Epatite C: che cos'è, segni e trattamento nel 2018

L'epatite è un danno al fegato, uno dei più grandi organi interni di una persona. Ci sono molte infezioni che influenzano il suo lavoro. Stile di vita, alimentazione e consumo eccessivo di alcol svolgono anche un ruolo importante nella distruzione di un fegato sano e normale. Epatite A, B e C, i più comuni virus dell'epatite, i loro agenti patogeni sono pericolosi perché sono virus di un gruppo speciale.

Le vaccinazioni sono già state inventate contro l'epatite A e B e sono spesso raccomandate per i bambini. La vaccinazione contro l'epatite C nei neonati non lo fa. Il fatto è che il virus stesso è stato scoperto relativamente di recente, poco più di venti anni fa, ed è talmente variabile che non è ancora possibile trovare un vaccino efficace. In questa fase, i sei principali genotipi di epatite virale C (HCV) e più di cinquanta sottotipi (1, 1b, ecc.) Sono noti. Gli studi scientifici su questo problema sono in corso.

Cos'è?

L'epatite C, abbreviata GS, è una malattia virale e infettiva che si sviluppa nel fegato a seguito dell'infezione da virus dell'epatite (HCV). Il virus si diffonde attraverso il contatto con una persona infetta, cioè attraverso il sangue. L'epatite C infettiva è acuta e cronica.

L'HCV è un piccolo filamento di involucri virali ribonucleici (RNA), che utilizza per la riproduzione, il materiale delle cellule epatiche. Il meccanismo dell'attività dell'RNA innesca processi infiammatori nel fegato, distrugge gradualmente le cellule del fegato (citolisi), innesca il meccanismo immunitario per la sintesi di anticorpi specifici, l'aggressione autoimmune delle funzioni protettive del corpo contro i processi infiammatori degli epatociti (attacco alle cellule sane, sistema immunitario).

Come viene trasmessa l'epatite C.

Ci sono circa 150 milioni di persone nel mondo che sono cronicamente infette dal virus dell'epatite C e sono a rischio di sviluppare cirrosi e / o cancro al fegato. Ogni anno più di 350.000 persone muoiono a causa di malattie epatiche correlate all'epatite C. Ogni anno, 3-4 milioni di persone sono infettate dal virus dell'epatite C. Oggi sono noti 7 genotipi virali.

Come viene trasmessa l'epatite C? La fonte dell'infezione è costituita da pazienti con epatite C attiva e pazienti latenti - portatori del virus. L'infezione da HCV è un'infezione con un meccanismo parenterale di infezione - attraverso il sangue infetto e le sue componenti, così come attraverso lo sperma e le secrezioni vaginali (circa il 3%). L'infezione è possibile con le manipolazioni parenterali, anche nelle istituzioni mediche, compresa la fornitura di servizi dentistici, attraverso attrezzature per iniezione, con agopuntura, piercing, tatuaggi, con la fornitura di una serie di servizi nei saloni di parrucchiere, tuttavia, durante i rapporti sessuali, la probabilità di ottenere l'epatite C è molto inferiore all'epatite B, e ridotto al minimo. Nel 20% dei casi, non è possibile stabilire il metodo di trasmissione del virus.

Infetto da epatite C non può:

  • quando si usano solo elettrodomestici (ad eccezione della rasatura, della manicure e di altri accessori sui quali possono esserci tracce di sangue);
  • quando si stringono la mano, si abbracciano;
  • quando si bacia;
  • quando si condivide il cibo.

Il più pericoloso, in termini di fonte, i pazienti con epatite cronica C.

genotipi

I genotipi hanno una distribuzione territoriale specifica. In relazione agli stessi genotipi di diversi territori, si applicano principi di trattamento uniformi. Sono indicati con numeri arabi (da uno a sei), e quasi-tipi o sottotipi sono indicati con lettere dell'alfabeto latino (a, b, c, d, e), e così via:

  1. Il primo genotipo. È distribuito ovunque: si distinguono tre quasi-tipi (1a, 1b, 1c). Quando si conferma questo genotipo, si dovrebbe contare sul trattamento a lungo termine per un anno o più.
  2. Il secondo genotipo. L'ubiquità del genotipo e i quattro quasi-tipi (2 a, b, c, d) sono caratteristici. La durata del trattamento di solito non supera i sei mesi.
  3. Il terzo genotipo. Distribuito ovunque. La presenza di sei quasi-tipi (3 a, b, c, d, e, f) è dimostrata. Questo genotipo è caratterizzato da degenerazione grassa (infiltrazione) del parenchima epatico - steatosi. Il tempo di trattamento dipende dalla qualità della diagnosi. Il tempo medio di trattamento è limitato a sei mesi.
  4. Il quarto genotipo. Distribuito nei paesi del Medio Oriente e dell'Africa centrale. Nelle condizioni della Russia è poco studiato. Dieci quasi-tipi (4a, b, c, d, e, f, g, h, i, j) sono distinti.
  5. Quinto genotipo. Primo registrato in Sud Africa. Ha un quasi-tipo. Nelle condizioni del nostro paese rimane patologia mal studiata.
  6. Sesto genotipo. Registrato in paesi asiatici, ha un quasi-tipo. Nelle condizioni della Russia è poco studiato.

Il termine "genotipo" indica le differenze del virus a livello molecolare (genetico).

I sintomi dell'epatite C in donne e uomini

Il periodo di incubazione della malattia fino alla comparsa dei primi segni dura da 1,5 a 6 mesi (in media, 2-3). L'epatite C acuta (vedi foto) è caratterizzata da un decorso benigno, la condizione si normalizza rapidamente, i sintomi della malattia sono lievi o moderati:

  • sintomi dispeptici non espressi (1-2 volte vomito, pesantezza o opacità, dolore scoppiante nel giusto ipocondrio, feci instabili, nausea, perdita di appetito, sensazione di amarezza in bocca);
  • aumento della temperatura corporea ai numeri subfebrilari (circa un terzo dei pazienti noti), la febbre alta non è tipica;
  • fegato ingrossato;
  • colorazione itterica della pelle e delle mucose visibili, ikterichnost sclera;
  • colorazione delle urine scure, decolorazione delle feci.

È caratteristico che la gravità della malattia nell'epatite C acuta sia meno pronunciata rispetto ad altre forme di epatite virale. Il recupero sullo sfondo di un processo acuto si verifica nel 15-35% degli individui infetti, in altri casi la malattia diventa cronica e dura per molti anni e persino decenni.

Sintomi di epatite cronica C

Sfortunatamente, nel 70-80% dei casi, l'epatite C ha un decorso cronico primario. Per molti anni, la malattia scorre nascosta, quasi senza mostrarsi. Una persona non è consapevole della sua malattia, conduce una vita normale, usa l'alcol, aggravando le sue condizioni, ha rapporti sessuali non protetti e infetta gli altri. La funzione del fegato nell'epatite C rimane compensata per molto tempo, ma spesso tale benessere immaginario termina con insufficienza epatica acuta.

Quali segni indiretti possono spingere una persona a pensare alla violazione della funzionalità epatica?

  1. Dolori sordi sotto la costola destra, nausea intermittente, disturbi del gusto. È importante capire che con la morte graduale delle cellule epatiche, i restanti aumenti compensatori della massa tissutale. Il fegato aumenta di dimensioni e allunga la capsula del fegato, c'è dolore. Poiché questo accade gradualmente, i dolori acuti o acuti non sono caratteristici della cirrosi sullo sfondo dell'epatite.
  2. Debolezza, letargia e sonnolenza. Sintomi estremamente aspecifici caratteristici di molte malattie, tuttavia, i pazienti con epatite spesso caratterizzano la loro debolezza come "terrificante". "Non riesco ad aprire gli occhi", "Sono pronto per dormire 20 ore al giorno", "le mie gambe sono indebolite" - queste caratteristiche sono spesso ascoltate dai medici delle malattie infettive.
  3. Ingiallimento periodico della pelle e delle mucose. Nel decorso cronico dell'epatite C, l'ittero appare e scompare. Spesso, i pazienti notano un leggero ingiallimento della sclera o della pelle la mattina dopo la cena di vacanza con un'abbondanza di cibi grassi, carne e alcol. Così, nei giorni ordinari, il fegato affronta lo scambio di bilirubina, ma dopo un "doppio" attacco di cibi grassi e alcol, rifiuta temporaneamente.
  4. I dolori articolari sono anche un sintomo non specifico dell'epatite, ma si verificano abbastanza spesso.
  5. La comparsa di lividi, ematomi, vene varicose, sanguinamento eccessivo delle gengive, abbondanti mestruazioni nelle donne indicano una carenza di fattori di coagulazione per i quali il fegato è responsabile.
  6. La pelle secca e pallida, la perdita dei capelli, la fragilità e la laminazione delle unghie sono le conseguenze della mancanza di vitamine e del metabolismo del ferro, di cui è responsabile il fegato. Spesso, i pazienti con epatite hanno una marcata mancanza di vitamine del gruppo B e ferro, portando ad anemia (anemia).
  7. L'impotenza e l'infertilità sono spesso osservate in pazienti con epatite C. Incapacità di concepire un bambino, aborto abituale è spesso osservato nelle donne portatrici di epatite C. I principali sintomi "sessuali" dell'epatite C negli uomini sono impotenza e alterazione della spermatogenesi. Ciò è dovuto a una violazione del metabolismo degli ormoni sessuali, che necessariamente passano le loro trasformazioni nel fegato.
  8. La sindrome edematosa e la sua manifestazione estrema è l'ascite. Il gonfiore si verifica a causa di una quantità insufficiente di proteine ​​e sostanze nutritive nel sangue. L'ascite è un accumulo di liquido nella cavità addominale con un aumento proporzionale nell'addome, che il paziente nota. Ciò è dovuto a un alterato flusso sanguigno nei vasi della cavità addominale. Questo sintomo è caratteristico della cirrosi sullo sfondo dell'epatite. A volte nella cavità addominale si accumula fino a 20 litri di liquido.

Molto spesso (in circa il 70% dei casi) tutti i sintomi di epatite acuta e (successivamente) cronica sono stati assenti per molti anni, una persona infetta è preoccupata per la fatica, pesantezza ricorrente nell'ipocondrio destro, intolleranza a intenso sforzo fisico. In questo caso, lo stato portatore del virus viene determinato casualmente durante gli esami preventivi, durante il ricovero in ospedale o nel tentativo di donare sangue come donatore.

Come trattare?

Nel trattamento dell'epatite C cronica, non esiste un singolo standard di trattamento, ogni caso è puramente individuale. Il trattamento completo è prescritto dopo un'attenta analisi dei seguenti fattori:

  1. L'entità del danno epatico;
  2. Probabilità di successo;
  3. La volontà del paziente di iniziare la terapia;
  4. La presenza di malattie concomitanti;
  5. Rischio potenziale di eventi avversi.

Il trattamento più efficace dell'epatite C virale oggi include la conduzione di una terapia antivirale complessa con ribavirina e interferone. Questi farmaci sono genotipici generali, cioè efficaci contro tutti i genotipi del virus.

La difficoltà di trattamento risiede nel fatto che alcuni pazienti mal tollerano l'interferone e questo farmaco non è ampiamente disponibile. Il costo del trattamento dell'epatite C non è alla portata di tutti, quindi molti pazienti semplicemente non completano il trattamento e il virus sviluppa resistenza ai farmaci assunti. Se il paziente inizia ulteriormente un nuovo ciclo di terapia con la resistenza ai farmaci antivirali, l'effetto del trattamento non lo sarà.

Maggiori possibilità di segni positivi di risposta alla terapia di combinazione dell'epatite C negli individui:

  1. Razza europea;
  2. Sesso femminile;
  3. Peso inferiore a 75 kg;
  4. Età inferiore a 40 anni;
  5. Bassa insulino-resistenza;
  6. Assenza di segni di marcata cirrosi.

La maggior parte dei medici usa un regime di trattamento combinato per l'epatite B, la cosiddetta doppia terapia - una combinazione di interferone, che combatte attivamente il virus e la ribavirina, che potenzia l'effetto dell'interferone.

Un interferone a breve durata d'azione viene somministrato quotidianamente al paziente, o una volta ogni tre giorni, e un interferone a lunga durata d'azione (interferone pegilato) una volta alla settimana, in combinazione con ribavirina (usata giornalmente sotto forma di pillola). A seconda del tipo di virus, il corso è di 24 o 48 settimane. Il genotipo 2 e 3 rispondono meglio alla terapia: il successo del trattamento è dell'80-90%.

Con il 1 ° genotipo, la terapia combinata ha successo nel 50% dei casi. Se il paziente ha controindicazioni alla terapia di associazione, viene prescritta la monoterapia con interferone alfa. In questo caso, il corso della terapia dura 12-18 mesi. La monoterapia prolungata con interferone-alfa riduce la carica virale nel 30-50% dei casi.

Nuovi farmaci per il trattamento

Per novembre 2016, l'ultima fase III degli studi clinici è in corso con regimi terapeutici di nuova generazione composti da due o tre inibitori di sofosbuvir / velpatasvir / voxilaprevir di Gilead e gletsaprevir / pibrentasvir ± sofosbuvir, testati da AbbVie. Entrambe le modalità dimostrano un'elevata attività pangenotipica ed efficacia in soggetti con resistenza multipla. Entrambi i regimi hanno ricevuto lo status di terapia innovativa dalla FDA americana: la loro registrazione è prevista per il 2017-2018.

Fasi I - II degli studi clinici includono i primi rappresentanti pangenotipici della classe degli inibitori non nucleosidici della polimerasi NS-31C CC-31244 e la forma iniettabile dell'azione prolungata di GSK2878175. Entrambi gli inibitori possono potenzialmente essere usati in terapia combinata con DAA di altre classi, così come con farmaci antivirali di azione indiretta.

L'epatite C può andare via senza trattamento?

La probabilità di guarire dall'epatite C acuta e il recupero è, secondo varie fonti, fino al 10-30%. L'epatite C acuta non viene praticamente diagnosticata e nella maggior parte dei casi diventa cronica.

L'epatite C cronica non passa da sola e richiede un trattamento.

Quanto costa il trattamento?

Il costo dei farmaci moderni richiesti per il trattamento può variare da $ 550 a $ 2500 al mese. La durata del ciclo di trattamento è di 12 mesi (rispettivamente, $ 6600-30000 all'anno).

I trattamenti più recenti, più efficaci, studiati, convenienti per l'uso prodotti da società rinomate costano di più - 40-100 mila dollari per un corso di terapia.

I costi principali derivano dai preparati ad interferone. Gli interferoni peghigliati di produzione estera sono più costosi degli interferoni convenzionali di qualsiasi produttore.

Quanto può durare la terapia?

La scelta dello schema e la durata del ciclo di trattamento dipendono dal decorso e dallo stadio dell'epatite C, che è determinata dal medico. Il trattamento con una combinazione di interferone e ribavirina può durare 12 mesi.

Tuttavia, a differenza di molte altre malattie infettive, nell'epatite C cronica non esiste un singolo standard di trattamento, è raccomandata una pianificazione individuale in casi particolari. Esistono protocolli di trattamento complessi, che tengono conto del genotipo del virus, dello stato del fegato (indicatori della sua funzione e cambiamenti nel tessuto durante la biopsia), carica virale.

Le dosi di farmaci e lo schema della loro destinazione possono variare e dipendono anche dal tipo di farmaci (ad esempio, forme diverse di interferone).

C'è un vaccino contro l'epatite C?

Non esiste un vaccino corrente. Tuttavia, la sua ricerca è in corso.

Gli scienziati da molto tempo non sono in grado di rilevare una proteina virale stabile specifica per tutti i genotipi e sottospecie del virus dell'epatite C, che produce anticorpi neutralizzanti. Si stanno studiando le possibilità delle tecnologie di ingegneria genetica per creare un tale vaccino.

Attualmente, diversi gruppi di ricercatori stanno cercando tecnologie per creare vaccini contro il virus dell'epatite C. Secondo l'OMS, studi clinici in Europa sono sottoposti a vaccino per il trattamento dell'epatite C. Esistono diversi progetti internazionali per sviluppare un vaccino preventivo contro l'epatite C.

Come proteggere il fegato se l'epatite C è già rilevata

Se i test hanno mostrato la presenza di infezione (anti-HCV), allora dovresti:

  1. Abbandonare immediatamente l'uso di alcol;
  2. Trova il tuo dottore e periodicamente gli appare;
  3. Non adottare metodi di trattamento (compresi quelli non soggetti a prescrizione medica, "non tradizionali", "autorizzati come innocui") senza il parere del medico;
  4. Essere vaccinati contro l'epatite B (in ogni caso) e contro l'epatite A (se ci sono cambiamenti nella funzionalità epatica).

Nutrizione e dieta

Il cibo per l'epatite C dovrebbe essere diverso dalla dieta standard. Il rispetto di una dieta specifica è urgentemente necessario, quindi è necessario prendere il cambiamento con piena responsabilità. Completa eliminazione delle bevande alcoliche - il primo e obbligatorio articolo. Inoltre, esiste un elenco completamente accettabile di prodotti alimentari consentiti:

  • manzo, coniglio, vitello, cotto a vapore o bollito. Polpette, polpette e altre varianti di piatti a base di carne dovrebbero essere cotti a bagnomaria;
  • yogurt, kefir e ricotta a basso contenuto di grassi;
  • pasta tutti i tipi di cereali;
  • burro vegetale e leggero;
  • zuppe vegetariane trasparenti (verdure, cereali, pasta);
  • pollo magro e pesce bollito;
  • verdure fresche e bollite, eccetto legumi, aglio e ravanello;
  • uvetta, albicocche secche, prugne e frutti maturi, succosi e dolci.

Dolci, cibi piccanti, salati, affumicati, fritti e uova crude devono essere eliminati irrevocabilmente. Scegliendo le tattiche di una corretta alimentazione, ricorda che per soddisfare appieno il corpo e costruire nuove cellule, il cibo deve includere non solo carboidrati, proteine ​​e grassi, ma anche vitamine, minerali e acqua. Una dieta rigorosa ma equilibrata è molto importante durante i primi sei mesi di trattamento ed è meglio attenersi a questa dieta per diversi anni. Più a lungo mangiamo secondo l'elenco di cui sopra, più è facile abbandonare definitivamente i cibi vietati.

prevenzione

Un vaccino specializzato contro l'epatite C non esiste oggi. Pertanto, come prevenzione della malattia, si raccomanda di seguire una serie di semplici regole:

  1. Con le iniezioni non è possibile utilizzare un ago per più persone.
  2. Gli strumenti per il body piercing e il tatuaggio dovrebbero essere sterilizzati dopo ogni uso e il master dovrebbe usare guanti monouso.
  3. Strumenti per manicure, rasoi, spazzolini da denti devono essere personali e non utilizzati da altre persone.
  4. Sesso sicuro Va ricordato che sebbene la probabilità di infezione durante il rapporto sessuale non protetto sia relativamente piccola, aumenta drammaticamente con connessioni casuali. In questi casi, l'uso di un preservativo è obbligatorio.

Per evitare di infettare un futuro bambino, una donna durante la pianificazione della gravidanza deve superare un test per l'epatite C.

Pronostico per la vita, quanto vivo?

Nei pazienti con epatite attiva, vale a dire con un'attività transaminasica costantemente aumentata, il rischio di trasformazione in cirrosi entro 20 anni raggiunge il 20%. Nel 5% dei pazienti con cirrosi, si può sviluppare un carcinoma epatico primario.

La probabilità di sviluppare un cancro al fegato è più alta con il decorso simultaneo di due infezioni - epatite B ed epatite C. L'uso di alcol a lungo termine è anche associato ad un rischio più elevato di sviluppare un cancro al fegato.

Quanti vivono con una tale diagnosi? Le statistiche complessive dei risultati dell'epatite C sono le seguenti. Su 100 persone infettate dal virus dell'epatite C,

  • 55-85 persone avranno un'infezione cronica (epatite cronica o trasporto senza sintomi);
  • 70 persone avranno una malattia epatica cronica;
  • 5-20 persone svilupperanno cirrosi entro 20-30 anni;
  • 1-5 persone moriranno per gli effetti dell'epatite cronica C (cirrosi o cancro del fegato);

Per prevenire queste conseguenze dell'epatite C cronica, è necessario sottoporsi a un trattamento.

Epatite C - sintomi e trattamento, primi segni

L'epatite C è una malattia infiammatoria del fegato, si sviluppa sotto l'influenza del virus dell'epatite C. Un vaccino efficace che potrebbe proteggere contro questo virus non esiste ancora in natura e non apparirà presto.

È di due tipi: acuto e cronico. Nel 20% dei casi, le persone con epatite acuta hanno buone possibilità di guarigione e nell'80% il corpo del paziente non è in grado di superare il virus stesso e la malattia diventa cronica.

La trasmissione del virus avviene attraverso l'infezione attraverso il sangue. Oggi nel mondo ci sono 150 milioni di persone che sono portatrici di epatite C cronica, e ogni anno con esito fatale, l'epatite finisce in 350 mila pazienti.

Fondamentalmente, i primi sintomi di epatite C compaiono dopo 30-90 giorni dal momento dell'infezione. Ecco perché se ti senti male, apatia, stanchezza e altri fenomeni che sono insoliti per il tuo corpo, allora è meglio che tu vada da un dottore. Ciò è necessario per consentire al medico di effettuare una diagnosi accurata e sulla base di esso ha scelto il trattamento più efficace.

Come viene trasmessa l'epatite C.

Cos'è? L'infezione si verifica principalmente attraverso il contatto con il sangue di una persona infetta. L'epatite C viene anche trasmessa durante le procedure mediche: raccolta e trasfusione di sangue, operazioni chirurgiche e manipolazioni dal dentista.

La fonte dell'infezione può essere strumenti per manicure, tatuaggi, aghi, forbici, rasoi, ecc. Se la pelle o le mucose sono danneggiate, l'infezione può verificarsi a contatto con il sangue di una persona infetta.

In rari casi, l'epatite C trasmette attraverso il contatto sessuale. Le donne incinte infette hanno il rischio che il bambino sia stato infettato dal virus durante il parto.

Più difficile da trasportare il virus:

  • alcolisti.
  • persone che soffrono di altre malattie croniche del fegato, compresa l'altra epatite virale.
  • Individui infetti da HIV
  • persone anziane e bambini.

La malattia dell'epatite C non si trasmette nei contatti domestici attraverso abbracci, strette di mano, con questa malattia è possibile utilizzare piatti e asciugamani comuni, ma non è possibile utilizzare articoli per l'igiene personale (rasoi, forbicine per unghie, spazzolini da denti). Il meccanismo di trasmissione della malattia è solo ematogena.

I sintomi dell'epatite C

Nella maggior parte delle situazioni, l'epatite C virale procede lentamente, senza sintomi pronunciati, rimanendo non diagnosticata per anni e si manifesta anche con una significativa distruzione del tessuto epatico. Spesso, per la prima volta, ai pazienti viene diagnosticata l'epatite C, quando già si presentano segni di cirrosi o di carcinoma epatocellulare al fegato.

Il periodo di incubazione per l'epatite è di 1-3 mesi. Anche dopo la fine di questo periodo, il virus potrebbe non manifestarsi fino a quando le lesioni epatiche non diventeranno troppo pronunciate.

Dopo l'infezione nel 10-15% dei pazienti che si autoalimentano, nel restante 85-90%, l'epatite C cronica primaria si sviluppa senza sintomi specifici (come dolore, ittero, ecc.). E solo in rari casi, i pazienti sviluppano una forma acuta con ittero e manifestazioni cliniche gravi che, con un'adeguata terapia, portano a una cura completa del paziente per l'epatite C.

I primi segni di epatite C in donne e uomini

Per lungo tempo, i sintomi praticamente non disturbano i pazienti. Nel periodo acuto, la malattia si manifesta solo debolezza, affaticamento, a volte procede sotto l'apparenza di un'infezione virale respiratoria con dolori muscolari e articolari. Questi possono essere i primi segni di epatite C in donne o uomini.

L'ittero e qualsiasi manifestazione clinica di epatite si sviluppano in una percentuale molto piccola di infetti (la cosiddetta forma itterica della malattia). E questo è davvero eccellente: i pazienti si rivolgono immediatamente agli specialisti e riescono a curare la malattia.

Tuttavia, la maggior parte delle persone infette porta con sé l'epatite C: con una forma anicterica, o non si accorgono di nulla, né cancellano l'indisposizione per il raffreddore.

Epatite cronica

La peculiarità dell'epatite C cronica è un sintomo latente o lieve per molti anni, di solito senza ittero. Un'aumentata attività di ALT e ACT, il rilevamento di anti-HCV e HCV RNA nel siero per almeno 6 mesi sono i principali segni di epatite C cronica. Il più delle volte, questa categoria di pazienti viene rilevata per caso, durante l'esame prima dell'intervento chirurgico, durante la visita medica, ecc..

Il decorso dell'epatite C cronica può essere accompagnato da tali manifestazioni extraepatiche immuno-mediate come crioglobulinemia mista, lichen planus, glomerulonefrite mesangiocapillare. porfiria della pelle tardiva, sintomi reumatoidi.

Nella foto danno al fegato nel lungo corso dell'epatite.

forma

Dalla presenza di ittero nella fase acuta della malattia:

Per la durata del flusso.

  1. Acuta (fino a 3 mesi).
  2. Lunga durata (più di 3 mesi).
  3. Cronico (più di 6 mesi).
  1. Recovery.
  2. Epatite cronica C.
  3. Cirrosi epatica.
  4. Carcinoma epatocellulare

Per la natura delle manifestazioni cliniche della fase acuta della malattia, si distinguono l'epatite C tipica e atipica, i tipici sono tutti i casi della malattia, accompagnati da ittero clinicamente visibile e forme atipiche - anicteri e subcliniche.

palcoscenico

La malattia è divisa in più fasi, a seconda di quale terapia è prescritta.

  1. Acuto - è caratterizzato da un flusso asintomatico. Una persona è spesso inconsapevole di quale sia la portatrice del virus e la fonte dell'infezione.
  2. Cronico - nella stragrande maggioranza dei casi (circa l'85%), il decorso cronico della malattia inizia dopo la fase acuta.
  3. Cirrosi epatica - si sviluppa con un'ulteriore progressione della patologia. Questa è una malattia molto grave che minaccia la vita del paziente in sé e per sé e, con la sua presenza, il rischio di sviluppare altre complicanze - in particolare il cancro del fegato - aumenta significativamente.

Una caratteristica distintiva del virus è la capacità di mutazioni genetiche, a seguito della quale circa 40 sottotipi di HCV (all'interno di un genotipo) possono essere rilevati simultaneamente nel corpo umano.

Genotipi di virus

La gravità e il decorso della malattia dipendono dal genotipo dell'epatite C, che ha infettato il corpo. Attualmente sono noti sei genotipi con diversi sottotipi. Più spesso nel sangue dei pazienti vengono rilevati virus 1, 2 e 3 genotipi. Causano le manifestazioni più pronunciate della malattia.

In Russia, il genotipo 1b più comune. Meno comunemente, 3, 2 e 1a. L'epatite C, causata dal virus del genotipo 1b, è caratterizzata da un decorso più grave.

Diagnosi di epatite

Il metodo principale per diagnosticare l'epatite B è la presenza di anticorpi contro il virus dell'epatite C (anti-HCV) e HCV-RNA. I risultati positivi di entrambi i test confermano la presenza di infezione. La presenza di anticorpi della classe IgM (anti-HCV IgM) consente di distinguere l'epatite attiva dal trasporto (quando non ci sono anticorpi IgM e ALT è normale).

La ricerca mediante PCR per l'epatite C (reazione a catena della polimerasi) consente di determinare la presenza di RNA dell'epatite C nel sangue del paziente. La PCR è necessaria per tutti i pazienti con sospetta epatite virale. Questo metodo è efficace sin dai primi giorni di infezione e svolge un ruolo importante nella diagnosi precoce.

Quando è più difficile trattare l'epatite C?

Secondo le statistiche, è più difficile trattare l'epatite C negli uomini, persone oltre i 40 anni, in pazienti con attività transaminasica normale, con un'alta carica virale e quelli con genotipo del virus 1 b. Naturalmente, la presenza di cirrosi nel momento in cui il trattamento inizia peggiora la prognosi.

L'efficacia del trattamento antivirale dipende da molti fattori. Con un lungo ciclo di epatite C, non è facile ottenere una completa eradicazione del virus. Il compito principale è rallentare il processo di riproduzione attiva dei virus.

Questo è possibile nella maggior parte dei casi con l'uso di schemi moderni di terapia antivirale. In assenza di moltiplicazione attiva dei virus nel fegato, la gravità dell'infiammazione diminuisce significativamente, la fibrosi non progredisce.

Trattamento dell'epatite C

Nel caso dell'epatite C, il trattamento standard è la terapia di associazione con interferone alfa e ribavirina. Il primo farmaco è disponibile sotto forma di soluzione per iniezioni sottocutanee sotto i marchi Pegasis® (Pegasys®), PegIntron® (PegIntron®). Peginterferone assunto una volta a settimana. La ribavirina è disponibile con diversi marchi e viene assunta in forma di pillola due volte al giorno.

  1. L'interferone-alfa è una proteina che il corpo sintetizza in modo indipendente in risposta a un'infezione virale, vale a dire in realtà è un componente di protezione antivirale naturale. Inoltre, l'interferone-alfa ha attività antitumorale.
  2. La ribavirina come autotrattamento ha bassa efficacia, ma se combinata con l'interferone ne aumenta significativamente l'efficacia.

La durata della terapia può variare da 16 a 72 settimane, a seconda del genotipo del virus dell'epatite C, la risposta al trattamento, che è in gran parte dovuta alle caratteristiche individuali del paziente, che sono determinate dal suo genoma.

Un ciclo di terapia antivirale che utilizza il "gold standard" può costare al paziente da $ 5.000 a $ 30.000, a seconda della scelta dei farmaci e del regime di trattamento. I costi principali derivano dai preparati ad interferone. Gli interferoni peghigliati di produzione estera sono più costosi degli interferoni convenzionali di qualsiasi produttore.

L'efficacia del trattamento dell'epatite C è valutata mediante parametri biochimici del sangue (diminuzione dell'attività transaminasica) e la presenza di HCV -RNA, riducendo il livello di carica virale.

Nuovo nel trattamento dell'epatite

Gli inibitori della proteasi (inibitori della proteasi) sono diventati una nuova classe di farmaci per il trattamento dell'infezione da HCV: sono farmaci che agiscono direttamente sul virus dell'epatite, con il cosiddetto effetto antivirale diretto, che sopprimono o bloccano i passaggi chiave di moltiplicazione del virus intracellulare.

Attualmente, negli Stati Uniti e nell'UE, l'uso di due di questi farmaci è approvato: Telaprevir (INCIVEK) e Boceprevir (ViCTRELIS).

Secondo i risultati delle sperimentazioni cliniche per maggio 2013, l'efficacia di questi farmaci è del 90-95%, per quanto riguarda il trattamento standard, la sua efficacia non supera il 50-80%.

Effetti collaterali della terapia antivirale

Se viene indicato un trattamento con interferone, gli effetti collaterali non possono essere evitati, ma sono prevedibili.

Dopo la prima iniezione di interferone, la maggior parte delle persone sperimenta la sindrome di ARVI. Dopo 2-3 ore, la temperatura aumenta fino a 38-39 ° C, ci possono essere brividi, dolori muscolari e articolari, una debolezza evidente. La durata di questa condizione può variare da alcune ore a 2-3 giorni. Entro 30 giorni il corpo è in grado di abituarsi all'introduzione di interferone, quindi a quest'ora la sindrome simil-influenzale scompare. Debolezza e stanchezza restano, ma dobbiamo sopportarlo.

Per quanto riguarda la ribavirina, è generalmente ben tollerata. Ma abbastanza spesso nell'analisi generale di sangue, i fenomeni di anemia emolitica leggera sono annotati. Può verificarsi lieve dispepsia, raramente mal di testa, aumento del livello di acido urico nel sangue, raramente si osserva intolleranza al farmaco.

Quanto vive con l'epatite C, se non trattata

È molto difficile dire esattamente quante persone convivono con l'epatite C, proprio come con l'infezione da HIV. In un numero medio di pazienti, la cirrosi può svilupparsi in circa 20-30 anni.

In percentuale, a seconda dell'età della persona, la cirrosi si sviluppa:

  • nel 2% dei pazienti infetti prima dei 20 anni;
  • Il 6% ha ricevuto un virus di 21-30 anni;
  • Il 10% di quelli infetti ha 31-40 anni;
  • nel 37% dei casi in 41-50 anni;
  • Il 63% degli infetti ha più di 50 anni.

Inoltre, la maggior parte degli studi ha dimostrato che lo sviluppo della fibrosi dipende dal genere. Negli uomini, questa patologia si sviluppa molto più rapidamente e in una forma più grave, anche se impegnata nel trattamento.

Epatite C - come viene trasmessa, sintomi, primi segni, complicanze, trattamento e prevenzione dell'epatite C

L'epatite C (C) è un'infiammazione del fegato causata dall'infezione del corpo umano da parte di un virus (virus dell'epatite C). Nel processo di riproduzione si verificano danni al tessuto epatico, cirrosi e patologie oncologiche.

Successivamente, consideriamo quale sia la malattia, quali sono le cause e i primi segni negli uomini e nelle donne, e quale trattamento è prescritto per l'epatite C negli adulti.

Cos'è l'epatite C?

L'epatite C è una malattia epatica virale. Viene anche chiamato "un gentile assassino". Questa malattia si insinua in sordina, procede senza segni luminosi e porta alle conseguenze più difficili: cancro o cirrosi epatica.

A volte l'infezione da questo virus può verificarsi senza sintomi per diversi anni. Ma dopo 15-20 anni di danno infiammatorio al fegato, l'epatite C può innescare un cambiamento distruttivo nel fegato con un cancro o cirrosi.

Il virus ha una caratteristica interessante. Lui è in continua evoluzione. Ad oggi, ci sono 11 delle sue varianti - genotipi. Ma dopo l'infezione con uno di loro, il virus continua a mutare. Di conseguenza, in un paziente possono essere identificate fino a 40 varietà di un genotipo.

Resistenza ai virus

Il virus dell'epatite C non si moltiplica in colture cellulari, il che rende impossibile studiare in dettaglio la sua resistenza nell'ambiente esterno, ma è noto che è leggermente più resistente dell'HIV, muore quando esposto ai raggi ultravioletti e resiste al riscaldamento a 50 ° C. Il serbatoio e la fonte di infezione sono persone malate. Il virus si trova nel plasma sanguigno dei pazienti.

Contagiosi come malati di epatite C acuta o cronica e persone con infezione asintomatica.

Inattivazione dell'infezione (HCV) può:

  • soluzione disinfettante (detergente contenente cloro, candeggina in rapporto 1: 100);
  • lavaggio a 60 ° C per 30-40 minuti;
  • bollire il soggetto per 2-3 minuti.

forma

L'epatite C può manifestarsi sotto forma di malattia infettiva acuta o cronica. La forma acuta può trasformarsi in cronica (più spesso accade), e la forma cronica, a sua volta, può avere episodi acuti.

Epatite virale acuta C

L'epatite C acuta è una malattia virale causata da un'infezione da HCV che entra nel flusso sanguigno e porta al danneggiamento e alla successiva distruzione del fegato. L'infezione da questo virus si verifica non solo per via parenterale, poiché l'agente eziologico di questa malattia può essere trovato non solo nel sangue di una persona malata, ma anche in altri fluidi corporei (sperma, urina, ecc.).

Forma cronica

L'epatite C cronica è una malattia infiammatoria virale del fegato causata da un virus trasmissibile per via ematica. Secondo le statistiche, la prima epatite C presente nel 75-85% dei casi diventa cronica, ed è l'infezione con il virus C che occupa la posizione di leader nel numero di complicanze gravi.

Questa malattia è particolarmente pericolosa in quanto per sei mesi o diversi anni può essere completamente asintomatica e la sua presenza può essere rilevata solo eseguendo esami del sangue clinici complessi.

Come viene trasmessa l'epatite C da persona a persona?

La principale via di infezione con l'epatite C è attraverso il sangue, quindi i donatori vengono sempre esaminati per la presenza di un virus. La sua piccola quantità può essere contenuta nella linfa, nella saliva, nel sangue mestruale nelle donne e nel liquido seminale negli uomini. Il virus può vivere da 12 a 96 ore. Il grado di probabilità di infezione dipende dall'intensità della lesione e dallo stato di immunità del corpo.

A causa delle difficoltà nell'accumulare una quantità sufficiente di materiale in studio e l'assenza di pazienti sopravvissuti, l'agente patogeno non è completamente determinato.

Dopo che il virus entra nel flusso sanguigno, penetra con il flusso sanguigno nel fegato e quindi infetta le sue cellule, quindi avviene il processo di riproduzione delle cellule infette. Questo virus si modifica facilmente e modifica la sua struttura genetica.

È questa capacità che porta al fatto che è difficile identificarsi nelle fasi iniziali.

Esistono tre modi principali di trasmissione del virus:

  1. contatto con il sangue (attraverso il sangue),
  2. sessuale,
  3. verticale (da madre a figlio)

Il virus è instabile nell'ambiente esterno, pertanto non viene trasmesso dalle famiglie quando si utilizzano articoli, vestiti e utensili domestici comuni. L'agente patogeno è contenuto nel sangue, nello sperma, nelle secrezioni vaginali e nel latte materno, ma non si moltiplica sulla pelle e nella saliva, non viene escreto nell'ambiente esterno, pertanto è impossibile ottenere l'epatite C attraverso le goccioline trasportate dall'aria o attraverso il contatto.

Trasmissione dell'epatite C attraverso il sangue

L'epatite C viene trasmessa principalmente attraverso il flusso sanguigno. Il siero e il plasma sanguigno dei portatori dell'infezione sono pericolosi anche una settimana prima dell'inizio dei sintomi della malattia e conservano la capacità di contrarre l'infezione per molto tempo.

Affinché si verifichi una trasmissione, una quantità sufficiente di sangue contaminato deve entrare nel flusso sanguigno, quindi il modo più frequente di trasmissione del patogeno è quello di iniettarlo attraverso un ago durante un'iniezione.

Il primo gruppo a rischio sono i tossicodipendenti. Inoltre, la trasmissione in questo modo potrebbe essere con:

  • tatuaggio,
  • piercing
  • nel processo di agopuntura,
  • negli ospedali con trasfusioni di sangue o altre manipolazioni,
  • quando si effettuano manicure e pedicure,
  • l'uso di dispositivi di manicure comuni,
  • visitare lo studio dentistico, con conformità impropria con le misure degli strumenti di disinfezione.

Trasmissione sessuale

Fattori che contribuiscono all'infezione da epatite C durante i rapporti sessuali:

  • violazione dell'integrità della superficie interna del tratto genitale e della cavità orale, loro sanguinamento;
  • malattie infiammatorie degli organi genitali;
  • rapporti sessuali durante le mestruazioni;
  • malattie urinarie e genitali associate, infezione da HIV;
  • la promiscuità;
  • la pratica del sesso anale;
  • sesso traumatico in modo aggressivo.

Fattori di rischio

Esiste il rischio di infezione quando si eseguono varie procedure mediche se i requisiti di sterilità non sono soddisfatti. Puoi diventare infetto nelle seguenti situazioni:

  • vari interventi chirurgici;
  • procedure di iniezione;
  • manipolazioni ginecologiche, inclusi gli aborti;
  • trasfusione di sangue e dei suoi componenti;
  • manipolazioni diagnostiche con prelievo di sangue;
  • procedure dentistiche;
  • eseguire manicure, pedicure;
  • imbottitura per tatuaggio;
  • sesso non protetto con una persona con epatite;
  • durante il parto e l'allattamento (percorso verticale dell'infezione da madre a figlio).

Puoi anche selezionare e singoli gruppi di persone per le quali il trasferimento di questa malattia è più difficile:

  • tossicodipendenti alcolici;
  • persone con infezione da HIV;
  • con malattie epatiche croniche, così come altre epatiti virali;
  • le persone anziane, così come i bambini - in questi casi, tra le altre cose, possono spesso essere controindicati in misure a pieno titolo per il trattamento antivirale.

L'epatite C non può essere trasmessa:

  1. starnuti in volo, parlando;
  2. con abbracci, tocchi e strette di mano;
  3. con il latte materno della madre;
  4. attraverso cibo e bevande;
  5. durante l'utilizzo di articoli per la casa, utensili comuni, asciugamani.

In casi estremamente rari, la via di trasmissione domestica è fissa, ma la condizione per lo sviluppo della malattia è l'ingresso del sangue del paziente in ferite, abrasioni o tagli di una persona sana.

I primi segni negli uomini e nelle donne

Dopo l'infezione, l'epatite si comporta molto segretamente. I virus si moltiplicano nel fegato, distruggendo gradualmente le sue cellule. Allo stesso tempo, nella maggior parte dei casi, la persona non sente alcun segno della malattia. E dal momento che non ci sono lamentele e ricorsi al medico, non c'è nemmeno un trattamento.

Di conseguenza, nel 75% dei casi la malattia diventa cronica e si verificano gravi conseguenze. Spesso una persona avverte i primi segni della malattia solo quando si è sviluppata la cirrosi epatica, che non può essere curata.

C'è un piccolo elenco di sintomi che possono indicare la presenza del virus dell'epatite:

  • debolezza crescente;
  • stanchezza;
  • astenia (debolezza generale di tutti gli organi e sistemi corporei).

Tali manifestazioni sono caratteristiche di qualsiasi malattia cronica o cronica o intossicazione (intossicazione). Più tardi potrebbe verificarsi:

  • ittero;
  • lo stomaco può aumentare di volume (ascite);
  • possono comparire le vene dei ragni;
  • mancanza di appetito;
  • nausea;
  • dolore articolare (sintomo raramente presente);
  • può aumentare la milza e il fegato.

In generale, si può affermare che i primi segni sono sintomi di intossicazione e disfunzione epatica.

I sintomi dell'epatite C

Il periodo di incubazione dell'epatite C virale varia da 2 a 23 settimane, a volte ritardando fino a 26 settimane (che è dovuta a una o all'altra via di trasmissione). Nella stragrande maggioranza dei casi (95%), la fase acuta dell'infezione non si manifesta con sintomi gravi, procedendo in una versione subclinica anterterica.

Successivamente, la diagnosi sierologica dell'epatite C può essere associata alla probabilità di una "finestra immunologica" - un periodo in cui, nonostante l'infezione, non ci sono anticorpi contro il patogeno, o il loro titolo è incommensurabilmente piccolo.

Nel 61% dei casi, l'epatite virale viene diagnosticata in laboratorio 6 o più mesi dopo i primi sintomi clinici.

Segni di epatite acuta C

La maggior parte delle persone infette non nota alcun sintomo della malattia, quindi la fase acuta spesso non viene diagnosticata. Il paziente può notare:

  • esantema - eruzione cutanea (come orticaria);
  • sindrome simil-influenzale (febbre, febbre a breve termine, dolore muscolare, articolazioni);
  • malessere generale (affaticamento, perdita di appetito);
  • sindrome dispeptica (nausea, vomito, pesantezza allo stomaco, dolore nell'ipocondrio destro);
  • Sindrome di ittero (pelle gialla o sclera degli occhi, alleggerimento delle feci, urina scura);
  • con la palpazione c'è un moderato aumento delle dimensioni del fegato, a volte della milza.

Sintomi di epatite cronica C

Sfortunatamente, nell'80% dei casi, l'epatite C ha un decorso cronico primario. Per molti anni, la malattia scorre nascosta, quasi senza mostrarsi. Una persona non è consapevole della sua malattia, conduce una vita normale, usa l'alcol, aggravando le sue condizioni, ha rapporti sessuali non protetti e infetta gli altri. La funzione del fegato nell'epatite C rimane compensata per molto tempo, ma spesso tale benessere immaginario termina con insufficienza epatica acuta.

I seguenti sintomi sono caratteristici per lo stadio cronico della malattia (manifestazioni cliniche):

  • malessere generale, in cui il modello del sonno è disturbato;
  • le feci diventano leggere;
  • puoi sentire il dolore e il leggero dolore nel giusto ipocondrio;
  • c'è un'eruzione cutanea sul corpo, che è simile alle allergie;
  • aumento della temperatura corporea, che si verifica periodicamente nell'arco della giornata;
  • l'appetito è disturbato, c'è disgusto per il cibo;
  • La pelle secca e pallida, la perdita dei capelli, la fragilità e la laminazione delle unghie sono le conseguenze della mancanza di vitamine e del metabolismo del ferro, di cui è responsabile il fegato. Spesso, i pazienti con epatite hanno una marcata mancanza di vitamine del gruppo B e ferro, portando ad anemia (anemia).

Il virus dell'epatite C colpisce non solo il fegato, ma anche altri organi. Se una persona è malata da molto tempo (10 anni o più), si possono manifestare i cosiddetti sintomi extraepatici dell'epatite C. Più della metà di questi sintomi sono associati a crioglobulinemia, una malattia a volte causata dal virus dell'epatite C, in cui si trovano proteine ​​speciali nel sangue del paziente. - crioglobuline.

complicazioni

Complicazioni di epatite C:

  • fibrosi epatica;
  • steatoepatite - fegato grasso;
  • cirrosi epatica;
  • carcinoma epatico (carcinoma epatocellulare);
  • ipertensione portale;
  • ascite (aumento del volume addominale);
  • vene varicose (principalmente negli organi interni);
  • sanguinamento latente;
  • encefalopatia epatica;
  • l'adesione di un'infezione secondaria - virus dell'epatite B (HBV).

Quando si beve alcol, i sintomi aumentano e il danno patologico al fegato viene accelerato fino a 100 volte.

Riconoscere le complicazioni con le seguenti caratteristiche:

  • inizia una grave esacerbazione, che è caratterizzata da distensione addominale con perdita di peso generale, in quanto l'acqua inizia ad accumularsi nella cavità addominale;
  • il fegato è coperto da cicatrici (tessuto connettivo);
  • le cosiddette stelle, strisce venose appaiono sul corpo.

L'aspetto dei suddetti segni e cambiamenti nel corpo è un segnale per la persona di cui hanno bisogno per controllarsi e iniziare un trattamento tempestivo.

diagnostica

La diagnosi è stabilita sulla base di:

  • disponibilità di dati su un possibile metodo di infezione - il cosiddetto punto di riferimento (è caratteristico che circa la metà degli infetti non è in grado di identificare la causa della malattia);
  • la presenza di specifiche manifestazioni cliniche (nella forma itterica);
  • definizioni di IgM e IgG per HCV;
  • rilevazione dell'HCV RNA (HCV-RNA) mediante il metodo della reazione a catena della polimerasi;
  • cambiamenti nell'analisi biochimica del sangue [enzimi epatici elevati (ALT, AST), iperbilirubinemia];
  • test di timolo positivo.

Trattamento dell'epatite C (C) negli adulti

La terapia di successo include un approccio integrato: i farmaci sono combinati con metodi tradizionali, una dieta, esami regolari, i pazienti sono monitorati per lo sforzo fisico e un regime di riposo.

Il trattamento è rivolto a tali azioni:

  • eliminare il virus dal sangue;
  • ridurre, rimuovere il processo infiammatorio nel fegato;
  • prevenire la formazione di tumori, la trasformazione in cirrosi.

Come trattare l'epatite C dovrebbe essere uno specialista. Egli prescrive farmaci tenendo conto delle caratteristiche individuali dell'organismo, del genotipo del virus, della gravità della malattia.

Perché curare l'epatite C sotto controllo medico?

  1. L'osservazione da parte di uno specialista è necessaria poiché vi è il rischio di attivare la malattia con una lesione attiva del tessuto epatico e delle lesioni extraepatiche - l'intero periodo di minaccia della portatrice del virus è persistito.
  2. L'osservazione di uno specialista include la determinazione di campioni di fegato e sierologia del sangue (studio PCR sull'attività del processo infettivo).
  3. Se viene rilevata un'immagine sfavorevole dei campioni di fegato o un'elevata carica virale (elevato livello di materiale genetico virale rilevato nel sangue), è necessaria una terapia antivirale ed epatoprotettiva perché il rischio di cirrosi è elevato.

Farmaci per il trattamento

La specificità della terapia con hcv dipende da una serie di fattori che possono influenzare un risultato positivo o negativo:

  • Sesso del paziente;
  • età;
  • Durata della malattia;
  • Genotipo del virus;
  • Il grado di fibrosi

Lo scopo della terapia antivirale è il completo recupero del paziente e nella prevenzione delle lesioni infiammatorie e degenerative: fibrosi, cirrosi e cancro. La maggior parte degli specialisti per il trattamento dell'epatite C usa la terapia doppia con l'interferone, finalizzata alla lotta contro l'HWS e la ribavirina, che accelera il lavoro del primo.

Il paziente deve ricevere l'interferone giornalmente. Un altro regime di trattamento include l'introduzione di un interferone a breve durata d'azione una volta ogni tre giorni e un interferone pegellato una volta alla settimana.

I farmaci specifici che combattono l'agente eziologico della malattia sono Ribavirina, Remantadina, Zeffix. Il primo è un mezzo di terapia antivirale, che aiuta a ridurre la concentrazione del patogeno nel corpo agendo sulla sua riproduzione.

  • Il vantaggio è degno di nota dell'elevata efficienza in combinazione con i preparati a base di interferone;
  • al ribasso, uno degli effetti collaterali è l'anemia emolitica dose-dipendente.

La scelta dello schema e la durata del trattamento sono determinati dal tipo di virus, dallo stadio della malattia e dal decorso del processo di infezione. Il corso del trattamento combinato di interferone + ribavirina dura in media 12 mesi.

Non c'è bisogno di auto-medicare e usare droghe e droghe sospette. Prima di utilizzare qualsiasi farmaco, è necessario consultare il proprio medico, perché l'automedicazione può danneggiare il tuo corpo. Si prega di prendere questa malattia con gravi responsabilità.

dieta

I principi generali di nutrizione dei pazienti sono:

  • Fornire proteine ​​di alta qualità (1,0-1,2 g per kg di peso).
  • Aumentare il suo contenuto in epatite grassa. Si fa notare che nel caso dell'epatite C virale vi è una degenerazione grassa pronunciata degli epatociti.
  • Restrizione delle proteine ​​nell'insufficienza epatica nella fase di scompenso e coma minaccioso.
  • Contenuto di grassi adeguato fino a 80 g / giorno.
  • Fornire carboidrati complessi (dovrebbero essere il 50% del valore energetico) a causa dell'uso di cereali, cereali, verdure e frutta.
  • Arricchendo la dieta con vitamine (gruppo B, C, folato).
  • Controllo del contenuto di sale (limite a 8 g, e per edema e ascite - fino a 2 g).
  • L'inclusione nel cibo di prodotti specializzati (miscele proteiche composte per la correzione proteica della dieta).

Per scaricare il fegato da un paziente con epatite C, è necessario creare il proprio menu in modo che non contenga prodotti proibiti per il consumo. Le persone con epatite sono completamente vietate l'uso di bevande alcoliche, piatti speziati. È inoltre necessario abbandonare il consumo di grassi di origine non naturale (frullatore, margarina) e quelli che sono scarsamente digeriti (grassi, olio di palma, strutto).

  • varietà di carne, pesce, salsicce bollite di alta qualità;
  • cereali, pasta;
  • verdure, frutta, bacche;
  • burro, olio vegetale;
  • latticini a basso contenuto di grassi;
  • uova - non più di 1 al giorno (cucinare sodo, non si può friggere);
  • crauti (non aspro);
  • minestre a base di verdure e cereali;
  • succhi naturali (non aspro);
  • segale, pane integrale (ieri);
  • tè nero verde o debole;
  • composte, gelatine;
  • Poltiglia, marmellata, marmellata, miele, marshmallow.
  • muffin, pane appena sfornato;
  • brodi di carne, zuppe a base di loro;
  • cibo in scatola
  • qualsiasi carne affumicata, salinità;
  • pesce salato, caviale;
  • uova fritte, sode;
  • funghi;
  • conservazione;
  • bacche acide, frutta;
  • gelato;
  • cioccolato;
  • alcol;
  • spezie piccanti, sale in grandi quantità;
  • latticini grassi;
  • fagioli;
  • acqua gassata;
  • margarina, olio da cucina, strutto;
  • cipolla, acetosa, aglio, ravanello, spinaci, ravanello.

I pazienti devono seguire dieta №5 nel periodo di remissione e durante esacerbazione - №5А. La gamma di prodotti di questa opzione corrisponde alla Dieta №5, ma contiene un'elaborazione culinaria più approfondita - bollitura e pulizia obbligatoria o schiacciamento. La dieta viene applicata per 2-4 settimane, quindi il paziente viene trasferito al tavolo principale.

La prognosi per l'uomo

L'epatite C, ovviamente, può minacciare gravi complicazioni, tuttavia, e la prognosi favorevole per questa diagnosi non è esclusa, inoltre, per molti anni la malattia potrebbe non manifestarsi affatto. Durante questo periodo, non richiede un trattamento speciale - l'importante è fornire un'adeguata supervisione medica. Implica il monitoraggio regolare delle funzioni epatiche, con il risultato che, in caso di attivazione dell'epatite, viene fornita un'appropriata terapia antivirale.

Quanto vive con l'epatite C?

Per il decorso generale dell'epatite C, le statistiche hanno i seguenti esiti possibili per 100 pazienti trattati:

  1. da 55 a 85 pazienti sperimenteranno la transizione dell'epatite alla forma cronica;
  2. per 70 pazienti, la malattia epatica cronica può diventare attuale;
  3. da 5 a 20 pazienti nei prossimi 20-30 anni affronteranno lo sviluppo sullo sfondo dell'epatite cirrosi epatica;
  4. Da 1 a 5 pazienti muoiono a causa delle conseguenze provocate dall'epatite cronica C (di nuovo, si tratta di cirrosi o cancro del fegato).

prevenzione

Le principali misure preventive:

  • igiene personale;
  • maneggiare le mani e usare i guanti quando si lavora con il sangue;
  • rifiuto del sesso casuale non protetto;
  • rifiuto di assumere stupefacenti;
  • ottenere servizi medici e di cosmetologia in istituzioni ufficiali autorizzate;
  • controlli regolari per possibile contatto professionale con il sangue.

Se la famiglia è infettata da HCV:

  1. Per evitare il contatto di tagli aperti, abrasioni di una persona infetta con oggetti domestici in casa, in modo che il suo sangue non possa rimanere sulle cose usate da altri membri della famiglia;
  2. Non usare articoli per l'igiene personale comuni;
  3. Non usare questa persona come donatore.

L'epatite C è una malattia molto pericolosa, perché per molto tempo potrebbe non manifestarsi. È importante sottoporsi a diagnosi nel tempo e, in caso di rilevamento di un virus nel sangue, è imperativo iniziare il trattamento sotto la supervisione di uno specialista. Prenditi cura di te e della tua salute!


Altri Articoli Su Fegato

Colecistite

Primi sintomi di cancro al fegato

I primi sintomi del cancro del fegato non sono specifici e cominciano ad apparire gradualmente per un lungo periodo di tempo. La patologia si sviluppa in due forme: primaria e secondaria.
Colecistite

Holenzim

Il colenzima è un farmaco combinato che ha un effetto coleretico.Gli enzimi inclusi nella preparazione facilitano significativamente il processo di digestione di grassi, proteine, carboidrati, contribuendo al loro più completo assorbimento nell'intestino.