa della malattia, i seguenti farmaci possono essere prescritti:

  • epatoprotettori - farmaci che proteggono il fegato a livello cellulare e stimolano il rinnovamento degli epatociti;
  • vitamine - fanno parte di qualsiasi regime di trattamento (B1, il6, il12);
  • mezzi enzimatici per la normalizzazione della digestione nell'intestino tenue;
  • immunostimolanti.

Il trattamento dell'epatite virale viene effettuato da specifici agenti antivirali. Stimolano la produzione di cellule del sistema immunitario (interferoni), che distruggono l'infezione. Tali farmaci sono prescritti individualmente, dopo aver determinato la carica virale. A causa dell'elevata tossicità di questi farmaci hanno controindicazioni e soprattutto l'uso nei bambini, durante la gravidanza e in presenza di numerose malattie croniche.

Una dieta per l'epatite cronica di qualsiasi origine è una dieta delicata con una ridotta quantità di grasso animale. È necessario eliminare completamente cibi grassi e fritti, alcol, pasticcini e dolci, fast food e cibi pronti. Nutrizione frazionata al giorno per mangiare fino a 5 piccole porzioni di cibo. Assicurati di monitorare la qualità del cibo, è consigliabile cucinarlo a casa. La base della dieta è costituita da cereali, primi piatti, carni magre e pesce, verdure e frutta. Il cibo dovrebbe essere bollito senza aggiungere brodo o al vapore.

L'allattamento per i pazienti con epatite virale C prevede la pulizia e la ventilazione quotidiana della stanza. I medici e il personale di laboratorio devono osservare le precauzioni quando si lavora con il sangue del paziente. L'epatite A viene trasmessa in modo domestico, quindi questi pazienti devono essere isolati dagli altri.

prevenzione

Il principale metodo per la prevenzione dell'epatite virale è l'osservanza delle misure precauzionali durante la visita a manicure e tatuaggi, studi dentistici. Negli ospedali, l'intero strumento è completamente disinfettato, quindi il rischio di infezione è ridotto al minimo. Per prevenire l'epatite non contagiosa, dovresti prestare attenzione a una serie di raccomandazioni:

  • rinunciare a cattive abitudini: l'assunzione regolare di alcol è la causa principale dell'infiammazione del fegato;
  • tenere traccia del cibo - una dieta a digiuno è utile a fini preventivi;
  • Non usare alcun farmaco senza la prescrizione del medico;
  • periodicamente donare il sangue per l'analisi - il trattamento sarà più efficace se si rileva la malattia nelle fasi iniziali.

L'epatite cronica è una condizione pericolosa che influenza il funzionamento di tutti i sistemi di organi. Non può disturbare il paziente, ma col passare del tempo è in pericolo di vita. Il trattamento con i rimedi popolari non porterà risultati, specialmente se gli agenti virali sono diventati la causa dell'infiammazione. Una corretta alimentazione e farmaci complessi elimineranno tutte le manifestazioni di epatite e ripristineranno completamente il fegato.

Sintomi e trattamento di farmaci per l'epatite cronica e dieta

Questa malattia è associata a infiammazione del fegato. Le conseguenze dell'epatite cronica dipendono dal grado e dall'attività del principale "filtro del corpo", che non è sempre segnalato da sintomi e segni. Le terribili conseguenze della malattia sono la cirrosi e lo sviluppo di tumori. Puoi evitarlo scoprendo le cause, i tipi e i metodi di trattamento.

Che cos'è l'epatite cronica

La malattia è caratterizzata dalla presenza di malattie infiammatorie diffuse nel fegato (filtro del corpo) per un periodo di 6 mesi o più. Spesso questo è asintomatico, quindi una persona potrebbe non essere consapevole della presenza di lesioni del parenchima degli epatociti. Se non viene diagnosticato in tempo, le cellule del fegato vengono sostituite dal tessuto connettivo. Si sviluppano manifestazioni di cirrosi, disturbi oncologici acuti e biliari. Non tutti i tipi di malattia si sviluppano in uno stadio cronico, ad esempio, il tipo A. Le variazioni infettive B e C possono diventare tali.

motivi

Se un metodo inadeguato è quello di trattare l'epatite B reattiva, C, D, G, la malattia diventa cronica. Il tipo A viene trattato in modo standard per diverse settimane, il corpo produce una forte immunità fino alla fine della vita. È anche chiamato la malattia di Botkin - ittero. Il principale pericolo è di tipo C (80%). Inoltre, la malattia si sviluppa a causa di tali fattori:

  • disordini metabolici;
  • epatite autoimmune - ereditata, interruzioni nei processi protettivi;
  • sostanze tossiche - nocive influenzano il corpo per lungo tempo: alcol, droghe (tetracicline, farmaci, antitubercolari, sedativi), sale, benzene, metalli pesanti, elementi radioattivi.

classificazione

I tre principali tipi di danno epatico sono A, B, C. Il primo è comune, inizialmente simile all'influenza. Dopo 2-4 giorni, le feci diventano incolori e l'urina, al contrario, si scurisce. Prevenzione - igiene. La varietà E è simile ad A, ma la forma grave colpisce fegato e reni. Il tipo F è stato poco studiato. Nell'eziologia virale dell'epatite D si osservano sintomi extraepatici acuti: danni ai polmoni, ai reni, alle articolazioni, ai muscoli. Il tipo G è simile a C, ma non porta a cancro, cirrosi. La forma acuta colpisce rapidamente il corpo. Classificazione dell'epatite cronica:

  • criptogenico - i meccanismi di innesco non sono studiati;
  • cronica persistente (bassa attività) - si sviluppa con droghe, alcol e danni al fegato tossici;
  • lobulare - una variante del primo con localizzazione di patologie nei lobuli epatici;
  • epatite aggressiva (attiva cronica) - caratterizzata da necrosi, vi è una tendenza al verificarsi di cirrosi, si verifica a causa di virus dell'epatite B, raramente C, può avere un farmaco, eziologia alcolica cronica (natura di origine).

diagnostica

Per identificare la patogenesi della malattia cronica, il medico effettua un esame primario. Una persona infetta ha un rash puntuale, carnagione giallastra, lingua cremisi, palmi rossi, vene varicose. Insieme all'ispezione, la palpazione è fatta nella milza, fegato: se sono ingranditi, ci sarà disagio con la pressione. Quindi viene nominato un ultrasuono di questi organi per stabilire l'eterogeneità della loro struttura. La diagnosi di epatite cronica include in alcuni casi:

  • biopsia epatica per determinare il tipo di malattia, se vi è cirrosi / fibrosi o meno;
  • emocromo completo, che conferma la presenza di processi infiammatori;
  • ricerca sierologica di laboratorio - rivela alcuni marcatori di antigeni virali;
  • analisi del sangue biochimica - determina il livello di bilirubina, enzimi epatici, grazie ai quali la pelle cambia colore;
  • esame immunologico - rilevamento di anticorpi alle cellule epatiche.

Sintomi di epatite cronica

Queste sono lamentele di amarezza in bocca con colestasi, feci di cefalea, mal di testa, sanguinamento con ematomi, sensazione di debolezza, stanchezza. Sentire pesantezza, disagio nel fegato - sotto il giusto ipocondrio. Il dolore doloroso aumenta dopo aver mangiato cibi fritti e grassi. Forse lo sviluppo della sindrome vegetativa asteno - una diminuzione della concentrazione mentale, prestazioni, sonnolenza. Le manifestazioni cliniche a volte includono perdita di peso dovuta a disordini metabolici, sindrome colestatica.

Trattamento dell'epatite cronica

La terapia è sviluppata tenendo conto delle caratteristiche individuali di ciascun paziente. Il complesso terapeutico è determinato dal grado di attività della malattia, le cause dell'evento. La terapia farmacologica è completata da una dieta speciale, regime motorio. I preparati di interferone sono usati per sopprimere l'epatite cronica virale C. Il fegato è protetto dagli epatoprotettori, che ripristinano la struttura del tessuto in combinazione con vitamine e antiossidanti, alleviano l'infiammazione immunitaria. L'obiettivo è la remissione della malattia (indebolimento).

Epatite B

Si chiama anche tipo di siero. L'infezione avviene attraverso sangue, liquido seminale durante i rapporti sessuali, durante il travaglio e il parto. Gli immunostimolanti sono prescritti (per esempio, Timalin, Metiluracile), vitamine dei gruppi B e C, folico, acido nicotinico. Il fegato è rigenerato da anabolizzanti, ormoni corticosteroidi. Il trattamento dell'epatite cronica di questo tipo è integrato con farmaci per proteggere il fegato. Dopo la dimissione dall'ospedale ogni anno è necessario sottoporsi a riabilitazione in sanatorio, tutta la mia vita per seguire diete.

Epatite C

Dopo aver analizzato il grado di danno al fegato, lo stadio della cirrosi, il cancro, la valutazione delle malattie associate, viene prescritto un corso individuale di terapia a lungo termine. Nella pratica moderna vengono utilizzati interferone e ribavirina, che sono efficaci contro tutti i genotipi della malattia. Il problema principale di un paziente con infezione da HCV (tipo C) è la scarsa tollerabilità dei farmaci, il loro alto costo.

attivo

Il trattamento dovrebbe iniziare dopo completa identificazione della correttezza della diagnosi della forma cronica. Dopo aver atteso 3-6 mesi, il controllo istologico viene ripetuto. Gli elementi principali della terapia sono immunosoppressori e corticosteroidi. Se il trattamento viene interrotto fino all'eliminazione di tutti i sintomi clinici, è possibile una ricaduta con una fase di esacerbazione. La terapia deve essere effettuata sotto la stretta supervisione di un medico.

persistente

L'epatite virale cronica con un grado minimo di attività viene trattata riducendo lo stress fisico e nervoso. Il sonno sano, la calma, una corretta alimentazione sono forniti. Con un decorso favorevole della malattia, non sono necessarie cure mediche speciali. Si usano farmaci antivirali e immunomodulatori. L'esame clinico è necessario come misura preventiva.

Prevenzione dell'epatite cronica

La replicazione non si verifica per goccioline trasportate dall'aria e metodi domestici, quindi i portatori di virus della malattia non rappresentano un pericolo. Per la protezione, è importante utilizzare la contraccezione a barriera, non prendere gli oggetti di igiene di altre persone. Prevenzione di emergenza di tipo B - l'uso di vaccini immunoglobulinici umani. Le lesioni da farmaci e le forme autoimmuni sono curabili e l'epatite virale cronica si trasforma in cirrosi. Evitare le lesioni alcoliche aiuterà ad escludere l'alcol dalla dieta.

video

Le informazioni presentate nell'articolo sono solo a scopo informativo. I materiali dell'articolo non richiedono auto-trattamento. Solo un medico qualificato può diagnosticare e consigliare il trattamento in base alle caratteristiche individuali di un particolare paziente.

Epatite virale cronica B

Il virus dell'epatite B (B) può causare sia patologie acute che croniche. Il principale pericolo è l'epatite cronica, che può causare cirrosi e cancro al fegato. Quando i medici parlano di 257 milioni di persone infettate in tutto il mondo, si tratta del processo di infezione cronica. In questo articolo analizzeremo in dettaglio che cos'è l'epatite B cronica, quale pericolo comporta e se esiste un trattamento per questa malattia.

Contenuto dell'articolo:

L'epatite acuta è spaventosa?

L'epatite virale acuta B è il decorso più prevedibile dell'infezione. Molte persone non sospettano nemmeno che una volta abbiano avuto l'infezione e siano immuni dalla malattia.

La forma anterterica dell'epatite è accompagnata da malessere generale, debolezza generale, nausea, perdita di appetito.

Ci sono 3 opzioni principali per il corso dell'epatite B acuta:

Forma anterterica, in cui una persona può provare disagio, debolezza generale, nausea, perdita di appetito. I sintomi possono essere espressi molto lievemente, ma possono anche causare ansia percettibile.

Forma icterica È meno comune e si differenzia dalla precedente colorazione della pelle e delle mucose in giallo. Allo stesso tempo c'è una decolorazione delle feci.

La forma fulminante è una variante molto rara del flusso (

Nessuna fibrosi tissutale

Attività minima e mite

L'accumulo di tessuto fibroso nell'area di alcune triadi portale *

Fibrosi della maggior parte delle triadi portale

La comparsa di setti di ponti - partizioni che terminano ciecamente nello spessore del fegato

* Triade portale - canali speciali che contengono piccole arterie, vene e vie biliari e permeano l'intero spessore del fegato.

La scala di Metavir è stata specificamente sviluppata per i pazienti con epatite C, ma è anche pienamente rilevante per altre epatiti croniche.

Criteri per la diagnosi dell'epatite cronica B

Esistono alcuni criteri che consentono di giustificare la diagnosi di epatite cronica. Questi includono:

HBsAg, che è determinato da oltre sei mesi.

Il DNA del virus supera le 10 mila copie per millilitro.

Crescita periodica delle transaminasi - AST e ALT.

Segni di epatite in un campione di biopsia epatica.

La maggior parte dei ricercatori distingue una forma separata di epatite cronica B HbsAg-carriership, quando l'antigene è presente nel corpo, ma non ci sono segni di infiammazione. Altri ritengono che questa sia solo una delle opzioni per l'epatite B cronica con attività minima e non sia isolata in una forma separata del corso. Ad ogni modo, per tale infezione è caratteristica:

HbsAg è determinato su 6 mesi.

Seroconversione su HBeAg - antigene nucleare, cioè una proteina che è contenuta nel nucleo del virus.

Il DNA del virus supera le 10 mila copie per millilitro.

Normale contenuto di transaminasi.

Nessuna infiammazione nei risultati della biopsia.

La sieroconversione è una condizione in cui un antigene scompare dal sangue e appaiono gli anticorpi.

Leggi in dettaglio su antigeni e anticorpi, puoi leggere nell'articolo "ELISA".

Un altro concetto che viene spesso utilizzato nella letteratura medica è l'epatite B risolta, cioè una malattia acuta o cronica precedentemente sofferta. Questa condizione corrisponde ai criteri:

anticorpi contro il virus nel sangue e assenza di antigeni;

Il DNA del virus non viene rilevato;

I metodi di diagnostica di laboratorio consentono non solo di diagnosticare, ma anche di distinguere l'infezione acuta da quella cronica, di valutare l'efficacia del trattamento e delle vaccinazioni, per determinare il contenuto del virus nel sangue.

Trattamento dell'epatite cronica B

La lotta all'epatite cronica B pone gravi difficoltà. Allo stesso tempo, è possibile ottenere il pieno recupero, ma è molto più spesso possibile solo fermare la replicazione del virus per un po '. L'infezione cronica da HBV è raramente risolta spontaneamente, quindi il trattamento principale per l'epatite B cronica è la terapia antivirale (PVT).

Studio preliminare

Prima di iniziare a curare l'epatite B cronica, il paziente deve essere esaminato per determinare l'entità del danno epatico e le relative malattie aggravanti. Sicuramente entrano:

emocromo totale;

analisi del sangue biochimiche, compresa l'attività delle transaminasi, la bilirubina, le frazioni proteiche;

valutazione della coagulabilità del sangue;

sierodiagnosi di epatite C e D, infezione da HIV.

Un ruolo importante è svolto dalla chiarificazione dell'attività del processo infettivo, per il quale è prescritta una biopsia epatica o elastometria.

Indicazioni per HTP

In base alla positività del paziente per Hbe, l'HTP viene mostrato nelle seguenti situazioni:

contenuto di virus di oltre 2.000 unità internazionali per millilitro (> 10.000 copie per ml);

fibrosi e attività infiammatoria oltre 1 punto della scala di Metavir.

La cirrosi epatica serve come indicazione per la PVT a qualsiasi contenuto di DNA del virus, mentre la cirrosi scompensata richiede la somministrazione di antivirali ad azione diretta.

Esistono diverse categorie di pazienti il ​​cui trattamento può essere effettuato senza valutare la fibrosi o non è affatto prescritto:

I pazienti nella fase di tolleranza immunologica sono giovani, positivi per HBe, con ALT normale e senza sintomi di danno epatico. È necessario un costante monitoraggio ed esame ogni 3-6 mesi.

I pazienti negativi per HBe, con ALT normale, livello di virus di 2000-20000 UI / ml, senza segni di malattia epatica, inoltre, non richiedono una biopsia urgente o PVT. Richiede monitoraggio dinamico, valutazione dell'ALT ogni 3 mesi, livello del DNA ogni sei mesi - un anno.

I pazienti con ALT, il doppio del normale e il contenuto di HBV DNA superiore a 20.000 UI / ml possono ricevere farmaci antivirali senza biopsia epatica.

L'interferone e i farmaci antivirali diretti, analoghi nucleotidici, sono usati per eseguire l'HTP.

Scelta del regime di trattamento

A volte è molto difficile per un medico scegliere lo schema più efficace. Sia gli interferoni che gli analoghi nucleotidici presentano sia vantaggi che svantaggi.

Gli interferoni, incluso il pegilato, che includono farmaci come l'interferone alfa, Pegasys, Pegintron, non causano lo sviluppo di resistenza virale al trattamento e talvolta consentono di raggiungere la sieroconversione di HbsAg, che può essere considerata un recupero. Tuttavia, questi farmaci sono usati solo sotto forma di iniezioni, sono più difficili da tollerare e sono controindicati nella cirrosi epatica.

Gli analoghi nucleotidici (lamivudina, entecavir, tenofovir) sono utilizzati in compresse, nel 60-85% dei casi sono in grado di ridurre il contenuto di DNA del virus a un livello non rilevabile, hanno meno effetti collaterali e possono essere utilizzati nella cirrosi epatica, ma quando vengono somministrati, HbsAg e quando vengono cancellati, la riattivazione dell'infezione si verifica rapidamente.

Quando prescrivono un OEM, i medici usano solitamente le linee guida cliniche ufficiali:

Tra gli analoghi nucleotidici, è preferibile iniziare il trattamento con entecavir o tenofovir. Lamivudina e Telbivudina, a cui il virus spesso viene utilizzato, vengono utilizzati solo se questi farmaci non sono disponibili.

Con una prognosi favorevole del trattamento (inizialmente alti livelli di ALT e lieve viremia), il trattamento è prescritto per una durata specifica - un ciclo di interferone peghilato per 48 settimane.

I pazienti HBeAg-positivi senza sieroconversione durante il trattamento, così come i pazienti HBeAg-negativi e i pazienti con cirrosi epatica, sono trattati con analoghi nucleotidici a durata indefinita, a volte per tutta la vita.

Indipendentemente dal farmaco utilizzato, l'obiettivo della terapia è raggiungere l'aviremia persistente, una condizione in cui il virus nel sangue non viene rilevato.

Maggiori informazioni sulle caratteristiche del trattamento dell'epatite B nel materiale speciale.

Caratteristiche del trattamento di pazienti con epatite cronica B e un agente delta

Ad oggi, l'unico gruppo di farmaci che si è dimostrato efficace nel trattamento del CHB con un agente delta è l'interferone (IF). La necessità del loro appuntamento è determinata individualmente. È necessario valutare la replicazione di entrambi i virus. Se vengono prescritti gli interferoni alfa classici, il loro dosaggio è solitamente aumentato. Gli IF pegilati sono prescritti nelle stesse dosi del trattamento dell'epatite virale cronica B senza un agente delta.

Il corso del trattamento dura almeno un anno. È possibile estenderlo per raggiungere l'aviazione sostenibile. Questo risultato può essere ottenuto in circa il 25-40% dei casi, tuttavia non è ancora noto quanto sarà registrata l'assenza di un virus nel sangue dopo l'interruzione del trattamento.

Gli analoghi dei nucleotidi non influenzano il virus dell'epatite D e non sono usati nel trattamento.

Nonostante il completo recupero dall'epatite B cronica sia molto raro, l'HTT aiuta a fermare il danno epatico e prevenire lo sviluppo di cirrosi e carcinoma epatocellulare - le terribili conseguenze dell'epatite virale.

La terapia antivirale aiuta a fermare il danno epatico e prevenire lo sviluppo della sua cirrosi e carcinoma epatocellulare

Complicazioni e risultati dell'epatite cronica B

L'epatite B cronica nella maggior parte dei casi si verifica in modo relativamente favorevole e non è accompagnata da segni pronunciati di danno epatico. La malattia progredisce molto lentamente e la probabilità di sviluppare cirrosi non supera il 10%. Raramente c'è un corso progressivo attivo con il rischio di transizione verso la cirrosi - 20% e oltre. Uno su dieci pazienti con cirrosi sviluppa un tumore epatico primario. È stato dimostrato che l'abuso di alcol aumenta significativamente il rischio di gravi conseguenze dell'epatite.

Cirrosi epatica

La cirrosi epatica è la principale causa di morte per le persone con epatite cronica. Questa malattia è accompagnata da depressione del fegato e aumento della pressione nel sistema della vena porta (ipertensione portale), che raccoglie il sangue dagli organi addominali per pulirli. Per la natura dei cambiamenti nei tessuti, la cirrosi epatica è una fibrosi pronunciata con la formazione di spazi - nodi completamente limitati dal tessuto connettivo. In circa uno su cinque casi, la cirrosi si verifica senza sintomi.

I medici distinguono 3 fasi della malattia:

La fase di compensazione, quando le funzioni del fegato sono mantenute nel volume necessario per la vita. Allo stesso tempo, i pazienti hanno spesso vene varicose dello stomaco e dell'esofago. L'HTP non solo può fermare l'ulteriore sviluppo della cirrosi, ma anche invertire i cambiamenti.

La fase di sottocompensazione è accompagnata da un generale peggioramento della condizione e dei test di laboratorio. Il fegato non sempre fa fronte alle sue responsabilità.

La fase di scompenso è caratterizzata da vasti cambiamenti irreversibili nel fegato, che portano alla morte del 60-90% dei pazienti entro 3 anni.

Lo stato del fegato è valutato su scala Child-Pugh. Criteri diagnostici della scala: il contenuto di bilirubina e albumina, tempo di protrombina, presenza di ascite ed encefalopatia. Valutare il valore dei criteri sulla scala, stabilire la classe di cirrosi su Child-Pugh: A, B o C, dove C corrisponde ai cambiamenti più gravi nel fegato.

Le gravi complicanze della cirrosi si sviluppano in una fase di scompenso e di solito corrispondono alla classe C di Child-Pugh. Questi includono:

Insufficienza epatica - una condizione in cui gli epatociti (cellule epatiche) non rispondono alle loro responsabilità. Di conseguenza, l'ammoniaca e altre tossine si accumulano nel sangue. Questo a sua volta ha un effetto dannoso sulle cellule cerebrali e porta a una violazione delle sue funzioni - encefalopatia epatica. L'estrema manifestazione di quest'ultimo è un coma epatico, la cui mortalità durante lo sviluppo raggiunge l'80-100%.

L'ascite è un accumulo di liquido nella cavità addominale, che si verifica a causa di ipertensione portale. La quantità di liquido può raggiungere 2 litri o più. L'aspettativa di vita con la comparsa di ascite in media è di 3-5 anni.

Sanguinamento dalle vene dell'esofago. Ipertensione portale porta alla comparsa di vene varicose dell'esofago. Tali vene sono facilmente danneggiabili, ad esempio, quando si vomita, a causa della quale c'è un sanguinamento intenso, che è molto difficile da fermare. Il sanguinamento si verifica in ogni terzo paziente con vene varicose dell'esofago o dello stomaco, e nel 30-50% di loro finisce nella morte dopo il primo episodio. Per coloro che hanno sperimentato il primo sanguinamento, nella maggior parte dei casi si ripete più tardi.

Peritonite batterica spontanea - infiammazione del peritoneo, che non determina la fonte dell'infezione. Quasi sempre si verifica sullo sfondo di una crescente pressione nel sistema delle vene portale. Si sviluppa principalmente sullo sfondo di scompenso della cirrosi nel 10-30% dei pazienti. La mortalità nell'anno successivo al primo episodio è dell'80%.

Informazioni complete sulla cirrosi epatica sullo sfondo dell'epatite B o C sono presentate in un materiale speciale.

Oltre a queste gravi complicazioni, la cirrosi epatica contribuisce alla comparsa del suo tumore primario.

Carcinoma epatocellulare

Il carcinoma epatocellulare è un tipo di carcinoma epatico primario. Il cancro primario è un tumore maligno che inizialmente cresce nell'organo. Questo è importante perché molti tumori del fegato sono metastatici - portati da altri organi. Un tumore è una formazione costituita da cellule atipiche - cellule che non svolgono le loro funzioni, ma dividono rapidamente e incontrollabilmente. Perché la degenerazione delle cellule del fegato è maligna, mentre non è attendibilmente sconosciuta. Gli scienziati suggeriscono che la causa di ciò è il danneggiamento del loro DNA.

Il tumore cresce rapidamente in tessuti sani ed è accompagnato dallo sviluppo di insufficienza epatica e ipertensione portale, con la comparsa di corrispondenti gravi complicanze. Se il tumore primario del fegato non può essere rimosso completamente, e questo si nota nell'80-90% dei casi, la morte si verifica in media dopo 3-6 mesi.

Ogni anno, il 2-4% dei pazienti con cirrosi epatica sviluppa carcinoma epatocellulare.

Ogni anno, il 2-4% dei pazienti con cirrosi epatica sviluppa carcinoma epatocellulare. Puoi rimuovere solo un piccolo tumore che non cresce in tessuto sano. In altri casi, l'unica opzione di trattamento efficace è il trapianto di fegato. I metodi di trattamento come l'ablazione con radiofrequenza e l'iniezione di etanolo sono relativamente efficaci. Sono indicati se l'operazione non può essere eseguita o il paziente si aspetta un fegato per un trapianto.

Sulla vita con epatite virale e tutti i possibili esiti della malattia può essere trovato nell'articolo "Come convivere con l'epatite virale".

Il rischio di epatite B cronica non è nel fatto di infezione, ma in un certo rischio di gravi complicanze. Nonostante il fatto che i farmaci moderni non garantiscano la completa liberazione dalla malattia, sono in grado di prevenirne il progresso e di ridurre notevolmente il rischio di cirrosi e cancro del fegato.

In condizioni in cui il trattamento delle complicanze di un'infezione non è abbastanza efficace, e le medicine non possono ancora liberare completamente una persona dal virus nell'epatite B cronica, le misure preventive sono molto importanti. Il vaccino contro l'epatite B è efficace nel 90-95% dei casi e ha già salvato milioni di persone dall'infezione. Le persone di qualsiasi età possono ottenere il vaccino e la vaccinazione obbligatoria dei bambini viene effettuata in tutti i paesi sviluppati.

Epatite cronica

Epatite cronica

L'epatite cronica è una malattia infiammatoria del fegato distrofica che dura più di sei mesi.

cause di

Nel 50% dei casi, l'epatite virale acuta, con terapia inadeguata, diventa epatite cronica (principalmente epatite C). La causa dell'epatite cronica può anche essere un effetto a lungo termine di sostanze tossiche sul corpo (alcool, sali di metalli pesanti, benzene, ecc.). Farmaci a lungo termine (sedativi, antibiotici tetracicline, antipertensivi, citostatici, anti-tubercolosi, farmaci) possono portare allo sviluppo di epatite cronica. Inoltre, l'epatite cronica può essere associata a disturbi metabolici, processi autoimmuni.

Sintomi di epatite cronica

La palpazione del fegato è aumentata di dimensioni, si sente un dolore sordo. A causa dell'accumulo di acidi biliari nel sangue e nei tessuti della bradicardia, possono comparire sintomi come stato mentale depresso, irritabilità, insonnia. Caratterizzato da diminuzione dell'appetito, nausea, eruttazione, flatulenza, intolleranza a cibi grassi, alcol, sgabello instabile, aumento della fatica, riduzione delle prestazioni. La pelle, la sclera diventa giallastra (ittero). "I segni epatici" includono capillari dilatati sotto forma di stelle sulle guance, dietro, arrossamento delle superfici interne delle mani ("palmi del fegato"). La milza può allargarsi.

La coagulabilità del sangue è disturbata, che si manifesta con sanguinamento nasale, lividi facilmente presenti. Possibile dolore alle articolazioni.

diagnostica

  • Analisi biochimica del sangue: caratterizzata da un aumento della bilirubina, enzimi epatici.
  • Esame ecografico del fegato: segni di infiammazione.
  • Per una diagnosi più accurata, viene eseguita una biopsia epatica, che consente di valutare la gravità dell'infiammazione, determinare la presenza di fibrosi o cirrosi e talvolta aiuta a determinare la causa dell'epatite.
  • Esame del sangue sierologico: rilevamento di anticorpi contro l'epatite B, C.
  • Esame virologico: identificazione del virus.
  • Studio immunologico: rilevazione di anticorpi contro componenti delle cellule epatiche.

classificazione

Classificazione dell'epatite cronica (Los Angeles, 1994):

  • epatite da droga;
  • epatite autoimmune;
  • epatite virale cronica C, B, D;
  • epatite colestatica;
  • epatite cronica di eziologia sconosciuta.

Secondo il fattore etiologico l'epatite cronica è divisa in:

  • virale (B, C, D, G, F, TiTi, SUN);
  • allergico-tossico, tossico (veleni epatotropici, alcol, droghe, danni da radiazioni);
  • metabolico (emocromatosi, malattia di Konovalov-Wilson, deficit di a1-antitripsina);
  • epatite reattiva aspecifica;
  • idiopatico (autoimmune, ecc.);
  • epatite biliare secondaria con colestasi extraepatica.

Secondo l'attività del processo si distinguono:

  • inattiva;
  • attivo (moderato, insignificante, grave, pronunciato gradi);
  • forma necrotizzante.

Azioni del paziente

Eliminare assolutamente l'alcol dalla dieta di un paziente con epatite cronica. Forbidden salato, fritto, affumicato, grassi refrattari (lardo). Allo stesso tempo, i grassi hanno proprietà coleretiche, quindi dovrebbero essere presenti nella dieta (circa il 35%). I grassi animali sono meglio sostituiti da vegetali.

È necessario un costante monitoraggio da parte di un epatologo, gastroenterologo o terapeuta.

Trattamento dell'epatite cronica

Il trattamento dipende dalla gravità della malattia e include i seguenti elementi:

  • eliminazione della causa della malattia (distruzione del virus, eliminazione di sostanze tossiche, ecc.);
  • restauro e mantenimento della struttura e delle funzioni del fegato;
  • dieta speciale

Gli effetti sul virus vengono eseguiti utilizzando proteine ​​regolatrici non specifiche che hanno effetti antifibrotici e immunomodulatori. Nell'epatite B virale, viene prescritto l'interferone-ɑ, la lamivudina.

Per aumentare la resistenza del fegato agli effetti dei fattori patogeni, per migliorare i processi di rigenerazione, vengono usati epatoprotettori (Essentiale, hepabene, Hofitol, Heptal, ecc.).

complicazioni

Senza un trattamento corretto, si sviluppa la cirrosi. C'è un alto rischio di sviluppare il cancro (carcinoma epatocellulare).

Prevenzione dell'epatite cronica

La prevenzione dell'epatite cronica è la prevenzione dell'epatite virale acuta, il trattamento tempestivo dell'epatite acuta di qualsiasi eziologia, la lotta contro l'abuso di alcol, la limitazione del numero di farmaci presi al minimo, la cautela a contatto con sostanze epatotossiche.

Epatite cronica

L'epatite cronica è una malattia infiammatoria caratterizzata da alterazioni fibrose e necrotiche nel tessuto e nelle cellule del fegato senza disturbare la struttura dei lobuli e segni di ipertensione portale. Nella maggior parte dei casi, i pazienti lamentano disagio nell'ipocondrio destro, nausea, vomito, anoressia e feci, debolezza, prestazioni ridotte, perdita di peso, ittero, prurito della pelle. Le misure diagnostiche consistono nel condurre un'analisi biochimica del sangue, l'ecografia degli organi addominali, la biopsia epatica. La terapia ha lo scopo di neutralizzare la causa della patologia, migliorare le condizioni del paziente e ottenere una remissione stabile.

Epatite cronica

L'epatite cronica è una lesione infiammatoria del parenchima e dello stroma epatico, che si sviluppa sotto l'azione di varie cause e dura per più di 6 mesi. La patologia è un serio problema socio-economico e clinico dovuto al costante aumento dell'incidenza. Secondo le statistiche, ci sono 400 milioni di pazienti con epatite B cronica e 170 milioni di pazienti con epatite C cronica, con oltre 50 milioni di epatite B di nuova diagnosi e 100-200 milioni di epatite C annualmente. 70% nella struttura complessiva dei processi patologici del fegato. La malattia si verifica con una frequenza di 50-60 casi per 100.000 abitanti, l'incidenza è più suscettibile agli uomini.

Negli ultimi 20-25 anni sono state accumulate molte informazioni importanti sull'epatite cronica, il meccanismo del suo sviluppo è diventato chiaro, pertanto sono state sviluppate terapie più efficaci che vengono costantemente migliorate. Investigatori, terapisti, gastroenterologi e altri specialisti stanno studiando il problema. Il risultato e l'efficacia della terapia dipendono direttamente dalla forma di epatite, dalle condizioni generali e dall'età del paziente.

Classificazione dell'epatite cronica

L'epatite cronica viene classificata secondo diversi criteri: eziologia, grado di attività della patologia, dati di biopsia. Per ragioni di accadimento, l'epatite virale cronica B, C, D, A, medicinale, autoimmune e criptogenica (di eziologia poco chiara) sono isolate. Il grado di attività dei processi patologici può essere diverso:

  • minimo - AST e ALT sono 3 volte più alti del normale, un aumento del test del timolo a 5 U, un aumento della gamma globulina fino al 30%;
  • moderata - aumento della concentrazione di ALT e AST di 3-10 volte, test del timolo 8 U, gamma globuline 30-35%;
  • grave - AST e ALT sono più di 10 volte più alti del normale, il test del timolo è superiore a 8 U, le gammaglobuline sono superiori al 35%.

Sulla base dell'esame istologico e della biopsia, si distinguono 4 stadi dell'epatite cronica.

Stadio 0 - nessuna fibrosi

Stadio 1 - fibrosi periportale minore (proliferazione del tessuto connettivo attorno alle cellule epatiche e ai dotti biliari)

Stadio 2 - fibrosi moderata con setti porto-portale: tessuto connettivo, che si espande, forma partizioni (setti) che uniscono i tratti portale adiacenti formati dai rami della vena porta, dell'arteria epatica, dei dotti biliari, dei vasi linfatici e dei nervi. I tratti del portale si trovano agli angoli del lobulo epatico, che ha la forma di un esagono

Fase 3 - Forte fibrosi con setti portuali

Fase 4 - segni di alterata architettura: una significativa proliferazione del tessuto connettivo con un cambiamento nella struttura del fegato.

Cause e patogenesi dell'epatite cronica

La patogenesi di varie forme di epatite cronica è associata a danni al tessuto e alle cellule del fegato, alla formazione di una risposta immunitaria, all'inclusione di meccanismi autoimmuni aggressivi che contribuiscono allo sviluppo dell'infiammazione cronica e la supportano a lungo. Ma gli esperti identificano alcune caratteristiche della patogenesi, a seconda dei fattori eziologici.

La causa dell'epatite cronica è spesso l'epatite virale B, C, D, a volte trasferita in precedenza A. Ogni patogeno ha un effetto diverso sul fegato: il virus dell'epatite B non causa la distruzione degli epatociti, il meccanismo di sviluppo della patologia è associato alla risposta immunitaria al microrganismo, che si riproduce attivamente in cellule del fegato e altri tessuti. I virus dell'epatite C e D hanno un effetto tossico diretto sugli epatociti, causandone la morte.

La seconda causa comune di patologia è considerata un'intossicazione del corpo, causata dall'esposizione all'alcol, droghe (antibiotici, farmaci ormonali, farmaci antitubercolari, ecc.), Metalli pesanti e sostanze chimiche. Le tossine e i loro metaboliti, che si accumulano nelle cellule del fegato, causano il loro malfunzionamento, l'accumulo di bile, grassi e disordini metabolici, che portano alla necrosi degli epatociti. Inoltre, i metaboliti sono antigeni a cui il sistema immunitario risponde attivamente. Inoltre, l'epatite cronica può essere formata come risultato di processi autoimmuni che sono associati con l'inferiorità dei soppressori di T e la formazione di cellule T che sono tossiche per le cellule.

Nutrizione irregolare, abuso di alcol, stile di vita improprio, malattie infettive, malaria, endocardite, varie patologie epatiche che causano disturbi metabolici negli epatociti possono provocare lo sviluppo di patologie.

Sintomi di epatite cronica

I sintomi dell'epatite cronica sono variabili e dipendono dalla forma della patologia. I segni con un processo attivo basso (persistente) sono scarsamente espressi o completamente assenti. Le condizioni generali del paziente non cambiano, ma il deterioramento è probabile dopo l'abuso di alcool, intossicazione, carenza di vitamine. Potrebbe esserci dolore minore nell'ipocondrio destro. Durante l'ispezione, viene rilevato un moderato ingrandimento del fegato.

I segni clinici nella forma attiva (progressiva) di epatite cronica sono pronunciati e manifestano in pieno. La maggior parte dei pazienti ha una sindrome dispeptica (flatulenza, nausea, vomito, anoressia, distensione addominale, cambiamento nelle feci), sindrome astenovegetativa (grave debolezza, affaticamento, riduzione delle prestazioni, perdita di peso, insonnia, mal di testa), sindrome da insufficienza epatica (ittero, febbre, la comparsa di liquido nella cavità addominale, emorragia tissutale), dolore addominale prolungato o ricorrente sulla destra. Sullo sfondo dell'epatite cronica, aumentano le dimensioni della milza e dei linfonodi regionali. A causa della violazione del deflusso di ittero biliare si sviluppa, prurito. Anche sulla pelle si possono trovare le vene varicose. Durante l'ispezione ha rivelato un aumento delle dimensioni del fegato (una parte diffusa o eccitante). Fegato denso, doloroso alla palpazione.

L'epatite virale cronica D è particolarmente difficile, è caratterizzata da pronunciata insufficienza epatica. La maggior parte dei pazienti lamenta ittero, prurito della pelle. Oltre ai segni epatici, vengono diagnosticati extraepatici: danni a reni, muscoli, articolazioni, polmoni, ecc.

La peculiarità dell'epatite cronica C è un decorso persistente a lungo termine. Oltre il 90% dell'epatite C acuta viene completato con la cronologia. I pazienti hanno notato una sindrome astenica e un leggero aumento del fegato. Il decorso della patologia è ondulatorio, in alcuni decenni termina con cirrosi nel 20-40% dei casi.

L'epatite cronica autoimmune si verifica nelle donne di 30 anni in su. La patologia è caratterizzata da debolezza, aumento della fatica, ingiallimento della pelle e delle mucose, dolore nel lato destro. Nel 25% dei pazienti, la patologia simula l'epatite acuta con la sindrome dispeptica e astenovegetativa, la febbre. Sintomi extraepatici si verificano in ogni secondo paziente, sono associati a danni ai polmoni, ai reni, ai vasi sanguigni, al cuore, alla tiroide e ad altri tessuti e organi.

L'epatite cronica da farmaci è caratterizzata da sintomi multipli, l'assenza di sintomi specifici, a volte la patologia è mascherata da un processo acuto o ittero meccanico.

Diagnosi di epatite cronica

La diagnosi di epatite cronica dovrebbe essere tempestiva. Tutte le procedure sono eseguite nel dipartimento di gastroenterologia. La diagnosi finale viene effettuata sulla base del quadro clinico, dell'esame strumentale e di laboratorio: analisi del sangue per i marcatori, ecografia degli organi addominali, reoepatografia (studio del flusso sanguigno al fegato), biopsia epatica.

Un esame del sangue consente di determinare la forma della patologia rilevando specifici marcatori - queste sono particelle del virus (antigeni) e anticorpi, che si formano come risultato della lotta contro un microrganismo. Per l'epatite virale A ed E, solo un tipo di marcatore è caratteristico - IgM anti-HAV o IgM anti-HEV.

Nell'epatite B virale, possono essere rilevati diversi gruppi di marcatori, il loro numero e il loro rapporto indicano lo stadio della patologia e della prognosi: antigene di superficie B (HBsAg), anticorpi anti-antigene nucleare Anti-HBc, Anti-HBclgM, HBeAg, Anti-HBe (compare solo dopo completamento del processo), Anti-HBs (formato dall'adattamento dell'immunità al microrganismo). Il virus dell'epatite D è identificato sulla base di Anti-HDIgM, Total Anti-HD e RNA di questo virus. Il principale marcatore di epatite C è Anti-HCV, il secondo è l'RNA del virus dell'epatite C.

Le funzioni del fegato sono valutate sulla base di analisi biochimiche e, più precisamente, determinando le concentrazioni di ALT e AST (aminotransferasi), bilirubina (pigmento biliare), fosfatasi alcalina. Sullo sfondo dell'epatite cronica, il loro numero aumenta drammaticamente. Il danno alle cellule del fegato comporta una forte diminuzione della concentrazione di albumina nel sangue e un significativo aumento delle globuline.

Ultrasuoni degli organi addominali - un modo indolore e sicuro per diagnosticare. Permette di determinare la dimensione degli organi interni, nonché di identificare i cambiamenti avvenuti. Il metodo di ricerca più accurato è la biopsia epatica, consente di determinare la forma e lo stadio della patologia e di scegliere il metodo terapeutico più efficace. Sulla base dei risultati, si può giudicare l'entità del processo e la gravità, così come il probabile esito.

Trattamento dell'epatite cronica

Il trattamento dell'epatite cronica ha lo scopo di eliminare la causa della patologia, alleviando i sintomi e migliorando le condizioni generali. La terapia dovrebbe essere completa. Alla maggior parte dei pazienti viene prescritto un corso base mirato a ridurre il carico sul fegato. Tutti i pazienti con epatite cronica devono ridurre lo sforzo fisico, vengono mostrati uno stile di vita a bassa attività, modalità semi-ora di dormire, il numero minimo di farmaci, nonché una dieta a pieno titolo arricchita con proteine, vitamine e minerali (dieta n. 5). Spesso utilizzato nelle vitamine: B1, B6, B12. È necessario escludere cibi grassi, fritti, affumicati, in scatola, spezie, bevande forti (tè e caffè) e alcol.

Quando si manifesta la stitichezza, vengono mostrati lievi lassativi, per migliorare la digestione - preparati enzimatici senza bile. Per proteggere le cellule del fegato e accelerare il processo di recupero, vengono prescritti epatoprotettori. Dovrebbero essere presi fino a 2-3 mesi, è desiderabile ripetere il corso di prendere tali farmaci parecchie volte all'anno. Nella sindrome astuta vegetativa grave, vengono utilizzati multivitaminici, adattogeni naturali.

L'epatite cronica virale è scarsamente adatta alla terapia, un ruolo importante è svolto dagli immunomodulatori, che influenzano indirettamente i microrganismi, attivando l'immunità del paziente. È vietato utilizzare questi medicinali da soli, in quanto hanno controindicazioni e caratteristiche.

Un posto speciale tra queste droghe occupa gli interferoni. Sono prescritti sotto forma di iniezioni intramuscolari o sottocutanee fino a 3 volte a settimana; può causare un aumento della temperatura corporea, pertanto è necessario assumere farmaci antipiretici prima dell'iniezione. Un risultato positivo dopo il trattamento con interferone è stato osservato nel 25% dei casi di epatite cronica. Nei bambini, questo gruppo di farmaci viene utilizzato sotto forma di supposte rettali. Se le condizioni del paziente lo consentono, viene effettuata una terapia intensiva: i preparati di interferone e gli agenti antivirali vengono utilizzati in dosi elevate, ad esempio combinano l'interferone con ribavirina e rimantadina (specialmente per l'epatite C).

La costante ricerca di nuovi farmaci ha portato allo sviluppo di interferoni peghilati, in cui la molecola di interferone è collegata al polietilenglicole. A causa di ciò, la medicina può rimanere più a lungo nel corpo e combattere i virus per molto tempo. Tali farmaci sono altamente efficaci, possono ridurre la frequenza della loro assunzione e prolungare il periodo di remissione dell'epatite cronica.

Se l'epatite cronica è causata da intossicazione, deve essere eseguita la terapia di disintossicazione e deve essere prevenuta la penetrazione delle tossine nel sangue (ritiro della droga, alcol, ritiro dalla produzione chimica, ecc.).

L'epatite cronica autoimmune è trattata con glucocorticoidi in associazione con azatioprina. I farmaci ormonali sono assunti per via orale, dopo che l'effetto della loro dose è stato ridotto al minimo accettabile. In assenza di risultati, viene prescritto il trapianto di fegato.

Prevenzione e prognosi dell'epatite cronica

I pazienti e i portatori di virus dell'epatite non rappresentano un grave pericolo per gli altri, poiché l'infezione da goccioline trasportate dall'aria e dalle famiglie è esclusa. Puoi contrarre l'infezione solo dopo il contatto con sangue o altri fluidi corporei. Per ridurre il rischio di sviluppare patologie, è necessario utilizzare la contraccezione di barriera durante i rapporti sessuali, non prendere gli oggetti di igiene di altre persone.

L'immunoglobulina umana viene utilizzata per la profilassi d'emergenza dell'epatite B il primo giorno dopo l'eventuale infezione. È anche indicata la vaccinazione contro l'epatite B. Non è stata sviluppata la profilassi specifica di altre forme di questa patologia.

La prognosi dell'epatite cronica dipende dal tipo di malattia. Le forme di dosaggio sono quasi completamente guarite, le risposte autoimmuni rispondono bene anche alla terapia, raramente virali risolti, molto spesso si trasformano in cirrosi epatica. La combinazione di diversi agenti patogeni, ad esempio l'epatite B e D, provoca lo sviluppo della forma più grave della malattia, che sta rapidamente progredendo. La mancanza di una terapia adeguata nel 70% dei casi porta alla cirrosi epatica.


Altri Articoli Su Fegato

Cirrosi

Tabella 9 per i diabetici - menù settimanali e ricette dietetiche

Nel trattamento del diabete mellito, oltre ai farmaci, una dieta scelta correttamente svolge un ruolo importante. Oggi è stata sviluppata una speciale dieta per diabetici 9, il cui scopo è normalizzare la glicemia e ottenere tutte le vitamine, i nutrienti e gli oligoelementi necessari per i pazienti diabetici.
Cirrosi

Esame del sangue per transaminasi

Transaminase è il nome comune per gli enzimi trovati all'interno delle cellule di diversi organi. Quando il tessuto viene distrutto o danneggiato, quando si verificano lesioni o patologie, gli enzimi lasciano le cellule, quindi il livello del sangue aumenta.