Cirrosi epatica - sintomi, primi segni, trattamento, cause, dieta e stadi della cirrosi

Cirrosi epatica - un esteso danno d'organo, in cui si verifica la morte dei tessuti e la loro graduale sostituzione con fibre fibrose. Come risultato della sostituzione, si formano nodi di varie dimensioni che cambiano drasticamente la struttura del fegato. Il risultato è una diminuzione graduale della funzionalità del corpo fino alla completa perdita di efficienza.

Che tipo di malattia è, cause e primi segni, quali sono le possibili conseguenze per una persona con cirrosi e cosa è prescritto come trattamento per i pazienti adulti - vedremo in dettaglio nell'articolo.

Cos'è la cirrosi del fegato

La cirrosi epatica è una condizione patologica del fegato, che è una conseguenza della ridotta circolazione del sangue nel sistema dei vasi epatici e della disfunzione dei dotti biliari, che di solito si verificano sullo sfondo dell'epatite cronica ed è caratterizzata da una violazione completa dell'architettura del parenchima epatico.

All'interno del fegato si trovano i lobuli, che in apparenza assomigliano al nido d'ape che circonda il vaso sanguigno e sono separati dal tessuto connettivo. In caso di cirrosi, si forma un tessuto fibroso invece di un lobulo, mentre i separatori rimangono al loro posto.

La cirrosi si distingue per la dimensione dei nodi di formazione sul nodo piccolo (molti noduli fino a 3 mm di diametro) e nodo grande (i nodi superano i 3 mm di diametro). I cambiamenti nella struttura dell'organo, a differenza dell'epatite, sono irreversibili, quindi la cirrosi epatica è malattie incurabili.

Il fegato è il più grande ferro digestivo ed endocrino nel corpo.

Le funzioni più importanti del fegato:

  1. Neutralizzazione e smaltimento di sostanze nocive che entrano nel corpo dall'ambiente esterno e si formano nel processo della vita.
  2. Costruzione di proteine, grassi e carboidrati utilizzati per formare nuovi tessuti e sostituire le cellule che hanno esaurito le loro risorse.
  3. La formazione della bile, partecipando all'elaborazione e alla divisione delle masse alimentari.
  4. Regolazione delle proprietà reologiche del sangue sintetizzando una parte dei fattori di coagulazione in esso.
  5. Mantenimento dell'equilibrio del metabolismo delle proteine, dei carboidrati e dei grassi attraverso la sintesi dell'albumina, la creazione di riserve aggiuntive (glicogeno).

Secondo la ricerca:

  • Il 60% dei pazienti ha sintomi pronunciati,
  • nel 20% dei pazienti con cirrosi epatica si verifica latente e viene rilevato per caso durante l'esame per qualsiasi altra malattia,
  • nel 20% dei pazienti, la diagnosi di cirrosi viene stabilita solo dopo la morte.

classificazione

Il ritmo di sviluppo della malattia non è lo stesso. A seconda della classificazione della patologia, la struttura dei lobi dell'organo può essere distrutta in uno stadio precoce o tardivo.

Sulla base delle ragioni, sullo sfondo degli effetti di cui si è sviluppata la cirrosi epatica, determinare le seguenti opzioni:

  • cirrosi infettiva (virale) (epatite, infezioni delle vie biliari, malattie del fegato di una scala parassitaria);
  • tossici, cirrosi, tossici e allergici (cibo e veleni industriali, farmaci, allergeni, alcool);
  • cirrosi biliare (primaria, secondaria) (colestasi, colangite);
  • circolatorio (che si manifesta sullo sfondo della congestione venosa cronica);
  • cirrosi alimentare metabolica (mancanza di vitamine, proteine, cirrosi di accumulo derivante da disordini metabolici ereditari);
  • criptogenetica.

Cirrosi biliare

Il processo infiammatorio ha luogo nel tratto biliare intraepatico, che porta alla stasi della bile. In questa condizione, l'infezione è possibile - enterococchi, Escherichia coli, streptococchi o stafilococchi.

In caso di cirrosi biliare, non vengono rilevati cambiamenti patologici nella struttura del tessuto dell'organo e il tessuto connettivo inizia a formarsi solo attorno ai dotti infiammati intraepatici - quindi, la corrugazione del fegato e l'estinzione della sua funzionalità possono essere diagnosticati già negli ultimi stadi della malattia.

Cirrosi portale

La forma più comune della malattia, che è caratterizzata da lesioni del tessuto epatico e morte di epatociti. I cambiamenti si verificano a causa di malnutrizione e abuso di alcool. Nel 20% della cirrosi portale del fegato può causare la malattia di Botkin.

In primo luogo, il paziente lamenta disturbi del tubo digerente. Poi si sviluppano i segni esterni della malattia: ingiallimento della pelle, comparsa di vene varicose sul viso. L'ultimo stadio è caratterizzato dallo sviluppo di ascite (idratazione addominale).

cause di

La malattia è diffusa ed è al sesto posto come causa di morte nella fascia di età da 35 a 60 anni, con un numero di casi di circa 30 ogni 100 mila abitanti all'anno. Di particolare preoccupazione è il fatto che l'incidenza della malattia negli ultimi 10 anni è aumentata del 12%. Gli uomini si ammalano tre volte più spesso. Il principale picco di incidenza è nel periodo dopo quaranta anni.

I principali fattori di rischio per la cirrosi sono considerati:

  • alcolismo cronico
  • epatite virale
  • effetti tossici di veleni industriali, droghe (metotrexato, isoniazide, ecc.), micotossine, ecc.
  • congestione venosa nel fegato associata a insufficienza cardiaca prolungata e grave
  • malattie ereditarie - emocromatosi, distrofia epatocerebrale, deficienza di alfa-one-antitripsina, galattosemia, glicogenosi, ecc.
  • danno prolungato alle vie biliari

In circa il 50% dei pazienti con cirrosi epatica, la malattia si sviluppa a causa dell'azione di numerosi fattori causali (più spesso il virus dell'epatite B e l'alcol).

I primi segni di cirrosi negli adulti

Non è sempre possibile sospettare la presenza della malattia attraverso i primi segni, poiché nel 20% dei casi procede in modo latente e non si manifesta affatto. Inoltre, nel 20% dei pazienti, la patologia viene rilevata solo dopo la morte. Tuttavia, il restante 60% della malattia si manifesta ancora.

  • Dolore addominale periodico, principalmente nell'ipocondrio destro, aggravato dopo il consumo di cibi grassi, fritti e in salamoia, bevande alcoliche, nonché eccessivo sforzo fisico;
  • La sensazione di amarezza e secchezza in bocca, specialmente al mattino;
  • Aumento dell'affaticamento, irritabilità;
  • Disturbi periodici del tratto gastrointestinale - mancanza di appetito, distensione addominale, nausea, vomito, diarrea;
  • È possibile l'ingiallimento della pelle, delle mucose e del bianco degli occhi.

Gradi di cirrosi

La malattia attraversa diverse fasi di sviluppo, ognuna delle quali ha alcuni sintomi clinici. Non solo la condizione della persona, ma anche la terapia di cui ha bisogno dipenderà da quanto la patologia è progredita.

La cirrosi epatica di qualsiasi eziologia si sviluppa con un singolo meccanismo, che comprende 3 stadi della malattia:

  • Stadio 1 (iniziale o latente), che non è accompagnato da disturbi biochimici;
  • Stadio 2 di subcompensazione, in cui sono osservate tutte le manifestazioni cliniche che indicano una compromissione funzionale del fegato;
  • Decompensazione fase 3 o stadio di sviluppo di insufficienza epatocellulare con ipertensione portale progressiva.

Ultimi 4 gradi di cirrosi

La cirrosi epatica di 4 ° grado è caratterizzata da esacerbazioni di tutti i tipi di segni e sintomi della malattia, dolore acuto che solo le droghe forti, a volte di natura narcotica, aiutano a fermare.

I pazienti con cirrosi in questo stadio hanno un aspetto distintivo:

  • pelle lassa giallo pallido;
  • con la pettinatura;
  • occhi gialli;
  • sulla pelle del viso, i corpi sono visibili "ragni" rossi e viola dai vasi;
  • braccia e gambe sottili e sottili;
  • lividi su braccia e gambe;
  • grande pancia con ombelico sporgente;
  • sullo stomaco - una griglia di vene dilatate;
  • palme rosse con falangi terminali arrossati e ispessiti, unghie spente;
  • gonfiore alle gambe;
  • seno allargato, piccoli testicoli negli uomini.

Perché questi sintomi si verificano nella fase 4?

  1. Innanzitutto, poiché i composti dell'ammoniaca, che sono estremamente tossici, si accumulano nel sangue, al paziente viene diagnosticata l'encefalopatia. Sviluppa ulteriormente il coma epatico. Dopo un breve periodo di euforia, la coscienza è depressa, l'orientamento è completamente perso. Ci sono problemi con il sonno e la parola. L'ulteriore depressione si verifica, il paziente perde conoscenza.
  2. In secondo luogo, la presenza di ascite, in cui vi è un significativo accumulo di liquido, provoca una peritonite batterica. Palpebre e gambe si gonfiano.
  3. In terzo luogo, è a causa di forti emorragie che i pazienti muoiono più spesso.

I sintomi della cirrosi

Il corso asintomatico è osservato nel 20% di pazienti, abbastanza spesso la malattia succede:

  • inizialmente con manifestazioni minime (flatulenza, prestazioni ridotte),
  • successivamente, il dolore opaco periodico nell'ipocondrio destro, innescato dall'alcol o da disturbi alimentari e non alleviato da antispastici, rapida saturazione (sensazione di pienezza nello stomaco) e prurito della pelle può unirsi.
  • A volte c'è un leggero aumento della temperatura corporea, sanguinamento nasale.

Inoltre, in pratica ci sono stati casi del decorso della malattia, che in nessun modo si sono manifestati per 10 o anche 15 anni. Considerando questo fattore, è irrazionale iniziare solo dal sentirsi bene quando si cerca di determinare una diagnosi - anche questo sentimento può essere solo visibile.

Osservato tali sindromi in cirrosi di fegato:

  • astenovegetativo (debolezza, affaticamento, irritabilità, apatia, mal di testa, disturbi del sonno);
  • dispeptico (nausea, vomito, perdita o mancanza di appetito, cambiamento nelle preferenze di gusto, perdita di peso);
  • epatomegalia (ingrossamento del fegato);
  • splenomegalia (ingrossamento della milza);
  • ipertensione portale (dilatazione delle vene sottocutanee della parete addominale anteriore, accumulo di liquidi nella cavità addominale (ascite), vene varicose dell'esofago e dello stomaco);
  • ipertermico (aumento della temperatura corporea ad alto numero nella fase grave della cirrosi);
  • colestasi, cioè ristagno della bile (scolorimento delle feci, urine scure, giallo della pelle e delle mucose, prurito incessante della pelle);
  • dolore (dolore parossistico o persistente nell'ipocondrio destro e nella regione epigastrica dell'addome);
  • emorragico (aumento della tendenza agli ematomi, emorragie puntiformi sulle mucose, emorragie nasali, esofagee, gastriche, intestinali).

La cirrosi epatica è spesso associata ad altre disfunzioni dell'apparato digerente, quindi i seguenti sintomi si uniscono:

  • disbiosi intestinale (feci alterate, dolore lungo l'intestino),
  • esofagite da reflusso (nausea, eruttazione del contenuto dello stomaco),
  • pancreatite cronica (dolore alla fascia superiore dell'addome, perdita di feci, vomito),
  • gastroduodenite cronica (dolore epigastrico "affamato", bruciore di stomaco).

I sintomi di non specifici si verificano nella maggior parte delle malattie conosciute e chiaramente non possiamo indicare il corpo in questione. Con la cirrosi, questi sintomi compaiono all'inizio della malattia. Questi includono:

  • Sintomi dispeptic in forma di gas, vomito, pesantezza nella parte destra, stitichezza, gonfiore addominale, disagio, mancanza di appetito.
  • Sindromi vegetative e asteniche appaiono con bassa capacità lavorativa, alto affaticamento, debolezza immotivata.
  • I disturbi neuropsichiatrici fanno il loro debutto sotto forma di disturbi del sonno e dell'umore, disturbi della memoria, disturbi del comportamento.
  • La perdita di peso, a volte arriva all'esaurimento.

Aspetto di pazienti con cirrosi

La foto mostra l'aspetto di ascite con cirrosi.

Tutti i suddetti sintomi causano un tipo estremamente caratteristico di pazienti con cirrosi epatica:

  • viso emaciato, colore della pelle subcortica malsana, labbra luminose, ossa zigomatiche prominenti, eritema della regione zigomatica, capillari dilatati della pelle del viso; atrofia muscolare (arti sottili);
  • addome allargato (dovuto all'ascite);
  • vene varicose delle pareti addominali e toraciche, edema degli arti inferiori;
  • la diatesi emorragica si riscontra in molti pazienti a causa di danni al fegato con ridotta produzione di fattori di coagulazione del sangue.

complicazioni

La cirrosi del fegato, in linea di principio, da sola, non causa la morte, le sue complicanze nella fase di scompenso sono mortali. Tra loro ci sono:

  • peritonite (infiammazione dei tessuti del peritoneo);
  • le vene varicose dell'esofago, così come lo stomaco, che provocano un'imponente effusione di sangue nelle loro cavità;
  • ascite (accumulo di liquido assorbito nella cavità addominale);
  • insufficienza epatica;
  • encefalopatia epatica;
  • carcinoma (neoplasia maligna);
  • mancanza di ossigeno nel sangue;
  • infertilità;
  • violazioni della funzionalità dello stomaco e del tratto intestinale;
  • cancro al fegato

diagnostica

La diagnosi viene effettuata da un gastroenterologo o da un epatologo sulla base di una combinazione di storia e esame fisico, test di laboratorio, test funzionali e metodi di diagnostica strumentale.

La diagnosi di laboratorio include:

  • I metodi di ricerca biochimica mostrano violazioni dello stato funzionale del fegato (complesso epatico).
  • Coagulogram - mostra una violazione del sistema di coagulazione del sangue.
  • Emocromo completo - segni di anemia - diminuzione del livello di emoglobina, diminuzione del numero di piastrine e leucociti.
  • Marcatori sierologici di epatite virale B, C, D, G, marcatori di epatite autoimmune (anticorpi antimitocondriale e antinucleare) - per determinare la causa della malattia.
  • L'analisi del sangue occulto fecale - per identificare il sanguinamento gastrointestinale.
  • Determinazione del livello di creatinina, elettroliti (complesso renale) - per identificare complicanze della cirrosi epatica - sviluppo dell'insufficienza renale.
  • Alfa-fetoproteina del sangue - in caso di sospetto sviluppo di una complicanza - cancro al fegato.

I metodi diagnostici strumentali includono:

  1. Gli ultrasuoni degli organi addominali determinano la loro dimensione e struttura, la presenza di liquido nella cavità addominale e l'aumento della pressione nei vasi epatici.
  2. La risonanza magnetica o la tomografia computerizzata degli organi addominali consente di vedere una struttura più accurata del fegato, la presenza di liquido nell'addome in quantità minime.
  3. La scansione dei radionuclidi viene eseguita usando isotopi. Per il modo in cui gli isotopi si accumulano e si trovano nel fegato, possono essere identificate varie patologie, incluse neoplasie benigne e maligne.
  4. Angiografia - lo studio dei vasi epatici per determinare l'aumento della loro pressione.
  5. Biopsia. La biopsia epatica è l'unico metodo produttivo per confermare la diagnosi di cirrosi. Aiuta anche a determinare le sue cause, i metodi di trattamento, il grado di danno e fare previsioni. La procedura di biopsia richiede circa 20 minuti. Viene eseguito in anestesia locale, mentre i pazienti possono avvertire una certa pressione e alcuni fastidiosi dolori.
  6. Endoscopia. Alcuni medici raccomandano l'endoscopia in pazienti con sintomi precoci di cirrosi per rilevare varici esofagee e prevenire il rischio di sanguinamento.

Nello studio degli organi interni sono rilevati evidenti cambiamenti funzionali e distrofici:

  • La distrofia miocardica si manifesta con palpitazioni, allargamento del margine del cuore a sinistra, sordità dei toni, mancanza di respiro,
  • su ECG, una diminuzione dell'intervallo ST, una variazione dell'onda T (diminuzione, bifasico, nei casi gravi - inversione).
  • Spesso viene rilevato un tipo ipercinetico di emodinamica (aumento del volume minuto di sangue, pressione del polso, polso veloce e pieno).

Trattamento della cirrosi

I principi di base usati nel trattamento della cirrosi sono focalizzati sull'eliminazione delle cause dirette come risultato di questa malattia, nonché sullo sviluppo di una dieta specifica, terapia vitaminica e l'eliminazione delle complicanze che accompagnano la cirrosi.

Il trattamento dipende dalle cause di:

  • Con la cirrosi alcolica - elimina il flusso di alcol nel corpo.
  • Nell'epatite virale vengono prescritti speciali agenti antivirali: interferoni peghilati, ribonucleasi e così via.
  • L'epatite autoimmune è trattata con farmaci che sopprimono il sistema immunitario.
  • La cirrosi risultante dall'epatite grassa viene trattata con una dieta a basso contenuto lipidico.
  • La cirrosi biliare viene trattata eliminando il restringimento delle vie biliari.

Per la cirrosi semplice, i pazienti sono raccomandati:

  • una dieta equilibrata ad alto contenuto calorico e ad alto contenuto proteico che esclude gli agenti irritanti chimici degli organi digestivi (cibi piccanti, acidi, speziati, troppo salati);
  • astensione dall'alcool;
  • l'abolizione di tutte le droghe "extra" per le quali non esiste una chiara evidenza;
  • trattamento della malattia - le cause della cirrosi (farmaci antivirali, ormoni, immunosoppressori, ecc.);
  • terapia vitaminica (B1, B6, A, D, K, B12) in presenza di ipovitaminosi;
  • epatoprotettori (ademetionina, acido lipoico, acido ursodesossicolico, ecc.);
  • mezzi per rallentare la fibrosi (a volte vengono utilizzati interferoni, colchicina, ecc.).

Al fine di ottenere la normalizzazione del metabolismo delle cellule del fegato, viene utilizzato l'apporto di complessi vitaminici, così come i farmaci Riboxin, Essentiale. Se un paziente ha una cirrosi autoimmune del fegato, gli viene prescritto un trattamento con glucocorticoidi.

Per prevenire infezioni in tutti i pazienti con cirrosi epatica durante qualsiasi intervento (estrazione del dente, rectoromanoscopia, paracentesi, ecc.) Antibiotici prescritti per via profilattica. La terapia antibatterica è indicata anche in processi infettivi leggeri.

fisioterapia

La terapia fisica con cirrosi epatica aiuta a migliorare il metabolismo, a mantenere la salute del fegato. Tra le procedure fisioterapeutiche si possono identificare:

  • Scambio di plasma;
  • Ultrasuoni sul fegato;
  • inductothermy;
  • diatermia;
  • Ionoforesi con soluzioni di iodio, novocaina o solfato di magnesio.

Trapianto di fegato per cirrosi

L'unico trattamento radicale è il trapianto di un organo ferito. L'operazione viene eseguita nel caso in cui il proprio fegato non sia in grado di far fronte alle funzioni ad esso assegnate e la terapia conservativa è impotente.

Il trapianto di fegato è indicato nei seguenti casi:

  • al paziente è stata diagnosticata un'emorragia interna, che i medici non possono fermare con i farmaci;
  • troppo liquido (ascite) si accumula nella cavità addominale, le condizioni del paziente non si stabilizzano dopo terapia conservativa;
  • i livelli di albumina scendono sotto i 30 grammi.

Queste condizioni sono pericolose per la vita del paziente, è necessario prendere alcune misure drastiche, che è un trapianto di fegato.

raccomandazioni

Anche lo stile di vita dei pazienti con cirrosi deve essere regolato:

  1. controllare i cambiamenti nella calligrafia, per questo quotidiano il paziente deve scrivere una breve frase in un quaderno con le date;
  2. con lo sviluppo di ascite dovrebbe ridurre l'assunzione di liquidi a 1-1,5 litri al giorno;
  3. È indispensabile monitorare il rapporto tra il fluido consumato e la quantità di urina rilasciata. L'urina dovrebbe avere una quantità leggermente inferiore di assunzione totale di liquidi;
  4. effettuare misurazioni giornaliere del peso e del volume dell'addome, se c'è un aumento di questi indicatori, significa che il fluido viene trattenuto nel corpo;
  5. riposare di più;
  6. È vietato sollevare pesi, poiché ciò potrebbe causare lo sviluppo di sanguinamento gastrointestinale interno.
  7. Rifiuta di assumere bevande alcoliche
  8. Fai una dieta sana con una dieta rigorosa.

Nutrizione e dieta per la cirrosi

La nutrizione in questa malattia è importante per prevenire la progressione dell'inevitabile morte del tessuto epatico. Il rispetto dei principi di una corretta alimentazione aiuta a normalizzare i processi metabolici, prevenire lo sviluppo di complicanze e migliorare le forze immunitarie del corpo.

I seguenti alimenti dovrebbero essere esclusi dalla dieta:

  • qualsiasi cibo in scatola (pesce in scatola e carne, concentrato di pomodoro, ketchup, senape, rafano, maionese, succo e altre bevande, creme);
  • concentrato di brodi di carne e pesce;
  • verdure aspre, astringenti e amare (aglio, acetosa, cipolla, ravanello, ravanello, cavolo, daikon, pepe);
  • carni grasse, pollame e pesce;
  • funghi in qualsiasi forma;
  • prodotti affumicati e affumicati;
  • salinità (salsicce, verdure, caviale, formaggio molto salato);
  • acido (agrumi, aceto, bacche e frutti acerbi);
  • cibi fritti;
  • più di tre uova di gallina a settimana;
  • confetteria (torte, torte, muffin, focacce, ecc.);
  • tutti i legumi;
  • caffè, cacao, cioccolato;
  • latticini grassi;
  • alcol in qualsiasi forma;
  • bevande gassate

Secondo la dieta numero 5, il paziente può essere consumato:

  • latte magro e prodotti a base di latte;
  • composta, tè;
  • biscotti, pane bianco e nero (preferibilmente di ieri);
  • carne magra e pesce;
  • frutta fresca, verdura, bacche e verdure (ma non acide);
  • zucchero, miele, marmellata;
  • zuppe con latte;
  • un uovo al giorno;
  • farina d'avena e grano saraceno.

Per capire quale dovrebbe essere la dieta in caso di cirrosi epatica, quando si imposta il menu è necessario ricordare che la malattia ha due stadi - compensati e scompensati.

Pertanto, prima di andare a dieta, assicurarsi di consultare il proprio medico.

I menu per un paziente con cirrosi epatica devono essere adattati ai seguenti requisiti:

  • primi e secondi di frutta e verdura: zuppe di verdure e frutta, zuppe di latte con pasta, borscht vegetariano;
  • piatti principali: carne scremata (manzo, maiale), carne di pollo o di tacchino senza pelle, cotolette di vapore, carne di coniglio, pesce magro cotto bollito o al vapore, cotolette di pesce, uova strapazzate;
  • guarnizione: grano saraceno bollito, riso, farina d'avena, pasta.
  • prodotti da forno: dolci con carne o pesce, pane pregiato, biscotti salati;
  • dessert: mele, composte di bacche, gelatine, potete concedervi uvetta, albicocche secche, marmellata, marmellata;
  • latticini: latte, formaggio, yogurt, ricotta a basso contenuto di grassi, kefir, panna acida a basso contenuto di grassi;
  • grassi: cremoso, girasole e olio d'oliva;
  • bevande: tisane, decotti, succhi.

Quanti anni vivono con la cirrosi epatica: prognosi

Attualmente, la diagnosi di cirrosi epatica non è una frase se la malattia è stata prontamente rilevata e trattata. Le persone che sono sottoposte a un trattamento disciplinare per seguire le raccomandazioni del medico e sono regolarmente sotto controllo medico, non sentono un declino della qualità della vita dopo la scoperta della malattia.

È meglio stabilire la prognosi per la vita del paziente dopo la verifica della cirrosi secondo i criteri di Child-Turkotta:

  1. Classe A - albumina superiore a 3,5 g / dL, bilirubina - inferiore a 2 mg, ascite induribile;
  2. Classe B - forma sottocutanea -albumina superiore a 3,5 g / dl, bilirubina - 2-3 mg%;
  3. Classe C - scompenso, in cui l'albumina supera 3 g / dL di bilirubina - più del 3 mg%

Con la classe C, solo il 20% dei pazienti vive più di 5 anni.

Con la cirrosi compensata, oltre il 50% dei pazienti vive più di 10 anni. Allo stadio 3-4, la sopravvivenza per 10 anni è di circa il 40%. La vita minima di una persona con cirrosi è di 3 anni.

Per quanto riguarda la fase di scompenso, c'è una statistica deludente, secondo la quale la maggior parte dei pazienti muore nei primi 3-7 anni dopo aver fatto una diagnosi. Tuttavia, se la cirrosi non è causata da una malattia autoimmune, ma dall'epatite, che è stata curata con successo o trasformata in una forma cronica, o bevendo alcol, la persona può vivere per un periodo molto più lungo.

Come potete vedere, la prognosi della vita dipende da molti fattori e quelli principali sono la diagnosi precoce della malattia e il rispetto delle raccomandazioni stabilite dal medico.

prevenzione

La misura preventiva più importante in questo caso è mantenere uno stile di vita sano.

  • È necessario aderire ai principi di un'alimentazione corretta e sana, per evitare l'abuso di alcol.
  • Se una persona sviluppa un'epatite cronica, deve essere trattata in tempo, scegliendo le giuste tattiche di trattamento.
  • Mangiare persone che sono già state diagnosticate con cirrosi dovrebbe avvenire solo in conformità con le norme della dieta corrispondente.
  • È periodicamente necessario utilizzare vitamine e minerali.
  • I pazienti con cirrosi epatica sono vaccinati contro l'epatite A e B.

Cirrosi epatica

La cirrosi epatica è una malattia caratterizzata dalla trasformazione del tessuto parenchimale epatico in tessuto connettivo fibroso. Accompagnato da dolore sordo nell'ipocondrio destro, ittero, aumento della pressione nel sistema della vena porta con sanguinamento (esofageo, emorroidario) caratteristico di ipertensione portale, ascite, ecc. La malattia è cronica. Nella diagnosi di cirrosi epatica, il ruolo decisivo è svolto dagli ultrasuoni, dall'IC e dalla risonanza magnetica del fegato, dagli indicatori dei test biochimici, dalla biopsia epatica. Il trattamento della cirrosi epatica comporta una rigida rinuncia all'alcol, dieta, assunzione di epatoprotettori; nei casi più gravi, trapianto di fegato da donatore.

Cirrosi epatica

La cirrosi è caratterizzata dalla comparsa di nodi del tessuto connettivo nel tessuto epatico, dalla crescita del tessuto connettivo, dalla formazione di lobuli "falsi". La cirrosi si distingue per la dimensione dei nodi di formazione sul nodo piccolo (molti noduli fino a 3 mm di diametro) e nodo grande (i nodi superano i 3 mm di diametro). I cambiamenti nella struttura dell'organo, a differenza dell'epatite, sono irreversibili, quindi la cirrosi epatica è malattie incurabili.

Tra le cause della cirrosi epatica è l'abuso di alcol (dal 35,5% al ​​40,9% dei pazienti). Al secondo posto è l'epatite C virale. Negli uomini, la cirrosi si sviluppa più spesso che nelle donne, che è associata ad un'alta prevalenza di abuso di alcool nell'ambiente maschile.

Eziologia e patogenesi

Nella maggior parte dei casi, la causa dello sviluppo della cirrosi è l'abuso di alcol e l'epatite virale B e C. Il consumo regolare di alcol in dosi di 80-160 ml di etanolo porta allo sviluppo della malattia epatica alcolica, che a sua volta progredisce con l'insorgenza della cirrosi. Tra coloro che abusano di alcol per 5-10 anni, il 35% soffre di cirrosi.

Anche l'epatite cronica porta spesso alla degenerazione fibrotica del tessuto epatico. In primo luogo nella frequenza della diagnosi sono l'epatite virale B e C (l'epatite C è soggetta a un decorso più distruttivo e progredisce fino alla cirrosi più spesso). Inoltre, la cirrosi può derivare da epatite autoimmune cronica, colangite sclerosante, epatite colestatica primaria, restringimento dei dotti biliari e ristagno della bile.

La cirrosi, che si sviluppa a seguito di disturbi nella circolazione della bile, è chiamata biliare. Sono divisi in primario e secondario. Nella maggior parte dei casi, le cause più comuni di cirrosi sono i virus cronici di epatite B e C e l'abuso di alcool. La ragione per lo sviluppo della cirrosi epatica può essere la patologia metabolica o la deficienza enzimatica: fibrosi cistica, galattosemia, glicogenosi, emocromatosi.

I fattori di rischio per la degenerazione del tessuto epatico sono anche: degenerazione epatolenticolare (malattia di Wilson), assunzione di farmaci epatotossici (metotrexato, isoniazide, amiodarone, metil-dopa), insufficienza cardiaca cronica, sindrome di Bad-Chiari, chirurgia intestinale e lesioni parassitarie intestinale e fegato. Nel 20-30% dei casi nelle donne, la causa dello sviluppo della cirrosi non può essere stabilita, tale cirrosi è chiamata criptogenetica.

Il principale fattore patogenetico nello sviluppo della cirrosi epatica è una violazione cronica del trofismo degli epatociti, la loro distruzione. Il risultato è una formazione graduale di un nodo - un segmento di tessuto connettivo. I nodi formati comprimono i vasi sanguigni nei lobuli e l'insufficienza circolatoria progredisce. In questo caso, il movimento del sangue nel sistema delle vene portale rallenta, i vasi traboccano e si allungano eccessivamente. Il sangue inizia a cercare soluzioni alternative e si muove principalmente attraverso i vasi della circolazione collaterale, bypassando il fegato. Le navi che assumono il volume principale del flusso ematico epatico - le vene dell'esofago e dello stomaco, le emorroidali, la parete addominale anteriore - sono eccessivamente straripanti, c'è la loro dilatazione varicosa, assottigliamento delle pareti, che causa sanguinamento.

I sintomi della cirrosi

La gravità dei sintomi clinici dipende dalle cause della cirrosi, dall'attività di progressione e dal grado di danno epatico.

Il decorso asintomatico è stato osservato nel 20% dei pazienti, molto spesso la malattia si manifesta inizialmente con manifestazioni minime (flatulenza, diminuzione delle prestazioni), dolore ricorrente opaco nel giusto ipocondrio, innescato dall'alcol o da disturbi alimentari e non mitigato dall'uso di antispastici, saturazione rapida (sensazione di overflow stomaco) e prurito. A volte c'è un leggero aumento della temperatura corporea, sanguinamento nasale.

Con un'ulteriore progressione, vengono rilevati ittero, segni di ipertensione portale, sanguinamento varicoso dalle vene esofagee ed emorroidali, ascite (aumento della quantità di fluido nella cavità addominale).

Sintomi caratteristici nei pazienti con cirrosi epatica: "bacchette" (ispessimento specifico delle falangi delle dita), "occhiali da guardia" (cambiamento caratteristico delle unghie), eritema del palmo (arrossamento delle palme), telangiectasia ("vene varicose", protrusione di sottili vasi sottocutanei sul viso corpo).

Negli uomini, ci può essere un aumento delle ghiandole mammarie (ginecomastia) e testicoli diminuiti. Di regola, la cirrosi progressiva del fegato porta alla perdita di peso, alla distrofia.

Complicazioni di cirrosi

Una delle complicazioni potenzialmente letali della cirrosi è l'insufficienza epatica. L'insufficienza epatica acuta è una condizione terminale che richiede misure correttive urgenti, l'insufficienza epatica cronica porta a gravi disturbi del sistema nervoso a causa dell'eccesso di ammoniaca nel sangue e dell'avvelenamento del cervello. Se non trattata, l'insufficienza epatica sfocia nel coma epatico (la mortalità dei pazienti in coma epatico è compresa tra l'80 e il 100%).

Nella maggior parte dei casi, la cirrosi progressiva è complicata da ascite e ipertensione portale. L'ascite è un accumulo di liquido nella cavità addominale, manifestato come un aumento nell'addome, determinato dall'esame fisico, metodo a percussione. Spesso accompagnato da gonfiore delle gambe. La sua insorgenza è associata a una violazione dell'omeostasi proteica.

Ipertensione portale - stasi del sangue nel sistema delle vene portale, caratterizzata da un aumento del deflusso venoso bypass (collaterale). Di conseguenza, si formano le vene varicose dell'esofago, dello stomaco e del retto, si verificano lacerazioni delle pareti e sanguinamento. L'ipertensione visivamente portale è determinata dal sintomo "testa di una medusa" - vene dilatate intorno all'ombelico, divergenti in direzioni diverse.

In aggiunta a quanto sopra, la cirrosi epatica può essere complicata dall'aggiunta di infezione, dal verificarsi di una neoplasia maligna (carcinoma epatocellulare) nel fegato, e vi è anche la probabilità di sviluppare insufficienza renale.

Diagnosi di cirrosi epatica

La diagnosi viene effettuata da un gastroenterologo o da un epatologo sulla base di una combinazione di storia e esame fisico, test di laboratorio, test funzionali e metodi di diagnostica strumentale.

In generale, l'anemia, leucocitopenia, trombocitopenia (di solito indica lo sviluppo di ipersplenismo) può essere osservata nel test del sangue per cirrosi epatica, i dati del coagulogramma mostrano una diminuzione dell'indice di protrombina. L'analisi biochimica del sangue rivela un aumento dell'attività degli enzimi epatici (Alt, AST, fosfatasi alcalina), un aumento della bilirubina ematica (entrambe le frazioni), potassio e sodio, urea e creatinina, livelli ridotti di albumina. Vengono inoltre condotti test per la rilevazione di anticorpi anti virus dell'epatite e per la determinazione del contenuto di alfa-fetoproteina.

I metodi diagnostici strumentali che aiutano a completare il quadro clinico della cirrosi includono l'ecografia degli organi addominali (cambiamenti nelle dimensioni e nella forma del fegato, la sua permeabilità sonora è nota, i segni di ipertensione portale e cambiamenti nella milza sono anche visti). La tomografia computerizzata della cavità addominale consente una maggiore visualizzazione del fegato, dei vasi sanguigni, dei dotti biliari. Se necessario, viene eseguita la risonanza magnetica del fegato e la dopplerometria dei vasi epatici.

Per una diagnosi finale e una scelta delle tattiche di trattamento, è necessaria una biopsia epatica (consente di valutare la natura dei cambiamenti morfologici e di formulare un'ipotesi sulle cause della cirrosi). Come metodi ausiliari per identificare la causa di questa malattia, i metodi sono utilizzati per identificare le carenze enzimatiche, esplorare gli indicatori del metabolismo del ferro, l'attività delle proteine ​​- i marcatori dei disordini metabolici.

Trattamento della cirrosi

La terapia dei pazienti con cirrosi dovrebbe risolvere i seguenti compiti: fermare la degenerazione progressiva del tessuto epatico, compensare i disturbi funzionali esistenti, ridurre il carico sulle vene del flusso sanguigno collaterale, prevenire lo sviluppo di complicanze.

A tutti i pazienti viene assegnata una dieta speciale e una dieta raccomandata. In caso di cirrosi nella fase di compensazione, è necessario mangiare completamente, per mantenere un equilibrio di proteine, grassi e carboidrati, per assumere le vitamine e gli oligoelementi necessari. I pazienti con cirrosi epatica dovrebbero abbandonare categoricamente l'uso di alcol.

In presenza di un alto rischio di encefalopatia, insufficienza epatica, i pazienti vengono trasferiti a una dieta a basso contenuto proteico. Per ascite ed edema, il rigetto salino è raccomandato per i pazienti. Raccomandazioni sulla modalità: pasti regolari, 3-5 volte al giorno, esercizio fisico, evitamento dell'inattività fisica (camminare, nuotare, fare ginnastica). Molti pazienti sono controindicati nei pazienti con cirrosi epatica. È anche opportuno limitare l'uso di erbe medicinali e integratori alimentari.

La terapia farmacologica della cirrosi epatica è quella di correggere i sintomi associati a disordini metabolici, l'uso di epatoprotettori (ademetionina, ornitina, acido ursodesossicolico). Vengono anche usati farmaci che contribuiscono alla rimozione dell'ammoniaca e alla normalizzazione della flora intestinale (lattulosio), agli enterotermi.

Oltre al trattamento diretto della cirrosi, la terapia farmacologica è prescritta per combattere la patologia che ha causato la degenerazione del tessuto epatico: terapia con interferone antivirale, terapia ormonale delle condizioni autoimmuni, ecc.

Nelle ascite gravi, la paracentesi viene prodotta e il liquido in eccesso viene pompato fuori dalla cavità addominale. Per la formazione di un flusso sanguigno alternativo, i vasi collaterali vengono bypassati. Ma il metodo chirurgico cardinale per il trattamento della cirrosi è il trapianto di un fegato donatore. Il trapianto è indicato nei pazienti con decorso grave, progressione rapida, alto grado di degenerazione del tessuto epatico e insufficienza epatica.

Prevenzione e prognosi della cirrosi epatica

La prevenzione della cirrosi epatica consiste nel limitare l'assunzione di alcool, un trattamento tempestivo e adeguato dell'epatite virale e di altre malattie che contribuiscono allo sviluppo della cirrosi. Si raccomanda anche una dieta sana ed equilibrata e uno stile di vita attivo.

La cirrosi è una malattia incurabile, ma quando viene diagnosticata precocemente, estirpando con successo il fattore eziologico e seguendo le raccomandazioni dietetiche e di vita, la prognosi di sopravvivenza è relativamente favorevole. La cirrosi alcolica con la prosecuzione dell'abuso di alcol è soggetta a rapido scompenso e allo sviluppo di pericolose complicanze.

I pazienti con ascite sviluppata hanno una prognosi di sopravvivenza di circa 3-5 anni. Quando si verifica una emorragia da vene varicose del flusso sanguigno collaterale, il tasso di mortalità nel primo episodio è di circa il 30-50%. Lo sviluppo del coma epatico porta alla morte nella stragrande maggioranza dei casi (80-100%).

Cirrosi del fegato - i primi segni, sintomi, cause e trattamento della cirrosi

Buona giornata, cari lettori!

Nell'articolo di oggi discuteremo con voi di una tale malattia - cirrosi epatica, così come i suoi segni, cause, tipi, gradi, diagnosi, trattamento, rimedi popolari e prevenzione. Quindi...

Cos'è la cirrosi del fegato?

La cirrosi epatica è una malattia epatica cronica caratterizzata da un danno persistente ad esso, in cui il normale tessuto epatico è sostituito da tessuto connettivo fibroso. Il risultato finale di una lesione, se non viene intrapresa alcuna azione, è lo sviluppo di insufficienza epatica e ipertensione portale, dopo di che il paziente è solitamente fatale. La morte di solito si verifica in 2-4 anni di malattia. A volte la conseguenza della cirrosi è il cancro del fegato.

Il fegato svolge uno dei ruoli principali nella pulizia del corpo di sostanze tossiche, contribuisce anche alla sintesi di grassi, proteine ​​e carboidrati, è coinvolto nei processi di digestione e nello sviluppo di sostanze necessarie per il normale funzionamento del corpo. Con la cirrosi, il fegato è sfregiato, si espande e aumenta o diminuisce di dimensioni, diventa denso, ruvido e irregolare. Le sue cellule (epatociti) rinasce e cessano di svolgere le loro funzioni, motivo per cui la distruzione di questo organo rappresenta una minaccia per la vita di un organismo vivente, sia esso un essere umano o un animale.

I principali sintomi della cirrosi epatica stanno gradualmente aumentando il dolore nell'addome (principalmente nell'ipocondrio destro), che nell'ultimo stadio di sviluppo del paziente diventa così grave che persino gli stupefacenti vengono prescritti come anestetico e indigestione (pesantezza allo stomaco, nausea e vomito).

Le cause principali della cirrosi nella maggior parte dei casi sono l'epatite, così come l'uso frequente ed eccessivo di bevande alcoliche, che in realtà non avvelena solo il fegato, ma anche l'intero corpo.

Quanto vivere con la cirrosi epatica?

Il numero di anni di vita in caso di cirrosi dipende in gran parte dal grado (stadio) del processo patologico nel fegato, dai metodi di terapia e dalla stretta aderenza alle prescrizioni terapeutiche e profilattiche del medico curante, nonché dallo stile di vita del paziente.

La forma compensata di cirrosi è solitamente caratterizzata da sopravvivenza nel 50% dei casi. Con la forma subcompensata, i medici predicono l'aspettativa di vita del paziente, in media - 5 anni, con forma scompensata - fino a 3 anni.

Lo stadio della malattia, molti esperti hanno impostato sul sistema prognostico Child-Pugh, Cox e altri.

Tuttavia, mi affretto a notare che ci sono testimonianze nella rete di persone che credevano in Gesù Cristo che guarì dopo la conversione, anche con le fasi più avanzate della cirrosi, quando i dottori non davano possibilità di guarigione, quindi, c'è sempre speranza!

Statistiche della malattia

I medici osservano che la cirrosi si verifica principalmente nella metà maschile della popolazione, circa 3 a 1. Ciò è dovuto principalmente al fatto che gli uomini più spesso delle donne amano bere forti bevande alcoliche, e questo, come abbiamo già detto, nella maggior parte dei casi è la causa principale della cirrosi.

Se parliamo del quadro generale, i cambiamenti patologici nel fegato (cirrosi, epatite, cancro) causano la morte di circa 300 mila persone ogni anno. Con ciò, nei paesi sviluppati, la cirrosi si verifica in media, in 20 persone ogni 100.000 abitanti, mentre nell'ex Unione Sovietica questa cifra è pari all'1% della popolazione. Di seguito una mappa della prevalenza della cirrosi in tutto il mondo (dal 2004). Più leggero è il colore (più vicino al giallo), meno sono i casi, più è scuro più:

Negli ultimi 10 anni, il tasso di incidenza di questa malattia è aumentato del 12%!

L'età dei pazienti nella maggior parte dei casi varia da 40 a 60 anni.

Cirrosi - ICD

ICD-10: K74.3 - K74.6;
ICD-9: 571.

I sintomi della cirrosi

Il principale sintomo della cirrosi è il dolore nell'addome, principalmente nell'ipocondrio destro, ma l'insorgenza della malattia può essere accompagnata da altri sintomi. Inoltre, ci sono casi (circa il 20%) quando il danno epatico è asintomatico e la patologia può essere rilevata solo dopo che una persona muore. Tuttavia, consideriamo come la malattia si manifesta nelle fasi iniziali, nel mezzo e alla fine del suo sviluppo.

I primi segni di cirrosi

  • Dolore addominale periodico, principalmente nell'ipocondrio destro, aggravato dopo il consumo di cibi grassi, fritti e in salamoia, bevande alcoliche, nonché eccessivo sforzo fisico;
  • La sensazione di amarezza e secchezza in bocca, specialmente al mattino;
  • Aumento dell'affaticamento, irritabilità;
  • Disturbi periodici del tratto gastrointestinale - mancanza di appetito, distensione addominale, nausea, vomito, diarrea;
  • È possibile l'ingiallimento della pelle, delle mucose e del bianco degli occhi.

I principali sintomi della cirrosi

Oltre ai sintomi iniziali, il paziente mostra anche i seguenti segni di cirrosi epatica:

  • I dolori all'addome si intensificano nel tempo, nelle fasi finali fino a diventare insopportabili, portano un carattere doloroso o penetrante, con una sensazione di pesantezza;
  • La rapida perdita di peso, l'esaurimento del corpo, soprattutto la perdita di peso delle gambe, mentre lo stomaco può sporgere in avanti, come nella cifosi;
  • La nausea accompagna il paziente sempre più spesso, come il vomito, e il vomito può contenere sangue, che di solito indica sanguinamento delle vene degli organi digestivi;
  • I muscoli si indeboliscono, atrofia, una persona è spesso in uno stato debole;
  • C'è dolore e gonfiore alle articolazioni, la punta delle dita si ispessisce e la pelle delle unghie diventa rossastra;
  • Palme, piedi, capillari sul viso sono anche dipinti in toni rossi;
  • La parte superiore del tronco del paziente è coperta da asterischi vascolari, il cui numero e la cui visibilità aumentano con la progressione del fegato;
  • Le ghiandole mammarie negli uomini sono ingrandite, i capelli sotto le ascelle e il pube cadono, i genitali si atrofizzano;
  • La pelle, le membrane mucose e le proteine ​​dell'occhio (sclera) acquisiscono una tinta giallastra, il che suggerisce che il fegato non può più elaborare la bilirubina;
  • Ci sono gonfiore delle gambe e della lingua, prurito della pelle, sanguinamento dal naso, che, insieme alle palpebre, diventa anche ricoperto di tumori (angiomi), e nella zona delle palpebre inizia a comparire lo xantelasma;
  • Il paziente è ossessionato dall'apatia per tutto, insonnia, confusione e compromissione della coscienza, la memoria si deteriora;
  • La temperatura corporea è generalmente elevata e si normalizza principalmente solo con il miglioramento della condizione e la normalizzazione del fegato;
  • Si osservano anche un aumento delle dimensioni della milza, la quantità di fluido nella cavità addominale e l'ipertensione portale.

Complicazioni di cirrosi

Tra le complicanze della cirrosi epatica è possibile distinguere i seguenti segni e conseguenze della malattia:

  • Ascite (eccesso di liquido nella cavità addominale);
  • Encefalopatia epatica;
  • peritonite;
  • Vene varicose in tutto il corpo, trombosi e sanguinamento interno;
  • Bassa pressione sanguigna, seguita dallo sviluppo dell'ipotensione arteriosa;
  • Insufficienza renale;
  • Gastropatia epatica, colopatia o coma;
  • Adesione di malattie infettive secondarie - polmonite, sepsi e altri;
  • Tumore maligno del fegato (carcinoma epatocellulare);
  • Morte.

Cause della cirrosi epatica

Le cause principali della cirrosi sono:

  • epatite virale, principalmente di tipo B, C, D e G, il cui risultato finale è una degenerazione patologica del fegato;
  • uso regolare di bevande alcoliche, particolarmente eccessivo;
  • disordine metabolico, che è accompagnato da epatosi grassa;
  • avvelenamento fegato da alcuni farmaci (androgeni, agenti steroidi anabolizzanti "Iprazid" "Inderal", "Methyldopa", "Methotrexate" et al.), sali di metalli pesanti, tossine industriali, alimentari (funghi) e altre sostanze;
  • malnutrizione sistematica, così come cibo principalmente cibo spazzatura;
  • presenza di ereditaria cronica e altre malattie e stati patologici - emocromatosi, deficit di alfa-1 antitripsina e galattosio-1-fosfato uridiltransferazy, malattia di Wilson, malattia di Osler-Rendu, epatopatia autoimmune, colelitiasi, ostruzione extraepatica, colangite, ipertensione portale, insufficienza cardiaca congestizia, sindrome di Budd-Chiari, presenza di infezioni (aspergillosi, candidosi, opistorsiasi, schistosomiasi) e altri.

Gli effetti simultanei sul corpo di molti dei suddetti fattori, come l'epatite con l'alcol, accelerano la degenerazione patologica del fegato, a volte dozzine di volte!

Classificazione della cirrosi

La cirrosi epatica, secondo la classificazione, è suddivisa nei seguenti tipi:

Per morfologia:

  • Cirrosi di piccolo nodo (melkonodulyarny) - il diametro dei nodi 1-3 mm;
  • Cirrosi di grandi dimensioni (macronodulare) - diametro del nodo uguale o superiore a 3 mm;
  • Forma del setto incompleta;
  • Forma mista

Secondo l'eziologia:

  • alcol;
  • virale;
  • officinalis;
  • Biliari secondaria;
  • Congenito a causa delle seguenti malattie:

- emocromatosi;
- tirosinosi;
- degenerazione epatolenticolare;
- carenza di α1-antitripsina;
- glicogenosi;
- galattosemia.

  • Malattia e sindrome di Badd-Chiari;
  • Stagnante (con insufficiente circolazione sanguigna);
  • Scambio-alimentare, derivante da:

- obesità;
- L'imposizione di bypass anastomosi dell'intestino tenue;
- Grave forma di diabete;

  • Idiopatico (di eziologia sconosciuta), che può essere:

- Cryptogenic;
- Biliari primari;
- Bambini indiani

Fasi di cirrosi

Lo sviluppo della cirrosi avviene durante diverse fasi, ognuna delle quali è caratterizzata dalle sue manifestazioni cliniche e dai metodi di trattamento. Considerali in dettaglio.

Cirrosi dello stadio 1 del fegato (stadio compensatorio). Cirrosi di 1 grado si caratterizza per l'assenza di quasi tutti i sintomi - il paziente può raramente fastidio dolore intermittente nel quadrante in alto a destra, e per lo più solo in quei casi in cui una persona bevuto la bevanda alcolica o mangiare qualsiasi cosa, da grassi o fritti. Le analisi di solito mostrano una diminuzione della bilirubina e dell'indice protrombico (fino a 60). La prognosi positiva del trattamento è molto favorevole e la terapia prevede principalmente l'uso di farmaci mirati al ripristino degli epatociti (cellule epatiche).

Fase 2 cirrosi epatica (subcompensata). La cirrosi epatica di grado 2 è caratterizzata da frequenti dolori addominali sul lato destro, costante sensazione di stanchezza e debolezza, nausea periodica, perdita di peso, ascite a breve termine. Gli uomini mostrano segni di ginecomastia, in cui le ghiandole mammarie aumentano di dimensioni, inoltre, i capelli sotto le ascelle iniziano a diradarsi. Studi di laboratorio mostrano una riduzione non solo di bilirubina, come nel primo grado della malattia, ma anche all'albumina, inoltre, indice protrombichesky diminuiti a 40. È importante scegliere il giusto trattamento e il trasferimento di malattia subcompensated in forma compensata.

Cirrosi stadio III del fegato (terminale). cirrosi epatica è caratterizzata da 3 gradi di dolore acuto, rapida perdita di peso, nausea e vomito, ingiallimento della pelle e delle mucose, sanguinamento nasale, asterischi vascolari debolezza costante, apatia, insonnia. Il paziente ha un fallimento metabolico. Gli studi di laboratorio mostrano una diminuzione della bilirubina, dell'albumina e dell'indice protrombico a livelli critici. In questa fase, il paziente a volte sviluppa emorragie interne, cancro al fegato, coma epatico, peritonite e altre malattie e condizioni in cui una persona può morire rapidamente.

Fase 4 cirrosi epatica. La cirrosi epatica di 4 ° grado è caratterizzata da esacerbazioni di tutti i tipi di segni e sintomi della malattia, dolore acuto che solo le droghe forti, a volte di natura narcotica, aiutano a fermare. I medici oggi non possono fermare l'ulteriore sviluppo della malattia e la persona muore.

Classificazione della cirrosi secondo "Child-Pugh"

La gravità della cirrosi epatica, così come la percentuale di decessi, è determinata anche dal sistema Child-Pugh. È vero, va ricordato che questo "test" non tiene conto di molti fattori aggiuntivi della malattia, quindi è solo indicativo, e quindi, in modo che non mostri, non mollare!

La particolarità di questa classificazione è un piccolo test. Per ogni risposta, ci sono da 1 a 3 punti, dopo i quali viene effettuato il calcolo, e in base al numero di punti che viene determinata la condizione del paziente e l'ulteriore prognosi per il suo recupero.

Quindi, nella seguente tabella ci sono 4 colonne: 1 di esse sono domande di test, le tre seguenti (A, B e C) sono le risposte e il numero di punti per ciascuna di esse.

punteggio

  • La somma dei punti è 5-6 (il paziente appartiene alla classe A): il tasso di sopravvivenza del paziente nel primo anno dal momento del test lascia il 100%, nel secondo anno circa l'85%;
  • La somma dei punti è 7-9 (il paziente appartiene alla classe B): il tasso di sopravvivenza nel primo anno dal momento del test lascia l'81%, nel secondo anno circa il 57%;
  • La somma dei punti è 10-15 (il paziente appartiene alla classe C): il tasso di sopravvivenza nel primo anno dal momento del test è del 45%, nel secondo anno è del 35% circa;

Diagnosi di cirrosi epatica

La diagnosi di cirrosi comprende solitamente i seguenti metodi di esame:

Trattamento della cirrosi

Come trattare la cirrosi epatica? Il trattamento della cirrosi di solito inizia con l'eliminazione della causa della malattia e include i seguenti punti:

1. Trattamento farmacologico;
2. dieta rigorosa;
3. Trattamento di fisioterapia;
4. Esercizio fisico somministrato;
5. Trattamento chirurgico (trapianto di fegato, se necessario).

1. Trattamento farmacologico della cirrosi epatica (farmaci per la cirrosi)

1.1. Protezione delle cellule del fegato

Come abbiamo detto, il principale meccanismo per lo sviluppo della cirrosi è la degenerazione delle sue cellule (epatociti). Pertanto, uno dei punti più importanti nel trattamento della cirrosi è l'uso di farmaci che proteggono gli epatociti dalla trasformazione patologica e dalla sostituzione. Inoltre, di solito queste droghe supportano il fegato stesso e il suo funzionamento.

Per proteggere le cellule del fegato, vengono usati epatoprotettori, un gruppo condizionale di farmaci che indirettamente in certe situazioni hanno un effetto positivo sulla performance del fegato.

Gli epatoprotettori includono i seguenti gruppi di farmaci:

  • Preparati a base di erbe per il trattamento della cirrosi epatica;
  • Fosfolipidi essenziali;
  • Sostanze lipotropiche;
  • Vitamine per il fegato.

Preparati a base di erbe per il trattamento della cirrosi epatica. Tutti gli epatoprotettori di origine vegetale sono basati principalmente sulla pianta - cardo mariano. Ciò è dovuto al fatto che il cardo mariano ha silimarina nella sua composizione, che svolge la funzione protettiva delle cellule del fegato dall'influenza e la distruzione di patologie su di loro.

Un'altra notevole pianta medicinale, che è la base di alcuni epatoprotettori, è il carciofo, i cui semi sono ricchi di tsinarin. Tsinarin nella sua funzione protettiva è simile alla silimarina.

Estratti di betulla, tanaceto, cassia, achillea e altri possono essere distinti tra le altre piante che svolgono la funzione protettiva delle cellule epatiche, oltre a contribuire alla normalizzazione dell'attività vitale del fegato.

Tra i farmaci contro cirrosi epatica origine vegetale possono essere menzionati: "Karsil", "Legalon", "silimarina", "Gepabene", "Galstena", "Tsinariks", "Allohol", "Sibektan", "Bondjigar", "DIPA".

Fosfolipidi essenziali Questo gruppo di farmaci è un grasso complesso indispensabile che compone le membrane di tutte le cellule del corpo, che svolgono un ruolo importante nel normale metabolismo, ad esempio tra plasma sanguigno e globuli rossi (eritrociti). Mantenere un normale equilibrio di grassi, carboidrati e colesterolo.

I fosfolipidi essenziali contribuiscono alla distruzione del collagene, che causa in realtà la sostituzione delle cellule epatiche con tessuto fibroso.

Tra i fosfolipidi essenziali moderni si possono distinguere: "Phosphogliv", "Phosphontsiale", "Essentiale", "Essentiale Forte N", "Eslidine", "Esliver Forte".

Sostanze lipotropiche. Si tratta di un gruppo di farmaci composti principalmente da amminoacidi che abbassano il livello ematico di "colesterolo cattivo" (lipoproteine ​​a bassa densità - LDL), aumentano l'azione della lipasi, che favorisce la disgregazione dei grassi e protegge il fegato dalle infiltrazioni grasse. Molte sostanze lipotropiche sono sostanze simili a vitamine.

I preparati di azione lipotropica si basano di solito sulle seguenti sostanze: ademetionina, arginina, betaina, inositolo (vitamina B8), carnitina (vitamina B11), S-metilmetionina (vitamina U), ornitina, colina (vitamina B4), cisteina e altri.

Tra i preparati dell'azione lipotropica si possono distinguere: "Betargin", "Hepa-merts", "Heptral", "Glutargin-alcoklin", "Ornilatex".

Vitamine per il fegato. Le vitamine svolgono un ruolo importante in quasi tutti i processi vitali dell'organismo, e quando sono carenti (carenze vitaminiche), la salute e la qualità della vita di una persona di solito si deteriorano. Pertanto, in caso di cirrosi epatica e di altre malattie, il corpo deve essere fornito con vitamine.

In caso di cirrosi epatica, deve essere prestata particolare attenzione alla fornitura di tali vitamine come - A (retinolo), C (acido ascorbico), E (tocoferolo), acido lipoico (tiotico) e cocarbossilasi.

Inoltre, è necessario concentrarsi sulle vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B6, B9, B12), D (calciferolo) e P (rutina).

Le vitamine specifiche e le loro dosi sono prescritte solo da un medico, e solo sulla base di analisi, da allora Alcune vitamine del sovradosaggio possono causare reazioni allergiche e altri effetti avversi.

1.2. Recupero del deficit di acido biliare

Nella malattia biliare, il funzionamento dell'acido gallico, che svolge un ruolo diretto nella digestione del cibo, è ridotto nel corpo. Inoltre, in questo stato, la trasformazione degli enzimi, che in seguito partecipa anche al mantenimento e al normale funzionamento degli organi del tratto gastrointestinale (GIT), è disturbata.

Al fine di ripristinare il flusso della bile e del succo pancreatico nell'intestino, viene prescritto l'acido ursodesossicolico (UDCA), che è un analogo sintetico dell'acido biliare. Il dosaggio è generalmente di 10-15 mg per 1 kg di peso corporeo / 1 volta al giorno, preferibilmente di notte.

Inoltre, l'UDCA aiuta a normalizzare la risposta immunitaria dell'organismo agli agenti infettivi del fegato, impedisce al fegato di assorbire quello che viene chiamato colesterolo "cattivo", migliora l'azione dell'enzima "lipasi", che favorisce la disgregazione dei grassi e aiuta anche a ridurre il livello di zucchero nel sangue. Infatti, l'acido ursodesossicolico può essere attribuito agli epatoprotettori.

Tra i farmaci si può distinguere l'acido ursodesossicolico: "Ursonan", "Ursodex", "Ursorom", "Exhol".

1.3. Rafforzamento e stimolazione del sistema immunitario

Per rafforzare e stimolare il sistema immunitario, nonché per rafforzare il fegato e mantenere il normale funzionamento di tutto il corpo, è prescritto un farmaco immunostimolante.

Tra i farmaci destinati a stimolare il lavoro di immunità può essere distinto: Vilozen, Zadaksin, Timogen.

1.4. Escrezione di liquidi in eccesso dal corpo

La cirrosi epatica è spesso accompagnata dall'accumulo nella cavità addominale di una quantità estremamente grande di liquido. Questo processo è chiamato ascite. In ascite, i pazienti hanno anche gonfiore delle braccia e delle gambe, organi interni. Per evitare che ciò accada, il paziente è inoltre prescritto diuretici (diuretici). Tuttavia, alcuni medici, a scopo profilattico, prescrivono diuretici prima dell'apparizione di segni visibili di ascite.

Tra i diuretici nella cirrosi epatica, si possono distinguere i seguenti gruppi di farmaci: antagonisti di aldosterone, agenti risparmiatori di potassio, tiazidici, inibitori dell'anidrasi carbonica e diuretici dell'ansa.

Ogni gruppo è molto diverso nel principio di azione, quindi il loro uso indipendente è rigorosamente controindicato. Il medico prescrive un gruppo specifico di farmaci diuretici solo sulla base di test.

1.5. Terapia sintomatica

Per facilitare il decorso della cirrosi, possono essere prescritti anche farmaci sintomatici.

Contro nausea e vomito: "Motilium", "Pipolfen", "Zerukal".

Con forte prurito - antistaminici: "Diazolin", "Claritin", "Suprastin", "Dimedrol".

Contro insonnia, ansia - sedativi: "Valerian", "Tenoten".

2. Dieta per la cirrosi epatica

La dieta in caso di cirrosi epatica è uno dei punti fondamentali, senza i quali l'esito favorevole della malattia è ridotto ai valori minimi. Da un punto di vista medico, una dieta con cirrosi è finalizzata a scaricare il fegato dalla trasformazione del cibo "pesante", normalizzando il metabolismo, ripristinando le cellule epatiche e prevenendo complicazioni della malattia, come l'ascite.

Nella pratica medica, M.I. Pevznerom ha sviluppato una dieta per la cirrosi epatica, che si chiama dieta numero 5 (tabella numero 5).

In breve, la dieta numero 5 si basa sul rifiuto dell'uso di alimenti che irritano il tratto digestivo e il fegato stesso, nonché un aumento della dieta di proteine ​​e carboidrati, mentre la quantità di grassi nel cibo dovrebbe essere ridotta del 30%. Hai anche bisogno di tagliare il sale - fino a 1-2 cucchiaini al giorno, non di più! Il contenuto calorico degli alimenti non deve superare 2500-3000 kcal / giorno, la quantità di liquido - non più di 1,5 litri. Nutrizione frazionaria. Tutto il cibo grosso dovrebbe essere macinato e usato solo sotto forma di calore.

Cosa puoi mangiare con la cirrosi epatica?

  • Zuppe: verdura, su vari cereali, frutta, latticini, ma senza zazharki.
  • Carne: varietà di carne e pesce a basso contenuto di grassi: pollo, manzo, carne scremata, tacchino, nasello, merluzzo.
  • Uova: possono essere mangiate come omelette al vapore;
  • Insalate - da verdure fresche e olio vegetale
  • Prodotti da forno: pane integrale fatto con farina di prima scelta (non fresca), pasticceria non sfornata, biscotti non ricchi;
  • Prodotti lattiero-caseari: latte magro, bevande a base di latte fermentato, ricotta, formaggi misti;
  • Salse: sono consentite salse da latte e verdure, preferibilmente fatte in casa, così come salse di frutta dolce;
  • Dolci: frutta e bacche fresche e secche, ma in forma morbida (macinata), gelatina, miele, marmellata, marshmallows, zucchero.
  • Bevande: composte, succhi di frutta freschi, decotto di rosa canina, gelatina, tè leggero.
  • Consentito l'uso di burro, ma da ingredienti naturali.

Cosa non può mangiare con la cirrosi epatica?

  • Prodotti da forno freschi, torte fritte;
  • Minestre grasse, borscht e altri primi piatti su carne grassa, funghi, cavoli;
  • Carne grassa - maiale, anatra, oca, carne affumicata, salsicce, strutto, fegato, rognone, cervello, pesce grasso;
  • Ortaggi e legumi: legumi, cavoli, rape, spinaci, acetosella, ravanello, ravanelli, aglio, cipolle verdi, funghi, verdure in salamoia, frutti di bosco e frutti di bosco;
  • Latticini grassi - panna, panna acida, ricotta, formaggio piccante;
  • Uova - fritte o cotte in un ripieno;
  • Spuntini piccanti, salse, ketchup, senape, pepe, rafano, sottaceti, cibo in scatola;
  • Dolci: cioccolato, gelato, prodotti con crema;
  • Bevande: alcool (qualsiasi), tè forte, caffè, cacao, limonata.

3. Trattamento di fisioterapia

La terapia fisica con cirrosi epatica aiuta a migliorare il metabolismo, a mantenere la salute del fegato. Tra le procedure fisioterapeutiche si possono identificare:

  • Scambio di plasma;
  • Ultrasuoni sul fegato;
  • inductothermy;
  • diatermia;
  • Ionoforesi con soluzioni di iodio, novocaina o solfato di magnesio.

4. carichi fisici dosati

In assenza di ascite, i medici raccomandano l'esercizio fisico somministrato - terapia fisica (terapia fisica).

Gli esercizi terapeutici migliorano il metabolismo, la circolazione sanguigna, aiutano a rafforzare il sistema immunitario e rafforzano anche il corsetto muscolo-scheletrico.

5. Trattamento chirurgico (trapianto di fegato, se necessario)

Il trattamento chirurgico della cirrosi include il trapianto di fegato. Questa è una procedura piuttosto costosa, che, oltre alla finanza, è anche complicata dalla ricerca di un donatore.

Di solito, il trapianto è prescritto nei casi in cui il trattamento conservativo della cirrosi non ha portato i risultati necessari, e il processo patologico di distruzione dell'organo continua a svilupparsi senza pietà.

Oltre al prezzo, la mancanza di trapianto di fegato è l'ulteriore uso di farmaci immunosoppressori e per tutta la vita.

Controindicazioni al trapianto di fegato sono tumori maligni (cancro) con metastasi, alcune gravi patologie del cuore e dei polmoni, obesità, malattie infettive, processi infiammatori nel cervello e altri.

Comunque, ancora una volta voglio ricordarti che anche se i dottori si rifiutano di aiutare e di cancellare una persona, c'è una via d'uscita in Dio!

Trattamento della cirrosi dei rimedi popolari del fegato

È importante! Prima di usare rimedi popolari per la cirrosi, si prega di consultare il proprio medico!

Cardo mariano Mescolare 1 cucchiaino di semi di cardo marinato con 1 cucchiaino di foglie di questa pianta, quindi versare la miscela ottenuta con un bicchiere di acqua bollente, mettere da parte per 20 minuti per infondere e raffreddare. Successivamente, lo strumento deve essere filtrato e bevuto per 1 volta completamente. Ogni giorno, questa infusione dovrebbe essere presa 3 volte, al mattino (a stomaco vuoto), prima di pranzo e prima di andare a dormire. Inoltre, è possibile utilizzare il tè alla menta, che, oltre all'effetto lenitivo, migliorerà anche l'effetto dell'infusione di cardo mariano.

Nard. Aggiungere un cucchiaio e mezzo di elecampane macinate in una piccola casseruola e versare 500 ml di acqua su di esso, mettere il prodotto a fuoco basso per 30 minuti, quindi mettere da parte per 20 minuti, filtrare e prenderlo 2-3 volte al giorno, per 30 minuti prima dei pasti, bere 200 ml alla volta. Il corso del trattamento è di 10 giorni.

Curcuma. 1 cucchiaino di polvere di curcuma versare un bicchiere di acqua calda bollita, aggiungere qui per migliorare il gusto del miele, mescolare accuratamente e bere 100 ml 2 volte al giorno, 30 minuti prima dei pasti.

Succhi di verdura di Norman Walker. L'essenza del trattamento è l'uso quotidiano di succhi freschi di verdure. La quantità ottimale di succhi ubriachi è di 1 l / giorno. Qui sotto ci sono 3 ricette che puoi bere e bere, 1 bicchiere grande (250 ml) 3 volte al giorno, alternando:

  • Ricetta 1. La combinazione di verdure nelle seguenti proporzioni (10: 3: 3) - carote, cetrioli e barbabietole.
  • Ricetta 2. La combinazione di verdure nelle seguenti proporzioni (10: 6) - carote e spinaci.
  • Ricetta 3. La combinazione di verdure nella seguente proporzione (5: 1) - carote e ravanello nero.

Raccolta di erbe 1. Raccogliere i seguenti ingredienti: rosa canina (20 g), rizoma wheatgrass (20 g) e foglie di ortica (10 g). Tutto accuratamente tritare, mescolare e 1 cucchiaio. cucchiaio versare un bicchiere di acqua bollente, quindi mettere lo strumento sul fuoco per 15 minuti, togliere, mettere da parte per 15 minuti per raffreddare e insistere, filtrare. È necessario accettare il brodo 2 volte al giorno, di mattina e di sera.

Raccolta di erbe 2. Prepara una raccolta dei seguenti ingredienti (tutti in proporzioni uguali) - frutti (rosa canina), radici (elecampane, salvia medicinale, achillea e bardana), fiori (camomilla, tanaceto) ed erbe (erba di San Giovanni, marea e uccello dell'altopiano). Mescolare tutto accuratamente e 1 cucchiaio. cucchiaio versare un bicchiere di acqua bollente, quindi mettere lo strumento per 15 minuti a fuoco lento, far bollire, rimuovere e mettere da parte lo strumento per 15 minuti per insistere e raffreddare. Dopo il decotto, è necessario filtrare e prendere mezzo bicchiere 3 volte al giorno, 30 minuti prima dei pasti.

Raccolta di erbe 3. Raccogliere dai seguenti ingredienti (tutti in parti uguali) - erba di erba di San Giovanni, erba millefoglie, coda di cavallo e corteccia di cicoria. Tutto accuratamente tritare, mescolare e 1 cucchiaio. cucchiaio versare un bicchiere di acqua bollente, infondere per 20 minuti, filtrare e prendere questa porzione durante il giorno, per 3 dosi.

Trattamento della cirrosi epatica con preparati a base di erbe

Il commento del fitoterapista Malgina A.A.: la fitoterapia (fitoterapia) presenta alcuni notevoli vantaggi, ad esempio:

  • la fitoterapia elimina le cause della malattia,
  • le erbe hanno un numero minimo di controindicazioni (di solito un'intolleranza individuale),
  • la terapia a base di erbe ha una minima quantità di effetti collaterali,
  • le erbe contengono una grande quantità di vitamine e altri nutrienti che, oltre a curare una malattia, contribuiscono anche alla salute del corpo nel suo insieme,
  • accessibilità.

Gli erboristi offrono soluzioni già pronte che tengono già conto della composizione specifica della raccolta, del dosaggio, dell'ordine, ecc. I corsi sono progettati da specialisti medici, in base alla loro pluriennale esperienza.

Prevenzione della cirrosi epatica

La prevenzione della cirrosi comprende l'aderenza alle seguenti misure preventive:

  • Rifiutare completamente l'uso di bevande alcoliche, fumare;
  • Non lasciare al caso le malattie del tratto gastrointestinale, specialmente di natura infettiva (epatite, ecc.);
  • Cerca di limitarti all'uso di cibi grassi, speziati, fritti e affumicati, cibi pronti e altri cibi malsani e nocivi;
  • Cerca di mangiare cibi arricchiti con vitamine e microelementi;
  • Non assumere droghe senza consultare un medico, ricorda, la maggior parte dei farmaci ha gravi effetti collaterali;
  • Seguire le regole dell'igiene personale;
  • Osservare misure profilattiche per prevenire l'infezione da virus dell'epatite.

Altri Articoli Su Fegato

Cholestasia

Quali sono i sintomi della colecistite e della pancreatite? Queste differenze sono abbastanza difficili da notare, ma sono estremamente importanti.

Autore: Alexey Shevchenko il 27 gennaio 2017 12:00 Categoria: Problemi di sopravvivenza
Cholestasia

Come trattare l'epatite B cronica fino alla completa guarigione?

Il trattamento dell'epatite B cronica è un processo lungo e complesso che richiede un monitoraggio costante del paziente. Può essere usato farmaci di un certo gruppo che sopprimono il virus nel corpo, oltre a contribuire al miglioramento del sistema immunitario.